Presentazione: “L’azzurro dell’amicizia” di Imma Pontecorvo”|EVENTO PROMOZIONALE NATALE 2019

20191115_075422_0000
Ciao Notters!
La seconda segnalazione di oggi è di un libro che il nostro blog aveva già avuto l’onore di recensire per voi (per leggerla clicca qui!).
E’ un libro dalle tematiche importanti, sensibili e spesso pericolose ma purtroppo molto attuali.

L’azzurro dell’amicizia
di Imma Pontecorvo

 

51USpJ+i0PL._SX323_BO1,204,203,200_

TITOLO: L’azzurro dell’amicizia
AUTRICE: Imma Pontecorvo
EDITORE: Self-publishing
DATA PUBBLICAZIONE: seconda edizione 2019
GENERE: Narrativa/Tematiche sociali
FORMATO: Cartaceo
PAGINE: 50
PREZZO: € 6,80

SINOSSI

Alessia è un’adolescente come tante, con un’innata passione per la danza e soprattutto per la scrittura; da grande infatti sogna di diventare una giornalista.
Condivide questi interessi con la sua migliore amica, Shaila, di origini indiane. Entrambe non hanno mai badato al diverso colore della pelle o alla differenza tra le proprie culture di origine.
All’inizio del secondo anno di liceo, però, l’inserimento in classe di due ripetenti, Gilda e Iolanda, romperà gli equilibri. Fin dai primi giorni, Shaila viene aggredita dalle due bulle con insulti razzisti e minacce di violenza.
Solo grazie all’autenticità di quel bene sincero che provano l’una per l’altra, Shaila e Alessia riescono a permettere che il bene trionfi sul male ridipingendo le loro vite di azzurro.
Una storia di due ragazze adolescenti ispirata a fatti reali, che affronta i temi della disuguaglianza sociale, del razzismo e del bullismo in contesti scolastici ed extrascolastici, e che intende aprire un dialogo tra adulti e minori al fine di sensibilizzare le coscienze su questi temi che negli ultimi anni stanno condizionando la vita di molti adolescenti.

Cartolina L'azzurro dell'amicizia (1)


ESTRATTO

Mi ritrovai le braccia di Shaila attorno al mio collo, la sua fronte sulla mia spalla. Ci misi qualche secondo ad accorgermi che stava sussultando leggermente e ad avvolgerla a sua volta in un abbraccio.
Nemmeno per lei era semplice. Anzi, per lei doveva essere molto più difficile.
Sospirai. Era colpa mia se stava piangendo. Ero stato io a ritirare fuori l’argomento. Non che lei potesse ignorarlo, ma la mia incertezza, la mia riluttanza, la mia paura avevano finito per contagiare anche lei. E farla crollare. E non importava che questa fosse l’ultima cosa che volevo. Era successo e basta. E non potevo farci niente.
Ancora adesso non so spiegarmi perché successe né come fu possibile che una del genere succedesse.
Com’è possibile che succeda ancora, da altre parti, ad altre ragazze. Forse ero io quella ingenua, quella per cui non esisteva nessuna differenza di etnia, non tra me e Shaila. Come poteva importarmi il colore della sua pelle? Come poteva questo influenzare quell’amicizia così profonda e sincera che ci ha unite, nel tempo, come sorelle?
Le nostre vite si erano ridipinte di azzurro, proprio grazie all’autenticità di quel bene sincero che provavamo l’una per l’altra. Quel bene che riuscì a trionfare sul male che ci aggredì, all’improvviso, un giorno di qualche anno prima.

77319911_2701001053279956_7745261683341262848_n

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...