GLI AUTORI DI NOTTING HILL BOOKS: FEDERICA FASOLINI

Ciao Notters! ❤
Torniamo a parlarvi dei “nostri” autori e questa volta a farci compagnia è Federica Fasolini che ci propone la sua “Florence Series” costituita da due volumi.
Seguiteci per saperne di più! 🙂

divisorio

cover-1

TITOLO: “Un matrimonio (di troppo) a Myrtle Beach

AUTORE: Fasolini Federica
EDITORE: Self-publishing (tramite street-lib)
SERIE:  Florence’s series #1
GENERE: Romanzo rosa
FORMATO: eBook
PAGINE: 205
PREZZO: € 1,99
SINOSSI
Haley Foster, è la più piccola tra i sui fratelli, Aiden e Freya. Tutti e tre, lavorano nella casa editrice di famiglia, che loro padre fondò nella cittadina di Florence, nel South Carolina. Haley, si è da poco trasferita in un quartiere residenziale con la sua inseparabile cucciola di nome Sky. La sua vita era perfetta, aveva una famiglia fantastica e un lavoro splendido. Sembrava andare tutto a meraviglia fino a quando non riceve l’invito al matrimonio del suo ex fidanzato Drew con la sua amica del college Jenna. Haley decide che deve partecipare assolutamente a quel matrimonio, così sua madre la smetterà di preoccuparsi per la sua vita amorosa, ma non può certo andarci da sola.
Jude Coleman, giovane avvocato, bello e sexy da morire, si è appena lasciato alle spalle la storia con Alex, una modella troppo concentrata su se stessa che sulla loro relazione. Jude, deciso a cambiare aria, si trasferisce a Florence, proprio nella villetta accanto a quella di Haley. Appena Jude sa del matrimonio, le propone di farle da cavaliere. Tra disavventure, inganni ed ex-fidanzate assillanti, che succederà tra i due?

cover-2

 

TITOLO: “Imprevedibilmente Noi”
AUTORE: Fasolini Federica
EDITORE: Self publishing (tramite street-lib)
SERIE: Florence’s series #2
GENERE: Romanzorosa
FORMATO: eBook
PAGINE: 189
PREZZO: € 1,99

 


SINOSSI

Cos’avranno in comune una casa da ricostruire, un orfanotrofio e una bambina?
Freya, la secondogenita della famiglia Foster, incontra per caso Shane Carter, un brillante, sexy e tatuato ingegnere. Lavoreranno insieme alla ricostruzione di una casa di una famiglia che aveva perso tutto a causa di un violento temporale. Stando a contatto tutti i giorni, scopriranno emozioni che nessuno dei due aveva mai provato. Alla fine del loro progetto, Shane penserà ancora di non essere fatto per l’amore oppure la bella e tenace Freya riuscirà ad abbattere quel muro di ghiaccio che da anni tratteneva le sue emozioni? Tra crisi famigliari, un fratello tatuatore, una ex- fidanzata assillante e una madre che torna dopo tanti anni a farsi sentire, cosa succederà tra i due?

divisorio

Buona lettura nostri amatissimi Notters! 🙂
Naty&Julie.

Annunci

Gli autori di Notting Hill Books: “Angela Parise”

Ampliamo sempre di più la nostra nuova rubrica! 🙂

La prossima autrice di Notting Hill Books che ci presenta il suo prossimo romanzo, online dal 7 Marzo sullo store Amazon è:

Angela Parise

 

Angela Parise, nata a Genova nel 1982, si diploma in lingue nel 2001 e successivamente diventa commissario di bordo della marina mercantile. Dopo aver lavorato per diverso tempo sulle navi da crociera, ritorna a casa sua nell’alessandrino dove a tutt’ora lavora come impiegata.
Al suo attivo, quattro pubblicazioni: nel 2010 esce la saga famigliare “il buio e la luce” (La Riflessione editore) che si aggiudica il secondo premio al “Premio Creativa, città di Ercolano 2010”. Nel 2011 è la volta del romanzo rosa “un biglietto di sola andata per Berlino” (La Riflessione editore), menzione speciale al “Concorso nazionale del book trailer 2012”. Nel 2012 pubblica “Il fatidico giorno prima”, altra saga famigliare sempre con La Riflessione Editore. Poi, il cambio di rotta: nel 2013 cambia editore e pubblica con “Prospettiva editrice” il suo quarto lavoro intitolato “Scandinavia – storia di un papà e della sua bambina.”
Ora, in corso la ripubblicazione dei primi tre romanzi in digitale. “Un biglietto di sola andata per Berlino” e “il fatidico giorno prima” sono già disponibili su Amazon Kindle.
Ricordiamo anche la pubblicazione di due racconti (“Rita Lotti, Storia di Rita da Cascia” pubblicato nel 2010 per la raccolta Donne al traguardo; “Nove mesi ed una settimana” pubblicato nella raccolta Crescere assieme del 2014.)
Da alcuni anni partecipa al Salone internazionale del libro di Torino.

I suoi romanzi

Un biglietto di sola andata per Berlino

Il fatidico giorno prima

Scandinavia

Il buio e la luce

divisorio

 

il buio

TITOLO: Il buio e la luce
AUTORE: Angela Parise
EDITORE: Self-Publishing
DATA PUBBLICAZIONE: 7Marzo 2016
GENERE: Contemporaneo
FORMATO: Ebook
PREZZO: € 0,99

 

 

SINOSSI

La saga famigliare della famiglia De Vito: oltre settant’anni di storia, tre generazioni di donne nella Calabria tra due guerre fino ai nostri giorni raccontata attraverso gli occhi di Maria Grazia la quale assiste alle narrazioni dei suoi famigliari “ascoltando” dal suo letto di ospedale nel quale si trova in stato di coma. Odi, maldicenze, segreti ma anche amore e tradizioni ormai quasi scomparse e dimenticate fanno da sfondo alle giornate della nostra protagonista fino a…

divisorio

Per pre ordinarlo lo trovate qui Il buio e la luce

Naty&Julie

Gli autori di Notting Hill Books: Lucia Guazzoni!

Ciao Notters! 🙂
Oggi vi parliamo di un’altra autrice che da un po’ di tempo ci fa compagnia, una grande autrice che abbiamo avuto il piacere di conoscere attraverso la collaborazione con Santi Editore; lei è…

Lucia Guazzoni

LUCIA GUAZZONI è nata come autrice di articoli di viaggio e di costume nei quotidiani italiani ed esteri; è passata poi al romanzo d’amore e avventura pubblicando con Fabbri Editori, con Edizioni Quadratun e Edizioni Mimosa. Ha un libro (La Caverna fuori dal tempo) con le Edizioni Miremì e attualmente, oltre a collaborare con riviste femminili, ha parecchi titoli con Santi Editore.

I SUOI ROMANZI

brughiere selvagge cop
TITOLO: Brughiere selvagge
AUTRICE: Lucia Guazzoni
GENERE: Romance storico
DATA PUBBLICAZIONE: 30 luglio 2015
EDITORE: Santi Editore
PAGINE: 280
FORMATO: eBook
PREZZO: € 1,99
LINK PER L’ACQUISTO: QUI

 

SINOSSI

Bruce Fraser, del Clan dei Fraser di Lovat, perde la giovane moglie Maeve in un incidente che la fa annegare nella carrozza capovolta. Impazzito dal dolore, il giovane Bruce riceve però l’ordine dalla Regina Anna di sposare in seconde nozze l’inglese Isobel, insofferente e ribelle che non accetta il trasferimento in Scozia e uno sposo in gonnella! Ma dopo un inizio burrascoso tra I due novelli sposi nasce una passione travolgente che sarà messa a dura prova dalla terribile notizia che Maeve è stata assassinata e che la stessa mano vuole ora distruggere l’intera famiglia di Bruce per diventare capo del Clan.

ESTRATTO

“-Isobel, vuoi baciarmi e accarezzarmi ancora? Sono troppo debole per muovermi. Vieni, cuore mio, vieni da me e amami come mi hai amato nel sogno!-
Isobel cadde su di lui, unendo le sue labbra a quelle aride del giovane che la baciò con tutto l’ardore che aveva sepolto dentro, mentre le sue mani passavano quasi incerte lungo il corpo della fanciulla, soffermandosi sui seni, sulle braccia.
Isobel si sentiva trasportata in paradiso, le sembrava che la pelle di suo marito non fosse mai stata più morbida e serica e non si stancava mai di accarezzarlo.
Rimasero allacciati per un tempo che sembrò infinito, poi Isobel si scostò e sorrise, gli occhi azzurri ammiccanti.”

divisorio

51GWlWNBiXL._SX355_BO1,204,203,200_
TITOLO: La Dama NERA
AUTRICE: Lucia Guazzoni
GENERE: Romance storico
DATA PUBBLICAZIONE: 30 luglio 2015
EDITORE: Santi Editore
PAGINE: 280
FORMATO: eBook
PREZZO: € 1,99
LINK PER L’ACQUISTO: QUI

SINOSSI

Durante una gita ai castelli della Loira, Gabriel si ritrova a Montleloup, dove la madre, figlia dei giardinieri, è vissuta ed ha giocato da bambina. La ragazza conosce alla perfezione la storia della maledizione che aleggia su quel castello da quando Guiscard de Montleloup, di ritorno dalle Crociate, portò con sé una bella saracena, soprannominata La Dama Nera, che morì pochi anni dopo, lasciando un erede. La madre di Gabriel le raccontava che ad ogni generazione nasceva un barone di pelle scura come la La Dama Nera e che quel sangue saraceno portava disgrazie alla famiglia. Al castello Gabriel si incontra con Brian de Montleloup, l’ultimo barone, scuro di pelle come la saracena. Ma subito dopo ecco comparire un altro barone di Montleloup, identico al primo ma bianco e biondo. Chi dei due sarà il vero barone di Montleloup? E che terribile mistero si nasconde tra le mura di quel castello incantato dove sta nascendo l’amore di Gabriel? Un amore diviso a metà, tra i due baroni, senza sapere quale scegliere. Tra di loro, La Dama Nera allunga la sua ombra minacciosa….

ESTRATTO

– Non ti credo, barone! Dici così perché vuoi farmi credere di essere innamorato di me per tener­ti Montleloup!
Brian la lasciò e si passò una mano sulla fronte, avviandosi nello stesso tempo alla porta.
– Brava, cominci a capire! Ti lascio, non posso restare con te, stasera. Forse non riusciresti a but­tarmi fuori, più tardi e scommetto che non vuoi che resti!
Senza aspettare risposta uscì e se ne andò e Ga­briel chiuse la porta, la mente in subbuglio. Davve­ro Brian si era spaventato non trovandola? E dav­vero pensava che qualcuno, Armand o Valentine, volesse farle del male?
Mangiò pochissimo e poi tornò a letto, conti­nuando a pensare. Perché aveva accettato di fer­marsi in quel castello, di vivere quella specie di incubo? “perché voglio l’amore” le diceva il cuore. Ma era sicura che l’amore fosse proprio a Mont­leloup?

divisorio

download (4)

TITOLO: Passioni nel vento
AUTRICE: Lucia Guazzoni
GENERE: Romance storico
DATA PUBBLICAZIONE: 30 luglio 2015
EDITORE: Santi Editore
PAGINE: 217
FORMATO: eBook
PREZZO: € 1,99
LINK PER L’ACQUISTO: QUI

SINOSSI

Marietta, primogenita del conte Rubaudo, si innamora di Pietro, figlio della sarta. I due decidono di fuggire per coronare il loro amore. Ma il conte scopre le loro intenzioni e li punisce crudelmente: Marietta finirà in un convento In Val D’Aosta col divieto tassativo di tornare a casa e Pietro viene inviato nelle foreste della Croazia dove il conte ha squadre di boscaioli che procurano legname per i cantieri navali. Come se la divisione dei due amanti avesse por- tato disgrazia, il conte viene colpito da una serie di avversità che lo mettono in ginocchio, fino alla tragedia finale quando un carico di tronchi lo travolge lasciandolo menomato. Intanto Pietro e Marietta sono ben decisi a ritrovarsi, contro ogni previsione del Conte. Ci riusciranno dopo mille difficoltà e torneranno al contado dove Marietta rimetterà le cose a posto perché tutto sia pronto quando nascerà il suo primo bambino, il nuovo conte Rubaudo.

ESTRATTO

“Si preparò con cura, avrebbe voluto prepararsi per Pietro e non per Gioacchino, ma, dopo la cena o durante il ballo, sarebbe riuscita a raggiungerlo al capanno e allora anche lui l’avrebbe ammirata. La cena fu lunga, Gioacchino continuava a sfiorarle la mano, a toccarle il piede con il suo, a chinarsi verso di lei e alitarle sul collo e Marietta non ne poteva più. Finalmente si trasferirono nel salone e cominciarono le danze. Suo padre venne ad invitarla a ballare e lei ondeggiò per la sala, il sorriso fisso, sperando che nessun altro volesse ballare con lei. Poi invece fu la volta di Gioacchino e poi di zio Gustavo e finalmente Marietta tornò a sedersi e disse in fretta a Rachele. – Vado a rinfrescarmi in camera mia. Se mi cercano, dì che torno subito.
La sorella disse, imbronciata. – Non me ne importa, dove vai! E non dirò niente a nessuno! Marietta si chinò su di lei e sussurrò. – Perché non tieni compagnia a Gioacchino, fino a che torno? Rachele la guardò con gli occhi che brillavano. – Davvero? Posso davvero stargli vicina? E magari chiedergli di farmi ballare? – Perché no. E tienimelo lontano per un poco, sono stanca e ho voglia di distendermi una mezz’oretta. La ragazzino le strizzò un occhio. – Non pensare a lui! Non si accorgerà nemmeno che te ne sei andata! Marietta scivolò via veloce e corse leggera tra le vigne, sapeva che nessuno si sarebbe meravigliato di vedere un abito bianco tra i vigneti, non quella sera. Raggiunse il capanno ansante ed entrò, richiudendo col chiavistello dietro di sé. Pietro era disteso sulla paglia e balzò in piedi, prendendola tra le braccia e baciandola con passione. – Oh, Marietta, come sei bella! Sembri una regina! Lei rise, accarezzandogli i capelli folti. – E tu sei il mio re! Sedettero sul fieno, si scambiarono le ultime notizie, poi lui tornò a baciarla, tenendola stretta a sé come se non volesse più lasciarla andare. Marietta si risentì dentro quella frenesia, quel fuoco che la bruciava. Disse, piano, quasi non osava credere che quella voce fosse la sua. – Pietro, ti amo da impazzire! – Anch’io, amore, anch’io! – Vorrei essere già tua moglie. Pietro la strinse, la soffocò di baci. – Oh, tesoro, magari tu fossi mia moglie! Saprei ben io come dimostrarti il mio amore! Marietta sussurrò. – Fingi che lo sia. Dimostramelo adesso. Pietro sobbalzò. – Ma… cosa dici? Ma lei aveva deciso, voleva uscire da quel capanno come moglie di Pietro. – Fingi che io sia già tua moglie. Da domani saremo separati e chissà quanto tempo ci vorrà prima che possiamo stare assieme di nuovo. Voglio che tu ed io siamo uniti, adesso. Come se fossimo davanti al prete. Il ragazzo la guardava, spaventato e tentato nello stesso tempo. Lei, lentamente, fece scivolare la scollatura del vestito e si girò a mezzo. – Sciogli i nastri, amor mio. Con dita tremanti il ragazzo sciolse i nastri del corsetto e lei lasciò cadere a terra il vestito bianco e azzurro in un mucchietto, restando davanti a lui con la corta camiciola di seta e i mutandoni al ginocchio. Pietro aveva il respiro affannoso e con gesti impacciati si tolse la camicia, restando a dorso nudo, abbronzato e forte.
Marietta si distese sulla paglia, gli occhi ardenti fissi sul viso del suo amore e con gesti lenti e sinuosi fece scivolare le spalline, mettendo a nudo i piccoli seni candidi con il capezzolo roseo eretto. Pietro si gettò su di lei, baciandola e accarezzandola, mormorando parole senza senso, mentre lei chiudeva gli occhi e pensava a ciò che avrebbe detto tra poco, “ancora amore, ti prego, ancora!” Il ballo intanto proseguiva e Caterina ad un certo punto si accorse che Rachele stava civettando con Gioacchino. Attraversò il salone, sorridendo a destra e a sinistra e raggiunse la figlia, prendendola per un braccio con un sorriso. – Cara Rachele, vieni fuori un momento in giardino, sarai accaldata. Tu permetti, vero, Gioacchino? Appena fuori la investì, furiosa. – Rachele, devi smetterla di girare intorno a Gioacchino! Sarà promesso a Marietta e tu aspetterai il tuo turno! La ragazzina fece il broncio. – Tanto, a Marietta non piace! Mi ha detto lei che potevo tenergli compagnia, fino a che tornava! Caterina la fissò, interrogativa. – Fino a che tornava? E dove è andata? – A rinfrescarsi. Ha detto che era stanca.”

divisorioNon perdetevi i capolavori di questa grande autrice! 🙂

Naty&Julie ❤

Gli autori di Notting Hill Books: “Debora Fazio”!

Ciao Notters 🙂

La seconda autrice ad ampliare la nuova sezione del blog dedicata agli autori che, vi ricordiamo, nasce anche con l’obiettivo di essere una bacheca delle promozioni, un posto in cui gli autori possano arrivare e appendere, come su di un’immensa bacheca di sughero, le offerte dei loro libri è:

DEBORA FAZIO

Debora Fazio, classe 1990, Diplomata con il massimo dei voti all’Istituto Magistrale, indirizzo Socio-Psicopedagogico ha, fin dall’età di dodici anni, sviluppato una grande passione per la scrittura, la letteratura e le arti in genere. E’ appassionata, inoltre, di psicologia, teologia, lettura, canto e pittura. Autrice, inoltre, di racconti, articoli tematici, poesie, canzoni, aforismi, sceneggiature, recensioni di libri. Ha, all’attivo, tre libri, pubblicati in e-book e disponibili su Amazon: Jason- il Coraggio di Vivere, romanzo di formazione a tematica lgbt, pubblicato il 20 Luglio 2015, Attimi Eterni, raccolta di poesie scritte tra il 2013 e il 2015, pubblicata il 5 Dicembre 2015 e Una donna nel vento, racconto breve di narrativa contemporanea.

I SUOI ROMANZI

 

COVER E-BOOK (JASON).jpg

 

TITOLO: Jason – Il coraggio di Vivere
AUTRICE: Debora Fazio
EDITORE: Self-Publishing
DATA PUBBLICAZIONE: 20 Luglio 2015
FORMATO: eBook
PAGINE: 171
PREZZO: € 1,84
LINK PER L’ACQUISTO: QUI (Gratis su Kindle Unlimited)

 


SINOSSI

Chicago, inizio anni ’90. Jason è un ragazzino di diciassette anni che vive con la famiglia in un quartiere residenziale della città. La severità del padre, il suo eccessivo autoritarismo, la sua estrema possessività, gli precludono di vivere la vita serena e spensierata dei suoi anni, così come la possibilità di essere se stesso e di seguire la sua grande passione per il disegno. Un incontro casuale con Scott, un uomo misterioso molto diverso e più grande di lui, una sera come tante, gli aprirà le porte di un mondo del tutto nuovo e particolare che non pensava esistesse, gli farà scoprire emozioni e sensazioni mai vissute prima e gli farà capire chi è veramente e cosa lo rende veramente felice. Un incontro che travolgerà e sconvolgerà letteralmente la sua vita e che lo farà crescere e maturare in tutti i sensi. Un incontro che gli conferirà, nel tempo, il coraggio di vivere la vita che vuole veramente e che, nel suo inconscio, probabilmente, ha sempre voluto. Una storia che toccherà la corde del vostro cuore e vi farà riflettere sui temi cardine dell’esistenza umana quali l’amore, la famiglia, l’amicizia, la Fede, il coraggio di essere se stessi e di lottare contro tutti e contro tutto per i propri sogni e i propri ideali di vita.

ESTRATTO

Una discoteca per soli uomini nel quartiere di Boystown. Possibile che era quello, che mi attirava e mi spingeva verso di sé? E per quale motivo, poi? Che Ed avesse ragione sul mio conto? Che il grande peso sul cuore che mi portavo dentro da parecchio tempo fosse proprio quello? Non potevo accettarlo, e mi misi a correre per tornare a casa e non ritornare mai più lì. La mia vita era un’altra e un’altra sarebbe dovuta rimanere. Non posso credere a quello che successe in quel momento: è proprio vero che il destino esiste e che decide per noi. Noi non possiamo farci nulla. Nello stesso angolo in cui quella sera andai addosso a quel ragazzo, inciampai e caddi di nuovo. A rialzarmi fu ancora lui. Divertito, mi chiese:”” Ma allora è un vizio, il tuo?! Da chi stai scappando questa volta?””­ io, ricominciando a correre:””Da tutto questo!!!””­ “”Puoi scappare da tutto e tutti, se vuoi…Ma mai da te stesso;””­ disse lui, sicuro di sé. Quella frase echeggiò nella mia mente e nella mia anima e mi fece gelare il sangue nelle vene. Correndo, mi accorsi di non averlo neanche ringraziato per avermi raccolto da terra ancora una volta, ma adesso questo non avrebbe avuto più importanza, visto che non lo avrei mai più rivisto. Ma non sapevo quanto mi stessi sbagliando.

divisorio

COVER E-BOOK (UNA DONNA NEL VENTO).jpg

TITOLO: Una donna nel vento
AUTRICE: Debora Fazio
EDITORE: Self-Publishing
DATA PUBBLICAZIONE: 05 Febbraio 2016
FORMATO: eBook
PAGINE: 50
PREZZO: € 0,99
LINK PER L’ACQUISTO: QUI (Gratis su Kindle Unlimited)

 

 

SINOSSI

Torino, anno 2010. Melania è una donna di trent’anni che vive da sola, fa la escort e, per arrotondare, l’operatrice di un call center. Non ha mai conosciuto i suoi veri genitori perché, a pochi giorni dalla nascita, è stata abbandonata in un orfanotrofio, dove è rimasta fino all’età di diciotto anni, senza mai essere adottata. Uscendo da lì, si ritroverà da sola, senza una casa, senza una famiglia, senza un lavoro, senza amici e senza nessuno che potesse aiutarla. Sempre da sola, si rimboccherà la maniche e si costruirà, tassello dopo tassello, la propria vita. In amore è stata sempre usata e ingannata dagli uomini e questo ha fatto indurire il suo cuore e crescere la sua diffidenza verso di essi, tanto da iniziare a fare la escort proprio per dare un valore ai propri “baci” e per guadagnare, almeno, qualcosa dall’essere usata. Un giorno, all’improvviso, l’incontro con
Tullio, un presunto cliente, con cui non consumerà nessun rapporto sessuale, le cambierà letteralmente la vita. Chi è quest’uomo, in realtà? Cosa vuole da lei, se non quello che lei può offrirgli?

ESTRATTO

E, proprio perché non volevo darmi agli altri solo per essere usata e buttata via, ai miei baci, adesso, davo un valore, un peso, un costo. Così che, chiunque volesse baciarmi, dovesse almeno pagare per farlo. Se non ero niente per nessuno, ma solo corpo, volevo almeno essere ricompensata dal fare l’oggetto del niente e il mezzo delle loro vuote passioni. Era, secondo me, l’unico modo per non pestare a sangue il mio amor proprio e la mia dignità.

divisorio

COVER E-BOOK (ATTIMI ETERNI).jpg

TITOLO: Attimi eterni
AUTRICE: Debora FAzio
EDITORE: Self-Publishing
DATA PUBBLICAZIONE: 05 Dicembre 2015
FORMATO: eBook
PAGINE: 84
PREZZO: € 0,99 (Gratis su Kindle Unlimited)
LINK PER L’ACQUISTO: QUI
SINOSSI

Raccolta di poesie scritte negli ultimi due anni, con i temi dell’amore, dell’amicizia, dell’attualità, della famiglia, del dolore, della solitudine e tutto ciò che fa parte della realtà interiore ed esteriore del mondo di oggi, di ieri e di sempre.

ESTRATTO

VITTIME BIANCHE

Cadi,
sulle soglie di gemiti immani,
su rumori di urla celate,
su sentieri di rosso scarlatto,
e ti accorgi di essere morto
senza luce di Luna o di Sole
ma con palpiti ancora vivi nel cuore.

Serri,
quelle labbra di terrore e disprezzo,
gli abbracci di sogni volanti,
i baci di amori profondi,
e chiudi gli occhi al destino
di chi non ti chiede perdono
e lascia solo l’eco del tuono.

D.F.

divisorio

Non negatevi la possibilità di scoprire questa brillante autrice!
Buona lettura,

Naty&Julie ❤

Gli autori di Notting Hill Books: “Sarah Iles”!

Ciao Notters! 🙂
Oggi siamo felici di presentarvi una nuova sezione del nostro blog, una sezione che nasce per dare agli autori un giusto spazio interamente dedicato alle loro opere, che ha lo scopo di essere un’immensa rubrica digitale in cui i lettori possono cercarli per nome e trovare in un unico articolo i loro lavori.
Una rubrica che nasce anche con l’obiettivo di essere una bacheca delle promozioni, un posto in cui gli autori possano arrivare e appendere, come su di un’immensa bacheca di sughero, le offerte dei loro libri.

Ad aprire le porte di questa (speriamo florida sezione :p) è SARAH ILES con i suoi due romanzi.

divisorio

L’AUTRICE: SARAH ILES

 

Sarah Iles vive in Sicilia. “In punta di piedi” è il suo primo romanzo Young adult.
Ama scrivere, leggere e dipingere, è giudice in contest letterari e nel 2013 ha scritto la sceneggiatura del lungometraggio “Libera me”, pellicola indipendente che ha vinto il “Los Angeles CineFest” ed è stata selezionata per le terne vincenti di prestigiosi premi internazionali.
Ha pubblicato: “L’amore nel pozzo” (365 storie d’amore-Delos book 2013); Gente che scrive per (racconto-Gente che scrive per, 2013); Kalyel (Qui dove camminano gli angeli-David and Matthaus 2013); In punta di piedi (David and Matthaus 2013, cartaceo); É da te che verrò (Amazon 2015).

Come contattarla:
http://sarahilescrittrice.tumblr.com/
https://www.facebook.com/sarah.iles.1044
https://www.facebook.com/inpuntadipiediofficial/

 

I SUOI ROMANZI

 

239 IN PUNTA DI PIEDI (_grimm_)

TITOLO: In punta di piedi
AUTRICE: Sarah Iles
EDITORE: Self-Publishing
SERIE: Pasticcino Blu #1
DATA PUBBLICAZIONE: 10 Febbraio 2016
FORMATO: eBook/Cartaceo
PAGINE: 76
PREZZO: € 0,99/€ 12,59 (Gratis su KU)
LINK PER L’ACQUISTO: QUI

 

 

SINOSSI

“Sono alla perenne ricerca di equilibrio per la mia posizione nel mondo. Forse più semplicemente tutto dipende dal fatto che i miei desideri sono così fragili e incostanti che vorrei che qualcun altro lottasse per realizzarli al posto mio, ma so, purtroppo, che questa è solo la favola insulsa di chi, come me, ha paura, paura, a volte, di affrontare la vita.”
Anna vive la sua vita insieme al padre, Gabriel, e al suo amato cane Click. Cerca di confondersi nella nebbia di Londra e esprime le sue emozioni solo attraverso la danza.
Il giorno del suo diciassettesimo compleanno incontra per caso Romeo e da quel momento tutto cambierà.
Mentre, in punta di piedi, Romeo entra nella sua vita, Stuart irrompe con audacia e passione e il cuore di Anna vibrerà con palpiti differenti per i due ragazzi e sarà allora che la vita metterà a dura prova il suo animo.
Tutto si trasformerà e la dolce Anna non sarà più la stessa.

“Il mio cuore ha egli amato prima d’ora?
Smentitelo, occhi miei!
Poiché io non avevo mai veduta,
fino a questa notte, la vera bellezza.”
Romeo e Giulietta – W. Shakespeare

NOTTING’S NEWS!

A breve ci sarà la nuova versione cartacea… per adesso on line si trova la versione cartacea a cura della precedente casa editrice.

ESTRATTO

“La mia ordinarietà ha cominciato a cambiare un giorno come un altro, forse quando mia madre ha smesso di venire a trovarci, per fortuna.
Ho cominciato a diventare un tipo “diverso”, ha detto la mia insegnante a mio padre e così lui mi ha mandato da mia madre: «Vai da lei, sicuramente ti mancherà».
Ma cosa avevo fatto di sbagliato?
Avevo smesso di avere il massimo dei voti e mi accontentavo della media, perché sforzarsi? Avrei avuto tutto lo stesso. Avevo perso la smania di essere perfetta nell’attesa che si producesse, come per magia, un sorriso dalla faccia di mia madre.
Ricordo che all’età di sei anni mi aveva fatto vedere cosa significa diventare adulta e autonoma, cioè prepararsi perfettamente ogni giorno per il giorno seguente. Così ogni sera il rito prevedeva che io mettessi i vestiti puliti, che avevo intenzione di indossare l’indomani, perfettamente piegati sulla sedia della mia camera, che lustrassi la scrivania e mettessi i libri impilati in ordine di grandezza.

Le scarpe appaiate sotto la sedia mi davano l’idea di essere incatenata da un vincolo stretto a cui non avrei potuto sottrarmi, eppure ero lì pronta ogni sera a fare il mio do-
vere solo per cercare affetto.
Ho dovuto obbedire, ho messo le mie cose in una valigia e sono partita.
Il viaggio è stato come un lento farsi male. Al solo pensiero di stare lontano da casa, dalle mie abitudini, da mio padre, mi si stringeva il cuore. Eppure non avevo saputo dirgli di no, era pur sempre un suo desiderio e avrei fatto tutto per lui.

Guardare fuori dal finestrino del treno mi dava una leggera nausea ma non più di quella che mi venne quando si fermò e io capii di essere arrivata.
Alla stazione di Edimburgo mia madre, Lise, è venuta a prendermi insieme ad Amanda, una sua vecchia amica, anche lei trasferitasi a insegnare danza nella stessa accademia.
Anche io “faccio” danza e per tutti, tranne che per mia madre, ovviamente, sono brava. Durante gli otto mesi passati a Edimburgo, ho frequentato l’accademia, la Soul Dance. Gli otto mesi più brutti della mia vita. Finché un giorno, mentre mi dirigevo verso l’uscita per prendere la bici e andare a casa di Marcy, che quel giorno per via ella febbre non era venuta a lezione, qualcosa ha attirato la mia attenzione. In corridoio sono rimasta paralizzata.
Il cuore mi batteva in corpo come uno stantuffo veloce e sentivo le gambe pian piano diventare leggere, incapaci di sostenere il resto del corpo.
Vedevo quello che succedeva con la coda dell’occhio destro.
Tremavo.
Amanda baciava mia madre. Mia madre baciava Amanda.
Tutto era chiaro. Altro che amore per la danza, la mia adorata gracile madre danzatrice aveva lasciato la nostra casa per rincorrere il suo amore. Che schifo. Ho aperto la porta e le ho guardate. Hanno continuato per un po’ finché Amanda non ha visto la mia figura riflessa sullo specchio del camerino e ha staccato mia madre dalla sua presa.
«Posso spiegarti» mi ha detto. Ma cosa doveva spiegarmi? Che ho una madre lesbica?
Pace.La corsa in bici verso casa è stata la più veloce della sto ria della mia vita. Ho preso le mie cose e sono andata alla stazione per tornare a casa mia.

Il viaggio di ritorno è stato così strano da non saperlo descrivere. Ho pianto tutto il tempo e ho riso tutto il tempo.

Mia madre non ci aveva lasciato perché noi non andavamo bene, ma perché amava qualcun altro o altra, dovrei dire. Il pensiero mi confortava e mi deludeva, non avrei potuto stare un minuto in più in quella casa in cui io, misero uccello di un altro nido, mi ero infilata per sbaglio.
Sono scomparsa dalla sua vita e adesso sono felice di non vederla più, odio chi non ha il coraggio di dire la verità. Mio padre ha provato a chiedermi il perché e a farmi incontrare con lei, ma per fortuna è un uomo ragionevole.
«Lise, quando vorrà lei parlerete» le diceva tutte le volte che telefonava. Non ho ben capito se mio padre sapesse la verità, ma il fatto che i suoi giorni scorrevano sereni mi faceva pensare che solo io e Click non fossimo al corrente della cosa.”

divisorio

211 E' DA TE CHE VERRò (_grimm_).jpg

 

TITOLO: E’ da te che verrò
AUTRICE: Sarah Iles
EDITORE: Self-Publishing
DATA PUBBLICAZIONE: 23 Dicembre 2015
FORMATO: eBook
GENERE: Romance
PAGINE: 162
PREZZO: € 1,99 (Gratis su KU)
LINK PER L’ACQUISTO: QUI

 

“Tutto si trasforma, ma probabilmente solo dopo essersi distrutto.”
Sarah Iles

SINOSSI

Helèna Campbell seduta alla sua scrivania si sfila le Chanel nere e si sgranchisce le gambe in attesa che qualcosa cambi. Proprio in quel giorno il destino la ascolta e il cuore sussulta quando Nick Richardson, suo fidanzato per undici anni di fila, varca la soglia del suo ufficio.
Dovrà mettercela tutta per non incontrarlo, per evitarlo e far finta che non sia successo niente, che il loro passato non si esistito. Era già scappata troppe volte.
I cinquanta metri che dividono i loro uffici sembrano troppo pochi per Helèna che escogiterà ogni modo per non farsi notare.
Quando la bella Zoe Clarks, proverà a mettere le mani su Nick, qualcosa sembra venir fuori dall’animo di Helèna, qualcosa si risveglia, ma dovrà tenere a bada le avances di Jonah Miller e scoprire chi è il mittente dei bigliettini d’amore che riceve misteriosamente in ogni dove.
Sullo sfondo di New York, tra letture e sedute dallo psicologo, la tenera Helèna tenterà di non cedere all’amore per Nick per salvarlo da quello che lei non potrà mai dargli.

ESTRATTO

«Perché sei di nuovo qui?» chiese Kristen togliendosi gli occhiali.
«Perché sei la mia psicologa e la mia migliore amica» ribadì Helèna.
Kristen abbassò gli occhi verso le pagine gialle del suo quaderno degli appunti e sospirò.
Fare la psicologa non era semplice, tanto meno essere amica di Helèna. I suoi appuntamenti dovevano ancora cominciare, ma lei conosceva per filo e per segno tutti i suoi orari ed eccola lì a implorare una nuova seduta.
Kristen aprì il cassetto destro della scrivania e tirò fuori una scatolina rettangolare. Cercò per qualche secondo e poi porse un biglietto a Helèna. «Tieni» disse in tono consolatorio. «Cos’è?»
«È l’indirizzo dello studio di un amico. Psicologo. Helèna, tu non riesci a scindere la mia figura professionale da quella della tua migliore amica e io non posso più aiutarti. Va’ da lui e digli che sono io che ti mando.»
Helèna prese il biglietto da visita e lo fissò. «Sono proprio senza speranze, vero?»
«No, tesoro» disse Kristen e si alzò per andare ad abbracciarla. «Hai solo bisogno di volerti più bene.»
A denti stretti Helèna annuì, anche quella le sembrò una sconfitta. Kristen le tirò su il volto e glielo strinse tra le mani.
«Facciamo così, tu vai a lavoro, io chiamo il dottor Harris e prendo un appuntamento per te.» Gli occhi di Kristen si fecero seri, divennero tristi. Sentire il volto di Helèna appoggiato al suo ventre e percepirne la stanchezza era una debacle anche per lei. Non era in grado di aiutarla. Ne prendeva atto ancora una volta. Ricordava la sua prima seduta. Si era tuffata sul divano in pelle color cuoio e lei si era armata di pazienza, animo e una buona dose di ottimismo.
La migliore riuscita di un iter dallo psicologo dipende però anche dalla collaborazione del paziente, ma Helèna non collaborava, utilizzava Kristen come una valvola di sfogo, un calderone dentro cui bollire e ribollire tutte le sue paure, i rimpianti, i rimorsi e se stessa.
Non c’era un problema, un unico problema, ma tanti. Non c’era un’unica paura, qualcosa di concreto contro cui combattere, perché Helèna tentava disperatamente di combattere contro una sé che non esisteva, che era stata creata per gli altri, una nebbia densa che si posava su tutto, ma che non rimaneva mai nello stesso posto.
Quando si chiuse dietro la porta dell’ufficio di Kristen dovette sforzarsi di mettere i piedi uno avanti all’altro e fare la cosa più naturale, camminare. Era una di quelle volte in cui la paura aveva il sopravvento e il corpo le diventava rigido, tremava e sentiva freddo, un gelo che le si schiudeva dentro, come fosse parte di lei e potesse uscire allo scoperto dentro la sua carne. Tentava di scrollarselo di dosso con movimenti inconsulti, piegamenti e stiramenti, ma il più delle volte finiva per conviverci.
In ufficio Helèna non riuscì a rilassarsi, aveva bisogno di sfogarsi e solitamente parlare con Kristen la aiutava, ma la seduta non aveva avuto l’esito che sperava, era stata sballottata dalla sua migliore amica verso qualcuno che non conosceva.
Sentiva che era uno di quei giorni in cui il cuore le si riempiva facilmente e le lacrime non la smettevano di venir fuori. A fatica le tratteneva. Capitava che senza un motivo preciso, senza una spiegazione, il suo umore fosse proprio sopra un’altalena, e su e giù le impediva di trovare equilibrio. I collant le davano fastidio, come i suoi pensieri. Si sfilò le Chanel nere di vernice e sgranchì le dita dei piedi. Rabbrividiva all’idea di dover ricominciare le sedute da un nuovo psicologo e mettere su un piatto d’argento i suoi segreti.
Ripensò al suo primo psicologo, tale Jackson Hoover, che la guardava attraverso i suoi occhialini griffati, le faceva qualche domanda di tanto in tanto e scriveva sul suo taccuino, scriveva come se lei fosse la sua musa ispiratrice e non una semplice paziente. Degli altri, invece, rammentava solo che le avevano spillato soldi a palate senza darle conforto o rimetterla in piedi. Poi era arrivata Kristen, con la sua laurea in psicologia e il suo master da venticinquemila dollari, e aveva creduto di potersi salvare.
Aprì la posta elettronica e rispose ad ogni singola mail che Neil, il suo collaboratore, le aveva messo in evidenza. Riusciva a dare risposte concrete e corrette a tutti, risolvere problemi, tranne che i suoi. Tra tutte le mail trovò quella di Kristen che le ricordava l’appuntamento dal dottor Harris alle 17.00. Lesse ancora una volta il bigliettino da visita e sospirò all’idea di dover andare. La mail di Kristen si chiudeva con una incitazione a farsi seguire dal dottor Harris. Probabilmente era qualche guru anziano della psicologia che le avrebbe fatto un elettro shock con lo sguardo e l’avrebbe rimessa in sesto, pensò.
Era l’ultima cosa che le restava da fare. Sorrise per il suo pensiero sciocco.
La porta del suo studio si aprì. «Helèna, buongiorno, ti presento Nick Richardson, il nostro nuovo supervisor» tuonò Donald Moore. Moore era un uomo tutto d’un pezzo, non amava i convenevoli e non si faceva mai annunciare. Era un capo buono, ma fermo nei suoi convincimenti.
«Te lo avevo detto che avrei fatto il colpaccio e ci saremmo portati a casa un vero leader del settore delle comunicazioni!» disse mentre si strofinava le mani. Helèna riprese a respirare e tirò il suo volto in un sorriso.
Si alzò, si aggiustò il vestitino e la giacca, e allungò il braccio per dare la mano al nuovo arrivato.

Due libri da non perdere, un’autrice da tenere d’occhio! 😉
Buona lettura!

Naty&Julie ❤