Presentazione di: “Happy 4 U” di Nicoletta Puricelli

Ciao, Notters!
oggi abbiamo il piacere di ospitare Nicoletta Puricelli che ci presenta l’atteso seguito di “Ti amo, ma…” (qui)“Happy 4 U”. 

divisorio

51xuden1rcl-_sy346_

TITOLO: Happy 4 U
AUTORE: Nicoletta Puricelli
EDITORE: Self-Publishing
DATA PUBBLICAZIONE: 18 Settembre 2016
GENERE: Narrativa Rosa
FORMATO: Ebook
PREZZO: € 6,99

 

SINOSSI

Londra è la città che vede crescere professionalmente una Anouk determinata a fare carriera in cucina; anche perché questo le permette di non pensare a lui, lui che ancora è capace di farle battere il cuore ogni volta che lo vede sui cartelloni pubblicitari, lui che sta sfondando nel cinema, lui che nel frattempo si è fidanzato con la sua sexy collega. Quando si incontreranno tre anni dopo che lei lo ha lasciato, però, non sembreranno essere solo degli amici come continueranno a ripetersi entrambi e, tra una gita a Windermere, la ricerca delle uova di Pasqua e i fuochi d’artificio, sarà sempre più difficile non cadere in tentazione. Peggio ancora se i paparazzi scoprissero le loro uscite amichevoli e contribuissero a travisare la situazione.

ESTRATTO

L’INCONTRO DOPO TRE ANNI

«Sapevo che non poteva essere stata lei a fare il dolce!» Faccio un balzo dallo spavento e allo stesso tempo devo concentrarmi per mantenere l’equilibrio perché la sua voce, che si è fatta sempre più vicina mentre attraversava la strada, mi fa vacillare. «Mi hai fatto paura, non lo fare mai più!» grido senza voltarmi. «Scusami» risponde dispiaciuto. «Non era mia intenzione farti un agguato. Ti chiedo perdono. Ciao Anouk.» Deglutisco. Se mi giro e lo guardo è finita, ma non posso nemmeno fare la maleducata. Sospiro. E mi volto. «Ciao Matt.» Alzo lo sguardo e i miei occhi incontrano i suoi ed è esattamente come temevo: il mio cuore batte all’impazzata e il mio istinto vorrebbe buttargli le braccia al collo e baciarlo e… No! Io l’ho lasciato, lui sta con la strafiga, non devo fare questi pensieri.   «I capelli corti ti fanno più grande, anche se mi dispiace che li hai tagliati perché erano molto belli!» «Ho cambiato taglio da un paio d’anni ormai. Tu, invece, sei nel look metropolitano anti paparazzi?» controbatto notando il cappuccio della felpa alzato e la sciarpa fino a metà volto. «Già, mi è impossibile girare per la città ormai.» Si guarda intorno e visto che non c’è nessuno abbassa il copricapo e mi accorgo di quanto sia dimagrito, sebbene sotto una barba incolta un po’ lunga. «Ehi, non ti danno da mangiare sul set?» scherzo, anche se mi preoccupo un po’. Sorride. «Sono prigioniero ormai da mesi!» «Ed è una prigione in cui si fa una dieta ferrea?» «Non l’hai visto il film, vero?» sorride. «No» ammetto. «Ho perso dieci chili da quando ci siamo visti l’ultima volta.» Si ricorda di me. «Spero finiscano presto le riprese perché hai bisogno di mangiare!» Ride. «Sei carina a preoccuparti per la mia salute. Eppure dicono che sono molto sexy anche così» mi prende in giro. «Sarà, ma a me fai impressione.» «È un piacere anche per me rivederti!» ribatte ironico. Sorrido. «Così è meglio!» dice inclinando la testa e io devo concentrarmi e far apparire il fantasma della sua fidanzata al suo fianco. «Come sapevi che ero io in cucina?» «Non in molti conoscono i miei gusti preferiti di gelato e poi, non mangio più insieme pistacchio e lamponi da quasi tre anni.» Deglutisco. «Avrai sicuramente trovato un abbinamento più interessante.» «Come quello è difficile da trovare.» Deglutisco di nuovo e rimetto a fuoco l’immagine di Jessica che si era già affievolita. «Sono in città per un paio di settimane, ti va di cenare con me una di queste sere?» Il mio cuore ha un sobbalzo, Matt mi chiede di uscire con lui, ma già è una pena per me essere qui a parlargli perché non riesco a resistere a non guardarlo e ogni volta che lo faccio la cassa toracica si espande un po’ di più del solito. Se uscissimo a cena sarebbe come una tortura. «Io lavoro quando gli altri vanno a cena!» gli ricordo. «Allora un pranzo o una colazione?» Sorrido, ma non demordo. «Ti ringrazio, ma siamo davvero pieni di lavoro e non mi rimane molto tempo libero.» Abbasso la testa non riuscendo a guardarlo negli occhi di fronte ad una bugia. Stupida! Dittelo da sola, sì, e autoconvinciti che questa sia assolutamente la cosa giusta da fare. Convinciti ancora una volta. Sento il suo sguardo addosso e poi la sua voce che dice rassegnata «Ok.»

ALLO SHARD

Oh no, no. Questo è totalmente sbagliato. È sbagliato quello che mi sta dicendo il mio corpo con l’accelerazione improvvisa di tutta la circolazione sanguigna, il formicolio generico e quell’istinto di saltargli addosso. È sbagliato quello che mi sta dicendo lui con le parole, con i movimenti delle sue dita sul dorso della mia mano, con gli occhi e con tutto il suo baricentro spostato verso me. L’unica in disaccordo pare essere la mia coscienza, quella vocina che non ha ancora imparato quando è il caso di stare zitta e che mi fa vedere il fantasma di Jessica sullo schermo del televisore gigante dietro la schiena di Matt. È un fantasma e in quanto tale va e viene, va e… e ha perso l’attimo nel tornare perché le sue labbra sono sempre più vicine alle mie e nonostante questa nuova sensazione di solletico che mi provocano i suoi baffi, sparisce tutto appena le sue labbra arrivano a contatto con le mie. Un vortice, un turbine di colori, di odori, una macchina del tempo che mi trascina indietro di tre anni, potremmo essere ancora a Guadalupa o anche in mezzo al deserto o in mezzo all’oceano o in una casa minuscola di una piccola città. Non vedo più l’immensità di una suite dello Shard, non sento l’odore dell’aria profumata che ho inspirato quando sono entrata, sono come in una campana di vetro dove tutto gira intorno a noi due, come stanno ben interpretando le nostre mani che hanno iniziato a chiudersi come dei serragli intorno alla proprietà, per poi andare a liberare tutto ciò che si frappone tra i nostri corpi, lasciando che le nostre anime possano ritrovarsi e gioire.

L’AUTRICE: NICOLETTA PURICELLI!

Nicoletta Puricelli nasce e vive in un piccolo paese della provincia di Milano, ma adora viaggiare sia fisicamente per il mondo che con la mente attraverso i libri. Nel 2015 è uscito il suo primo romanzo “Ti amo, ma…” ed ora è in uscita con “Happy 4 U”, che segue la storia degli stessi protagonisti qualche anno dopo. Nel frattempo ha deciso di dare una svolta totale alla sua carriera lasciando il posto di lavoro nel mondo del retail per aprire il bar Glufry in Gallarate, con una pasticceria che renderà particolarmente felici i celiaci e le persone con intolleranze alimentari.

divisorio

Naty&Julie 🙂

Annunci

Presentazione di: “Amore D’AltaModa” di Roberta Damiano

Notters,

da Settembre è online il nuovo romanzo di Roberta Damiano: “Amore D’AltaModa”. Seguiteci per scoprirne la trama e leggere un piccolo estratto, solo per voi! 😉

divisorio

9788892627178

TITOLO: Un Amore D’AltaModa
AUTRICE: Roberta Damiano
EDITORE: Youcanprint
DATA PUBBLICAZIONE: Agosto/Settembre
GENERE: Romance
FORMATO: Cartaceo/Ebook
PAGINE: 328
PREZZO: € 17,90/ 1,99

 

SINOSSI

Nel cuore strapazzato e stropicciato di Melanie Thompson non c’è più spazio per l’amore, almeno non più per un uomo. Melanie ha un sogno: diventare una stilista affermata, ma fino ad ora ha avuto tutto tranne che vita facile! A completare il suo quadro disastroso sarà un incontro burrascoso con un uomo di gran classe. Questo incontro le farà cambiare idea sull’amore? E riuscirà tra invidie e pettegolezzi a realizzare il suo sogno?

ESTRATTO

Le luci dei lampioni, della città e delle macchine scorrevano veloci alla mia vista. I capelli mi schiaffeggiavano ferocemente la pelle del viso come tanti spilli che pungevano. Tutto questo perché il caro presuntuoso doveva tenere abbassato il tettuccio. Mi scostai malamente le ciocche ribelli dalla bocca e dagli occhi e mi voltai perdendo del tempo ad osservare i lineamenti forti e belli dell’uomo che mi stava seduto accanto. Aveva gli zigomi alti, il mento e la mascella forti, un naso dritto ed elegante e le sopracciglia curate, ma mascoline. Era pensieroso, ma attento alla guida, con le labbra chiuse in una linea morbida e piena. I capelli erano sempre perfetti e domati, anche in quel momento. Notai la forma dei suoi ricci che venivano sfiorati, accarezzati, dalla mano invisibile ed elegante di quella donna sensuale, intrigante, accattivante. Sentii, come se fossero le mie, le dita lunghe e sottili che si insinuavano tra le onde morbide che le giravano intorno, intrappolandole in quella gabbia fatta di seta, tessuta filo dopo filo. Provai invidia perché quella donna sinuosa e trasparente poteva fare quello che voleva senza che le venisse detto nulla. Nessuno poteva contrariarla. Lei era essenziale per la vita, ma era anche capace di toglierti il respiro. Riuscii a percepire quella meravigliosa sensazione sulle dita anche dopo che il vento si fu dissolto. Solo allora, fermi nel parcheggio privato sottostante al palazzo, mi resi conto di quello che avevo fatto. Sgranai gli occhi e allontanai la mano dai suoi capelli come se avessero cominciato a prendere fuoco.

BOOKTRAILER 

AUTORE: ROBERTA DAMIANO!

Roberta Damiano nasce a Pantelleria nel 1991 ed è una ragazza dai mille interessi. Amante dell’arte  e del disegno frequenta un istituto ad Arezzo che abbandona per terminare gli studi in ambito Turistico nella sua terra natia;
ancora adesso si ritrova con una matita in mano o una tela da dipingere. Inoltre è un’appassionata lettrice in quanto ama le sensazioni e le emozioni che trasmettono le parole. Forse è grazie a questo che da qualche anno ha scoperto il piacere della scrittura dando origine nel 2014 al primo romanzo “La Leggenda del lago di Kraos”. Mesi dopo la pubblicazione divide il suo tempo tra la stesura di “Un Amore D’AltaModa” e gli studi per qualificarsi e successivamente specializzarsi in ambito Estetico nel 2016.

divisorio

Vi ha incuriosito? Sì? Ecco allora il link di acquisto: Amore D’AltaModa!

Naty&Julie ❤

Recensione di: “Il Giglio di Cristallo” di Alessia Garbo

Buongiorno Notters,
un mesetto fa vi ho parlato del primo volume de “Il Giglio Bruciato” (Recensione qui) di Alessia Garbo. Finalmente dal 15 Settembre è online il secondo volume, “Il Giglio di Cristallo”, che chiude il cerchio magico del mondo di Angelica e Gabriel!
ATTENZIONE: Se non avete letto il primo libro, non proseguite.

divisorio

14233441_1301319993220927_639559448_o

TITOLO: Il Giglio di Cristallo
AUTORE: Alessia Garbo
EDITORE: Self-Publishing
DATA PUBBLICAZIONE: 15 Settembre 2016
GENERE: Paranormal Romance
FORMATO: Ebook/Cartaceo
PREZZO: €2,99/€14,0 (Gratis con KU)
LINK DI ACQUISTO: http://amzn.to/2dwJmWb

 

SINOSSI

La neve che fiocca sul maniero dell’epoca Tudor, nel giorno in cui due anime stanno per legarsi, non è sufficiente a raffreddare il tumulto che si agita nel cuore di Angelica Giglio, circondata da amici e nemici, senza riuscire a distinguerli. E la passione che la divora può essere per lei il nemico più pericoloso.
Non c’è mai fine ai segreti, che rischiano di essere ancora più fatali, e questa volta non solo per Angelica.
Che cosa succede a chi custodisce una verità inconfessabile?
Si può sacrificare se stessi, ma non la vita di chi si ama. Abbandonare tutto e fuggire può essere la soluzione? Anche se ti strazia il cuore?
Dopo Il Giglio Bruciato, Il giglio di cristallo è il capitolo conclusivo della storia di Angelica e Gabriel.

RECENSIONE

Alla fine de “Il Giglio bruciato”, abbiamo lasciato Angelica e Gabriel sul divano di mamma Adele. Siamo rimasti un po’ tutti sospesi, lì seduti con loro dopo che Gabriel chiede la benedizione di mamma Adele. Il secondo volume inizia proprio così: dal grande giorno. Un matrimonio falso. Fatto a doc per proteggere Angelica o frutto di un futuro vero amore? Comunque, ci troviamo al maniero dell’ epoca Tudor sotto una dolce coltre di neve, Gabriel e Angelica pronunciano i loro voti. Tutto è magico, intenso e dolce… il perfetto matrimonio per nascondere la realtà.phoebe-tonkin

Sentivo che sposare Gabriel era una specie di pazza cosa giusta da fare, anche se non avevo ancora capito bene il perché, ma -era risaputo- la razionalità aveva deciso di abbandonarmi il giorno in cui l’avevo conosciuto. Davanti a lui ero solo cuore e sensi, niente di più.

Il Giglio di cristallo è suddiviso in due parti, la prima: Inizialmente il distacco di Gabriel, che soffoca il reale sentimento che prova per la sua Angelica. Momenti di solitudine della bella strega: si suddividono a momenti passionali, che vivono i nostri amati protagonisti. maxresdefaultLa prima parte è la conoscenza di Gabriel, chi è veramente lui e che cos’è stato nei precedenti quattrocento anni. Entriamo nei dettagli della vita privata del bel tenebroso Inquisitore. Viviamo un Angelica che ogni giorno tenta di crescere e di coltivare un buon rapporto con il suo amato, la vediamo combattere i suoi silenziosi sentimenti che pian piano vengono scoperchiati. Nella prima parte conosciamo anche un nuovo personaggio, a malapena introdotto nel primo romanzo: Victor. Un personaggio forte, che ha molto da raccontare. Il lettore si trova a provare una propulsione nei suoi confronti inizialmente, ma poi conoscendolo entrando nella sua vita non si può non amare. Vi svelo che amo più Victor che Gabriel! (Alessia, lo voglio per posta. Sappilo!).

«Beh, questo è più o meno il motivo per cui Victor sta venendo qua.» Sbiancai in volto. «Che cosa?! Victor? Gabriel, come hai potuto invitarlo?»the-originals-daniel-gillies

La prima parte è molto dolce, passionale e cura nei dettagli i sentimenti di Angelica e Gabriel, ma come ogni libro degno di rispetto, il terremoto emozionale è pronto a travolgere la serenità, che con difficoltà sono riusciti a costruire. Una fuga dettata dall’amore, un sentimento forte che è pronto ad essere represso pur di salvare chi si ama. Una fuga che aiuterà a far capire ad Angelica e a noi, chi sono i suoi antenati e perché la mamma Adele ha tenuto nascosta la vera identità del padre di Angelica. Ritroveremo l’Inquisizione pronta a mettere i bastoni tra le ruote a Gabriel e consorte. Scopriremo chi è veramente Rebecca e perché è sempre stata così vicina ad Angelica. La seconda parte è quella che scioglie i nodi ingarbugliati che sono stati narrati nel primo romanzo.

Non c’era guarigione per me. Senza Gabriel ero un involucro pieno solo per metà.

Il Giglio di Cristallo, chiude perfettamente il cerchio di questa bellissima duologia. Non lascia nulla di sospeso. Alessia Garbo ha raccontato magistralmente la sua storia. Se il Giglio Bruciato è un paranormal romance, il Giglio di Cristallo è un miscuglio ben fatto di fantasy e romance suspense. Inutile dirvi che la scrittura di Alessia cattura, è ben articolata e non si perde nei classici cliché che a volte si ha tendenza di raccontare. Vi assicuro che è una duologia assolutamente da leggere!

Naty

Il mio giudizio:

IMG-20160606-WA0039