Recensione di: “Quel bacio inaspettato #00” di Rujada Atzori & Vanessa Vescera

Ciao Notters,
é passato un po’ di tempo dalla mia ultima recensione ma non preoccupatevi: le letture che ho in serbo per voi varranno l’attesa! :p
Inizio col raccontarvi la mia ultimissima lettura: “Quel bacio inaspettato”, spin off della “serie degli Imprevisti” di Rujada Atzori e Vanessa Vescera.

divisorio

TITOLO: Quel bacio inaspettato #00
AUTRICE: Rujada Atzori e Vanessa Vescera
SERIE: serie degli Imprevisti
EDITORE: Self-Publishing
FORMATO: eBook
GENERE: romance (romanzo breve)
PAGINE: 145
PREZZO:


SINOSSI

Alessia e Kevin non si conoscono eppure, per una serie di imprevisti, le loro strade si incroceranno, scontreranno, più volte.
Alessia è innamorata di Stefano e spera che la loro storia possa essere costellata dallo stesso amore che lega i suoi genitori da tempo. In verità, però, qualcosa negli atteggiamenti del suo ragazzo la mettono a disagio allontanandola.
Kevin è innamorato di Sabrina ma il loro è un rapporto morboso e litigioso pieno di insicurezze e gelosia.
Gli imprevisti sono come temporali estivi, non si sa mai quando si scateneranno ed è così che si ritrovano tutti in mezzo alla tormenta dei sentimenti proprio alle porte di Natale.
Tra gelosie, liti furiose e desideri inespressi i personaggi si ritroveranno tutti nella stessa casa e, a causa di un bacio inaspettato, tutte le carte in tavola si rimescoleranno.
Solo i sentimenti veri superano le tempeste e questo non è altro che l’inizio di un uragano che porta il nome dell’amore.
La serie degli imprevisti vi lascerà senza fiato, questo è solo il preludio di come tutto può iniziare.

RECENSIONE
ATTENZIONE POSSIBILI SPOILER

Onde evitare qualsiasi tipo di incomprensione è doverosa una premessa: questo romanzo è un romanzo breve, non è il primo volume della “serie degli Imprevisti” ma il suo spin off. Immaginate di vedere la fantomatica scritta che compare nei film quando stiamo per essere catapultati in un flashback: “Tutto inizio così…”.
“Quel bacio inaspettato” é esattamente questo: un assaggino di ciò che accadrà nei volumi successivi quindi prima di iniziare questa lettura é fondamentale verificare di avere con sè una buona dose di curiosità ed una notevole scorta di pazienza perché non otterrete qui le risposte che cercate! :p
Adesso, premessa conclusa, pronti… via!

Alessia e Kevin.
Sono loro i perni centrali di questa storia ed è intorno a loro che il resto si muove.

unnamed-1Alessia ha 16 anni e, nonostante la giovanissima età, è una ragazza responsabile, matura e riflessiva. Ha una famiglia presente e unita che l’ha cresciuta facendolole assaporare la bellezza dell’amore sincero.
É fidanzata con Stefano, il ragazzo di cui si è innamorata e con il quale spera di vivere il grande amore, quell’amore che sogna ogni giorno guardando gli occhi dei suoi genitori, memorizzando ogni piccolo gesto di dolcezza e rispetto; gesti che custodisce gelosamente nel cuore e che promette a sé stessa di rivivere, un giorno, con il suo fidanzato.
La storia con Stefano non è esattamente rose e fiori, è una storia a tratti difficile, lui è un ragazzo dalla forte personalità che riesce, spesso e volentieri, a prevaricare il carattere docile di lei.
Lei, Alessia, deve fare costantemente i conti con l’opprimente gelosia di Stefano ed è molto più concentrata a pensare a cosa non fare per non farlo arrabbiare che a godersi il loro amore. Un amore che sente cambiare giorno dopo giorno…

“Il telefono mi squilla nella mano. Osservo il nome di Stefano e la sua fotografia, quella scattata insieme al duomo di Milano, che mi fa tornare indietro di mesi. Era meraviglioso quando non era così geloso e opprimente, quando la fiducia era totale e non lo rendeva a tratti tirannico. Ora cosa gli è successo?
Devo rispondere eppure non ne ho voglia, affrontarlo ora che non ho ancora messo in piedi una scusa geniale per sabotare luscita con i suoi amici mi farebbe solo combinare un pasticcio disumano. Il telefono smette di squillare ma riprende subito dopo e il cuore mi salta in gola.”

Kevin è un ragazzo che potremmo definire semplicemente normale, un ragazzo unnamed-2intelligente e responsabile, che studia scienze politiche, esce con i suoi amici, si diverte e ama. Sì ama Sabrina, una ragazza un tantino esuberante che frequenta giurisprudenza nella sua stessa facoltà e con la quale condivide una storia scostante, caotica, caratterizzata da una gelosia esplosiva, da scenate in mezzo alla gente, da silenzi scomodi, dalle lacrime esasperate di lei e dalle occhiate al cielo di lui. Eppure la ama, il pensiero di perderla lo distrugge almeno fino a che non arriverà uno scricciolo dalla coda di cavallo sbilenca e il profumo di cocco a mescolare le carte in tavola…

«Con chi sei? Di chi è la voce femminile che ti stava parlando?», la voce di Sabrina è un fiume in piena che mi riporta alla realtà e non ricordo nemmeno quando è stato che ho risposto alla sua chiamata. «Kevin! Chi deve aspettare?».
Mi passo una mano tra i capelli, mentre continuo a guardare la porta da cui la ragazza è appena sparita.
«Allora? Kevin? A chi dicevi di aspettare? Con chi sei?», Sabrina parte a raffica con le domande, la sua voce diventa più acuta e scommetto che si sta attorcigliando i capelli sulle dita, lo fa sempre quando è nervosa o agitata.”

Chi stava aspettando Kevin? Cosa sarà successo dopo questa chiamata? Come finiranno le cose con Sabrina? La ragazza misteriosa a cui lei si riferisce, tornerà indietro?
Non vi svelo più nulla se non che c’è tanto da scoprire e se condiamo tutto questo con una festa in grande stile e un galeotto gioco della bottiglia, le cose possono assumere una piega… inaunnamed-3spettata.


“Si
̀, quel bacio inaspettato mi ha risanato l’anima.
Un imprevisto che ha tutto il sapore dolcemente estivo di caramelle alla fragola.”

Converrete con me che leggendo questa storia è impossibile annoiarsi! 🙂
Questo romanzo breve racconta delle dinamiche adolescenziali di vita quotidiana, dei primi amori, dei dubbi che ti assaliscono improvvisamente, dei ripensamenti, delle gelosie ingenue e insensate e dei sospetti concreti, di quei problemi che sembrano insormontabili e che qualche anno dopo avresti affrontato diversamente.
È una storia di genuinità e spensieratezza che regala sorrisi spontanei e fa rivivere nel lettore quei ricordi che hanno caratterizzato l’adolescenza di tutti noi.
I ritmi della storia sono frenetici, tutto accade in fretta, le vicende dei personaggi si intersecano velocemente e l’alternanza dei punti di vista scorre serrata. Buonissimo il feeling stilistico delle due autrici tanto che non saprei distinguere “chi ha scritto cosa” e questo è già un enorme successo in una storia scritta a 4 mani.

Un romanzo che è una premessa, ma che profuma della promessa di una serie che ci farà battere il cuore.
#staytuned #imwaiting #seriedegliImprevisti
Rujada, Vanessa, stiamo aspettando eh? ❤

Julie.

Il mio giudizio:

IMG-20160606-WA0039

Annunci

Presentazione di: “Conquistami se ci riesci” di Antonella Maggio & Rujada Atzori

Ciao Notters!
Due autrici veterane del nostro blog. Due talenti italiani insieme, due penne travolgenti in unico romanzo che approderà prossimamente nei maggiori store online.
Si tratta di un romanzo young adult dal titolo “Conquistami se ci riesci”. ❤

divisorio

15064940_1832100113670476_1403825051_o

TITOLO: Conquistami se ci riesci

AUTRICI: Antonella Maggio e Rujada Atzori
EDITORE Self Publishing
DATA PUBBLICAZIONE: 27 Gennaio 2017
GENERE: Young Adult
FORMATO: eBook – presto anche in cartaceo
PREZZO: € 2,99
SINOSSI
Ogni età ha il proprio amore…
Melanie ha diciassette anni, è bella e intelligente a scuola, ma è la figlia del pastore Ross della piccola cittadina di Little Falls del Minnesota e ha un carattere ribelle e piuttosto cinico.
Kyle è il bullo del liceo, il bello con gli occhi azzurri che tutte le ragazze sognano e ogni anno scolastico sceglie con cura la sua vittima.
Complici i corridoi della scuola, le amicizie vecchie che spesso lasciano spazio alle nuove, gli amori sbagliati e le relazioni nate solo per dispetto, un fratello impiccione da salvare e che ambisce a diventare un prepotente e alcune foto compromettenti scattate con un telefonino, Melanie e Kyle sono due caratteri che insieme fanno scintille.

L’amore, spesso, ci insegue ed è ostinato, si maschera da stronzo e si veste di prepotenza, racconta bugie ma è dolce come il sapore dei primi baci, ha la voce dei gemiti sussurrati piano e di nascosto, è una conquista che riesce a imprigionare il cuore.

15175338_1834374206776400_1136080551_n

divisorio

Tutti pronti al clic? 😉 Mi raccomando eh? ❤
Buona lettura!

Naty&Julie

Recensione di: “Dolci Malintesi” di Rujada Atzori

Ciao Notters 😊
Sono di nuovo qui con voi per parlarvi dell’ultimo romanzo di Rujada Atzori pubblicato da Butterfly Edizioni.
Ormai lo sappiamo, Rujada ci ha abituato alla sua peculiarità stilistica e questa volta torna nella chiave che, personalmente, preferisco: quella ironica.

“Dolci Malintesi” è il titolo del romanzo che vi racconto oggi!

divisorio
dolci-malintesi_davanti

TITOLO: Dolci Malintesi
AUTRICE: Rujada Atzori
EDITORE: Butterfly Edizioni
DATA PUBBLICAZIONE: 18 Settembre 2016
GENERE: Romance ironico
FORMATO: eBook
PAGINE: 101
PREZZO: € 2,99

 

SINOSSI

Victor Thompson è nato e cresciuto in un ambiente duro e difficile, che l’ha reso un uomo cinico e razionale, privo di sentimenti.
Furbo, abile con le parole e attraente, ha tre regole di vita fondamentali: non dormire mai con una donna, averne sempre una di scorta e mai perdere la testa per nessuna.
Per un importante affare di lavoro deve recarsi a New York ma tutti i suoi piani vanno in frantumi quando si accorge di aver preso la valigia sbagliata. Convinto che sia tutto organizzato per sabotare il suo lavoro e la sua reputazione, Victor decide di vendicarsi…
Ma si sa che la vendetta porta solo guai… E se il guaio in questione indossa sexy perizomi di pizzo e ha due gambe da urlo, la cosa non può che farsi pericolosa…

RECENSIONE
ATTENZIONE, POSSIBILI SPOILER!

Una storia che non poteva che essere scritta da Rujada Atzori, un romanzo in cui l’ironia, i sentimenti e una leggerezza delicata sono protagonisti esattamente come Viktor e Leah.

È una storia di imprevisti quella che lega i personaggi principali , una storia che racconta di un uomo bello e di successo, che sta ampliando i suoi orizzonti, che nella vita ha l’unico obiettivo di fare business senza alcuna complicazione sentimentale: tante storie e senza coinvolgimento emotivo; e di una donna attraente e sensibile, una sognatrice, una donna innamorata dell’amore e dell’idea del principe azzurro.

È in occasione di un viaggio a New York che le strade di Viktor e Leah si incontrano (o si scontrano?)…

“Vado in camera sgocciolando acqua dai capelli, mi piazzo di fronte alla valigia e la apro.
Un attimo. Qui. C’è. Qualcosa. Che. Non. Va.
Viktor


Mi vado a sedere sul letto, afferro la valigia, la apro e…
Oddio! Frugo, frugo, frugo, butto all’aria camicie, cravatte, completi da uomo, mutande ma dei miei vestiti nemmeno l’ombra!
Leah”img_3970

Ebbene sì, avete capito bene.Uno scambio di valigie in piena regola, un errore che potrebbe costare caro ad entrambi.

Viktor deve affrontare il più importante incontro di affari della sua esistenza e Leah si sta giocando il tutto e per tutto con l’uomo di cui è segretamente innamorata da mesi.
L’uno con i vestiti dell’altra.
Viktor alle prese con giarrettiere, perizomi di pizzo e collant velate e Leah impegnata a cercare, tra le lussureggianti cravatte di lui, qualcosa che assomigli ad un capo femminile.

É inevitabile, per i nostri protagonisti, iniziare a provare reciprocamente una rabbia cieca e un desiderio di vendetta spietata.
Una rabbia che troverà sfogo in aeroporto quando Viktor e Leah si incontreranno per scambiarsi le valigie e far sì di poter indossare nuovamente i propri abiti…

Durante questo incontro però qualcosa non va esattamente come previsto: Viktor è convinto che lo scambio delle valigie non sia frutto di un errore di distrazione (che sarebbe senz’altro della controparte) ma che si tratti di un piano premeditato per sabotare la sua scalata al successo e cerca così di estorcere informazioni alla nostra Leah che non è però così disponibile a collaborare ma anzi, ha tutte le intenzioni di mostrare a Viktor il suo disappunto per aver rotto i suoi pantaloni neri preferiti.

Ed è esattamente a questo punto che hanno inizio una serie di (s)fortunati eventi che vedranno legati i nostri protagonisti non solo all’aeroporto di New York ma anche laddove Leah credeva di essere al sicuro, a Londra, nella piccola banca in cui lavora da anni, a casa sua.
Viktor e Leah si troveranno legati da un una situazione che sicuramente non avrebbero scelto ma dalla quale non hanno scampo e con la quale devono necessariamente convivere.
Convivere forse non è la parola giusta visto che Viktor farà di tutto per rendere a Leah la vita impossibile, così impossibile da indurla a compiere una decisione che non avrebbe mai preso in considerazione: andarsene.

occhi-chiusi.jpg“Chiudo gli occhi e cerco di rilassarmi ma la mente mi tradisce e riporta a galla cose che vorrei non ricordare.
Il suo profumo ad esempio, o la sua risata. Il modo in cui si sistema la cravatta, quando cammina, le mani nelle tasche dei pantaloni.
Il suono della sua voce, il modo in cui mi guardava.”
Leah

Nonostante la lontananza però per Leah non è facile smettere di pensare a lui, alla sua presenza fastidiosa ma costante, alla sua voce indisponente quanto calda e penetrante.
Lo sappiamo no? Non sempre scappare è la soluzione ai problemi, non sempre è abbastanza, non sempre è sufficiente a mettere a tacere il cuore, le emozioni, i brividi.

E per quanto ci sforziamo di ricominciare, di andare oltre, di lasciarci quel Qualcosa alle spalle, spesso non serve a nulla e corriamo due rischi:
il primo è quello di rimandare una situazione che, prima o poi, ci troveremo ad affrontare. Non importa quando, né come, non importa se succederà di notte, tra le lacrime o il giorno della vigilia di Natale davanti ad un camino scoppiettante… prima o poi quella mancanza torna a farsi sentire e il nostro cuore continuerà sempre a perdere un battito.
Il secondo invece è quello di perdere per sempre quell’emozione, quell’occasione, l’opportunità di essere felice davvero, di prenderci la nostra rivincita, di lasciare andare quel Qualcosa…

«Zio Vic, perché mi chiami sempre V-Junior?».
«Perché tu sei come lo zio Vic, o meglio, mi ricordi me».
«Quindi anche tu sei stato innamorato?».img_3966
«Tu sei innamorato?».
Annuisce contento ma poi torna serio di colpo.

«Che succede, perché questo faccino serio?».

«Tu cosa fai quando sei innamorato, zio Vic?».

«Aspetto».

«Che cosa?».

«Che passi. Aspetto che passi».

«Quindi anch’io dovrei aspettare? Però se aspetto, poi quella carogna di
Richard si prende Clare e io non voglio, io voglio che lei sia mia e che sia innamorata di me come io lo sono di lei».
«Allora non devi aspettare, vai a prenderla». «E tu hai fatto lo stesso, zio?».
Scuoto la testa pensando a Leah.

«Allora perché non vai a prenderla?».
Mi fermo di colpo e guardo il bambino che mi fissa con due occhioni neri curiosi. Gli accarezzo la testa e lo poso per terra mentre mi fiondo nella mia camera e senza pensarci troppo inizio a preparare la valigia.”

È davvero difficile scrivere questa recensione senza rischiare di rovinarvi la lettura, questa è una storia in cui il ritmo degli eventi è serrato, gli equilibri sottili e le dinamiche tutt’altro che casuali.
Rujada scrive una nuova storia che fa divertire il lettore e al tempo stesso lo fa sognare ad occhi aperti lasciandosi cullare da quel pizzico di surrealismo che non stona ma anzi, dà una marcia in più al racconto.
Una storia dalla dolcezza mai melensa, mai regalata quanto, piuttosto, velata, centellinata a dovere e dalla semplicità disarmante.
Una storia di imprevisti, coincidenze e seconde opportunità, di raziocinio che combatte il cuore, di delusioni e regole infrante, di un amore inaspettato, sorprendente e meraviglioso.

Julie ❤️

Il mio giudizio:

IMG_0096

Presentazione di: “Dolci Malintesi” di Rujada Atzori

Ciao Notters,
oggi la casa editrice Butterfly Edizioni ci mostra le sue novità: Presto in cartaceo due ebook che hanno fatto successo su Amazon: “Tutto in otto giorni” di Sadie Jane Baldwin e “In fuorigioco per te” di Eleonora Mandese. Entrambi i romanzi si possono trovare in offerta al 15% di sconto e spese di spedizione gratuite in pre-ordine nello shop: Butterfly Edizioni – Shop on Blomming .
N.B. I libri verranno spediti direttamente a casa a partire dal 4 ottobre, mentre si possono ordinare/trovare in libreria dal 20 ottobre.

In più ci presenta una nuova uscita, sempre firmata Butterfly Edizioni, di un’autrice molto stimata da Notting Hill Books: Rujada Atzori che il 20 Settembre ritornerà con un suo nuovo libro.

“Dolci Malintesi”

divisorio

dolci-malintesi_davanti
Titolo: Dolci Malintesi
Autore: Rujada Atzori
Editore: Butterfly Edizioni
Pagine: 120
Prezzo: 2,99 € (il romanzo resterà in offerta a 0,99 per i primi tre giorni)
Data di uscita: 20 settembre 2016
Disponibile in ebook su Amazon e Kindle Unlimited
SINOSSI
Victor Thompson è nato e cresciuto in un ambiente duro e difficile, che l’ha reso un uomo cinico e razionale, privo di sentimenti.

Furbo, abile con le parole e attraente, ha tre regole di vita fondamentali: non dormire mai con una donna, averne sempre una di scorta e mai perdere la testa per nessuna.
Per un importante affare di lavoro deve recarsi a New York ma tutti i suoi piani vanno in frantumi quando si accorge di aver preso la valigia sbagliata. Convinto che sia tutto organizzato per sabotare il suo lavoro e la sua reputazione, Victor decide di vendicarsi…

Ma si sa che la vendetta porta solo guai… E se il guaio in questione indossa sexy perizomi di pizzo e ha due gambe da urlo, la cosa non può che farsi pericolosa…
dolci-malintesi_card3
divisorio
#SAVETHEDATE: 20 Settembre 2016
In bocca al lupo a Rujada per questo nuovo lavoro!
Naty&Julie

 

 

Recensione di: “Un maggiordomo solo mio” di Rujada Atzori

Ciao Notters,
altro YouFeel altro regalo! 🙂

Per la collana YouFeel Reloaded, dedicata ai migliori self italiani pubblicati, torna sui nostri Reader Rujada Atzori con la nuova versione di “Un cameriere solo mio” (titolo originale) diventato con Rizzoli “Un maggiordomo solo mio”. Vi ricordiamo che nella nuova edizione YouFeel troverete dei capitoli in più!
Adesso basta chiacchiere, seguitemi! ❤️

divisorio

513E1t9NhmL._SY346_
TITOLO: Un maggiordomo solo mio
AUTORE: Rujada Atzori
EDITORE: Rizzoli
COLLANA: YouFeel
DATA PUBBLICAZIONE: 29 Luglio 2016
GENERE: Romance
PAGINE: 109
FORMATO: eBook
PREZZO: € 2,99

SINOSSI

Girare una crêpe è arte dei più capaci.

Elisa ha diciotto anni e una gran voglia d’indipendenza. Figlia unica di una famiglia benestante, è cresciuta sotto l’ala protettiva dei suoi genitori, che l’hanno sempre confinata in istituti privati femminili o relegata in casa. Quando Elisa decide di lasciare l’agio della ricchezza per immergersi nella realtà delle persone comuni è risoluta, ma si trova catapultata in un mondo inaspettato. La vita quotidiana è piena di difficoltà a lei sconosciute: cucinare, lavare e sistemare gli abiti sono operazioni misteriose. E come si accende una lavatrice? Elisa ha un disperato bisogno di un maggiordomo. Sarà forse quel bel ragazzo che le ha aperto la porta di casa e che si ostina a sostenere di essere solo il suo “coinquilino”?
Una storia romantica e scanzonata che ci farà riscoprire il gusto delle piccole difficoltà quotidiane, che diventano piacere quando si mescolano con l’amore. E la gioia di poter scegliere liberamente cosa fare della propria vita.

Mood: Ironico – YouFeel RELOADED dà nuova vita ai migliori romanzi del self publishing italiano. Un universo di storie digital only da leggere dove vuoi, quando vuoi, scegliendo in base al tuo stato d’animo il mood che fa per te: Romantico, Ironico, Erotico ed Emozionante.

RECENSIONE
***ATTENZIONE, POSSIBILI SPOILER***

 Elisa Iacomini.
18 anni appena compiuti, ricca di famiglia in maniera sfacciata, irrimediabilmente (e involontariamente) viziata dai genitori e dai loro infiniti agi.
Ha tanti vanti, parla cinque lingue, ha praticato tutti gli sport, ha facoltosi insegnanti privati a curare la sua istruzione ma sicuramente non possiamo aggiungere a questi l’autonomia e io sapersela cavare da sola. Elisa non sa cucinare un uovo, stendere il bucato n’è impostare la lavastoviglie per non parlare dello stirare i suoi numerosi abiti o rassettare la sua stanza.
È stata talmente “protetta” da averla resa incapace di qualsiasi cosa, anche di Valigia-piena-1rapportarsi con gli altri. Non ha amici e non ha mai avuto un fidanzato, non ha mai amato qualcuno a parte il suo maggiordomo e, a sua volta. Non è mai stata amata.
Tutta questa situazione comincia a stare stretta alla nostra protagonista che vuole in qualche modo riscattarsi ed imparare a cavarsela da sola in un mondo che fino a quel momento le è stato sconosciuto. Decide così, con la carta di credito bloccata e senza un posto dove andare, di saltare in macchina e imboccare l’uscita di Villa Iacomini con un unico pensiero: “me la caverò”.

Per fortuna che la mia coinquilina doveva essere a casa.
Mi attacco al campanello come una pazza. Suono a intermittenza, sto quasi per mettermi a ballare quando la porta si spalanca.
In quell’istante ho la sensazione di aver sbagliato porta, eppure… Mi volto per osservare l’atrio e sono certa che l’interno è esatto. Ora, le cose sono due: o io ho un problema grave alla vista, oppure la mia coinquilina deve aver cambiato i suoi connotati perché due pettorali così, io, dal vivo non li ho mai visti.
È un ragazzo – non una ragazza – alto, assonnato, capelli lunghi che gli ricadono sulle spalle, spettinato come Tarzan mentre svolazza da una liana all’altra. E di Tarzan ha anche la classe, in mutande e intento a grattarsi il sedere con nonchalance.
Questo deve essere un trucco di mia madre, non ci sono altre spiegazioni. Vorrà manipolarmi ancora una volta, sì, deve essere per forza così.”

 L’energumeno che ha aperto la porta ad Elisa altri non è che Alex, il coinquilino, ma ai suoi occhi diventerà automaticamente il suo cameriere pronto a cucinare, riordinare, stirare, fare la spesa, occuparsi della sua salute attraverso massaggi restauratori, ogni qualvolta lei schiocchi le dita. Il tutto per mille euro al mese (che non sa minimamente dove procurarsi visto che la sua adorata mammina le ha bloccato tutti i viveri).
Alex un po’ per curiosità e un po’ perché mille euro al mese per non fare altro che vivere la sua vita con un supplemento femminile annesso fanno una certa gola, sta al gioco e si finge il suo maggiordomo personale, ingaggiato da Lady Iacomini preoccupata per l’incolumità della figlioletta smarrita…

Di sicuro non avrebbe mai immaginato che Elisa fosse una perfetta incapace di ogni punto di vista pratico possibile, certo era una ragazza intelligente ma assolutamente inesperta in qualsiasi attività, anche la più banale (basti pensare che aveva addobbato casa con dei vibratori colorato considerandoli dei suppellettili di design di buon gusto!)

Quando si rende conto dell’insolita situazione in cui si trova e dopo aver sperimentato sulla pelle di cosa Elisa sia capace (aver dato della vacca a sua madre e cacciato i suoi amici urlando come una pazza assatanata sono solo alcuni esempi) decide di darle uno scossone e di aiutarla a trovare la sua indipendenza nonché la sua autonomia.
60593_482891655084409_120954305_nLe trova quindi un lavoro, nel ristorante dove fa il cameriere, le insegna a cucinare le crêpes, si prende cura di lei ed è felice di trascorrere con lei gran parte del suo tempo.

Elisa, dal canto suo, trova in Alex un àncora, un amico, un confidente; contro ogni aspettativa al suo fianco sente di essere a casa e trova in lui una famiglia, ristretta certo ma una famiglia di quelle che sceglieresti.
La piccola Iacomini non sa cosa voglia dire ma dentro di lei le cose stanno cambiando, non sa descrivere la sensazione che le si sprigiona nel petto, il motivo per cui il suo stomaco sembra fare doppie capriole carpiate, non riesce a decifrare il battito impazzito del suo cuore ma poi…

«Elisa, per favore… parlami.»
«Sei tu…» Inspiro lentamente prima di proseguire. «Quando ti sto vicino, io mi sento così. Formicolio allo stomaco, battiti accelerati, sudorazione delle mani…» Cerco di riprendere il controllo di me stessa e del mio respiro, sembro una maratoneta pronta a tagliare il traguardo.
Alex non dice nulla, sorride e abbassa lo sguardo, poi lo rialza e mi guarda negli occhi.
Non so cosa mi prende, gli afferro la testa e appoggio le mie labbra sulle sue. Forse è il vino ad avermi dato il coraggio. Le sue labbra sono morbide, sento il suo respiro caldo sul viso, vorrei di più. Voglio tutto di lui.”
large

Ecco che il rebus comincia ad avere un senso ed Alex non perde occasione per dimostrarle di aver fatto la scelta giusta a prenderne in mano la sua vita e a lasciarsi andare, con lui.
Lui che è diventato il suo angelo, colui che la protegge da guai sicuri, dalle sue figuracce esagerate, dalle ginocchia sbucciate e da ogni più piccola ed insignificante paura.

L’amore li rende complici, liberi, completi, felici, invincibili… O almeno cosi pensava Elisa che non conosceva le piccole insidie quotidiane.
L’amore, lo sappiamo, non è sempre facile. A volte bisogna tirare fuori le unghie, altre invece stare attenti a non usarle, serve pazienza, costanza, determinazione, sincerità, fiducia.

Elisa riuscirà a fidarsi completamente di Alex anche quando una ragazza dispettosa farà la sua comparsa? Combatterà per tenerselo stretto o si lascerà sopraffare dalla delusione di vederlo sorridere ad un’atra? Il loro amore sarà abbastanza forte da superare i primi ostacoli?

Devo, necessariamente, fermarmi qui ma voi no, dovete andare avanti perché quello che vi aspetta non lascia più spazio all’ironia e al sorriso sulle labbra ma solo al battito del cuore accelerato e all’emozione di un finale che non lascia scampo.
Non avevo letto la versione self di questo romanzo ma sono felice di averlo letto con il marchio YouFeel ed i capitoli inediti che l’autrice ci ha regalato.
È una storia ben costruita, i tempi sono coerenti, il linguaggio semplice ma accattivante, la trama originale e lo stile… Beh lo stile inconfondibile di Rujada che fa del l’ironia la carta vincente delle sue storie.

Nuovamente brava Rujada, anche Elisa e Alex sono una conferma! 🙂

Julie ❤

Il mio giudizio:

IMG_0096

 

Recensione di: “You don’t own me” di Rujada Atzori|ANTEPRIMA!

Ciao Notters 🙂

In questi giorni sono il vostro incubo lo so ma oggi non potevo proprio sventolare bandiera bianca e lasciarvi in pace.
Oggi è il 01 Giugno e lo sapere te cosa succede? Ma come no!
Oggi Rujada Atzori pubblicherà il suo nuovo romanzo: “You don’t own me – Le scelte del cuore”.
Notting Hill ha avuto l’immenso piacere di leggerlo e recensirlo per voi in anteprima (ne approfitto e ringrazio pubblicamente Rujada per questa opportunità ❤) perciò seguitemi che vi racconto la storia di Niky… e non solo!

divisorio

TITOLO: You don’t own me – Le scelte del cuore
AUTRICE: Rujada Atzori
EDITORE: Self-Publishing
DATA PUBBLICAZIONE: 01 Giugno 2016
GENERE: Romance
FORMATO: eBook
PREZZO: € 0,99

 

SINOSSI

Niky è innamorata da sempre del suo migliore amico, Stefano, ma per paura di rovinare la loro amicizia tace.
Il silenzio dell’amore ha il costo della sofferenza. Prigioniera dei suoi sentimenti cerca di soffocarli, prima in relazioni sbagliate e poi con il sesso occasionale.
In una notte di passione conosce un uomo misterioso che vuole abbattere i suoi silenzi scavalcando il muro dietro cui si difende e liberandola dal possesso che esercita il sentimento che prova per Stefano.
Niky si troverà a fidarsi di uno sconosciuto dal fascino magnetico.
Può l’amore di sempre, puro e incondizionato, venire offuscato dalla passione? Può liberarci dal possesso, dall’appartenere incondizionatamente a qualcuno che ci limita la possibilità di vivere?

Rujada Atzori ci parla dei silenzi dell’amore, quelli che si bloccano nel cuore tacendo verità che potrebbero cambiare il corso del nostro destino. Per ricordarci che anche i silenzi hanno un suono…il suono dell’amore e che anche se sentiamo di appartenere a qualcuno, prima o poi, qualcosa nella vita può accadere costringendoci a ripartire con una nuova certezza… Il non appartenere a nessuno ma solo all’amore quello vero e alla sua capacità di renderci felici.

RECENSIONE
***ATTENZIONE, POSSIBILI SPOILER***

A quante di voi è capitato di innamorarsi del proprio migliore amico? Di conoscerlo durante la scuola, trascorrere un po di tempo con lui, poi anche il pomeriggio al campo sportivo e le serate al cinema fino a scoprirsi così simili da dire, fare e pensare le stesse cose?

A quante di voi è capitato di sentirsi così attratte da lui farsi mancare il respiro, da arrossire dopo un innocente complimento, da balbettare al solo contatto con la sua pelle, da dover imporre al cuore di rallentare per non rischiare la morte certa a causa di un infarto precoce?

Ecco, Niky si trova più o meno in questa condizione ed è più o meno così che si sente quando parla/sente/vede/immagina/sogna Stefano.

IMG_9998

Niky e Stefano sono amici da anni, sai tempi della scuola appunto, e lei lo ama da sempre, incondizionatamente. Lo ama al punto di non svelargli nulla del sentimento che cresce in lei pur di non perderlo. Lo ama al punto di accontentarsi delle briciole, guardandolo passare da una ragazza (o dea, che dir si voglia) all’altra come farebbe un’attenta telespettatrice all’ultima puntata della sua serie TV preferita, Lo ama così tanto che fingerà per anni una felicità che non le appartiene mandando giù più di un magone quando lui correva da lei per raccontarle della nuova fiamma che gli aveva rubato il cuore. Ed è questo che lui faceva ogni volta: le rubava il cuore, ogni giorno un po’ di più senza neanche accorgersene.

Sono in una specie di torpore. Sto sognando Stefano, come sempre. Sogno che mi sorride e mi viene incontro a braccia aperte. Sogno che grida di amarmi e che non può fare a meno di me ed io gli corro incontro felice che, finalmente, il mio amore è ricambiato ma, davanti a me, compare una ragazza e mi blocco. La vedo correre incontro a Stefano, abbracciarlo e poi guardarlo piena d’amore. Il suo sguardo viene ricambiato e si stringono , si baciano con passione mentre io non sono altro che una spettatrice e sento il rumore sordo del mio cuore che si spezza. Provo a urlare senza riuscirci.
Scegli me, vorrei gridargli.
Scegli me! Ma le parole continuano a restare incastrate nella gola, senza che riesca a muovermi di un passo.
Il campanello mi fa aprire gli occhi di scatto e con il cuore a mille cerco di ricompormi.”

E poi arriva Max nella vita di Niky come se qualche anima pia lo avesse mandato dal cielo sulla terra con il compito di svegliare una bambina addormentata dal suo più grande sogno (o dal suo peggiore incubo…)

Una notte di sano, straordinario e appassionante sesso, una notte in cui pensare è proibito e l’unica regola è lasciarsi andare. Una notte in cui Max la fa sentire perfetta, bella, l’unica… ciò che per Stefano non è mai stata.
Sesso senza complicazioni di sorta. É questo che si promettono Niky e Max ma ancora non sanno che le cose saranno destinate a cambiare.

Succede, no?
Ma sí, succede e basta. Incontri quella persona che a pelle proprio non sopporti, ti urta il sistema nervoso e vorresti prendere a schiaffi ma poi succede qualcosa, quel qualcosa che sei costretta a condividere e basta un attimo riconoscere un’affinità inaspettata, un feeling inspiegabile, un benessere che regala ossigeno.

“«Okay, mi hai convinta. Ma se…» non riesco a terminare la frase. Max posa le labbra sulle mie: «Shhh, non pensare.»
Annuisco piano, chissà perché mi fa questo effetto calmante.
Si alza e si stiracchia: «Ti preparo la cena, cosa vuoi?»
«Uhm…» ci penso su prima di rispondere, «Che ne dici di una semplice macedonia? Non ho tantissima fame, ma la frutta la gradirei lo stesso».IMG_9999
«Sarà fatto, principessa!» esclama sorridendo e facendo un piccolo inchino. Rido e gli lancio un cuscino ma lo schiva uscendo dalla stanza.
Che tipo… eppure sto bene insieme a lui.”

 Max, Niky e Stefano.
Lui, lei e l’altro.

IMG_9996
Un triangolo amoroso inconsapevole, un triangolo che rischia di diventare un pentagono e anche se, avete ragione, suona male è proprio così.
È una strada senza uscita: da una parte l’amore secolare e radicato per Stefano e dall’altra quelle sensazioni che profumano di vita e bruciano di passione.
Come uscirne? Cosa scegliere? Come capire ciò che Niky vuole davvero?

Ehi non ci sperate! È ovvio che non vi dirò neanche una parola su come andrà a finire questa storia (anche perché dovrei riscrivere il libro per rendere giustizia ai sentimenti dei personaggi!)
Le emozioni di Niky e la sua prigionia in quel sentimento che la sta consumando, la tragedia che cambierà per sempre la vita di Max e l’assoluto, odioso tempismo di Stefano sembrano scorrerti davanti come un film e puoi quasi sentirne le sensazioni, i profumi, i suoni. Vederne i colori.

Lo sapete, avevo già letto Rujada in “Una sorpresa per te” e, nonostante siano due tipologie di romanzo completamente diverse devo dire che anche questa volta non mi ha affatto delusa.
Dopo aver letto una Rujada dallo stile leggero ed esilarante, questa volta ha scritto un qualcosa di più reale, più crudo a volte. È una storia di bisogno. Bisogno di avere qualcosa, di fuggire da qualcosa, di rinascere, di sopravvivere, di tornare a sorridere.
Stilisticamente belle anche le citazioni alla fine di ogni capitolo, da quelle dei grandissimi della letteratura a quelle dei grandi che ancora stanno imparando.

Questo romanzo, è giusto dirlo, oltre a fornire diversi spunti di riflessione, non fa mancare al lettore quel pizzico di sensualità ed eros che, spesso, cerchiamo con trepidazione e che faranno scaldare anche gli animi più impassibili. 😉

Questo slideshow richiede JavaScript.

Una storia “incasinata” quella dei protagonisti di “you don’t own me”; la storia di un amore mai sbocciato, di un amore inaspettato, di un amore perduto, di un amore sincero.

La storia di un appartenenza e della negazione di questa.
Una storia destinata a trionfare, nel romanzo e nella vita vera, perché in fondo lo sappiamo che tutti noi apparteniamo a qualcuno.

Julie ❤

picsart_01-08-01.50.58.jpg

image

Recensione di: “Una sorpresa per te (in ogni tuo respiro)” di Rujada Atzori

Ciao Notters 😊

Il nostro appuntamento settimanale è arrivato!
Cosa ho in serbo per voi oggi, mi chiedete?
Uh beh, oggi vi racconto una delle ultime novità Butterfly Edizioni ed è di un’autrice che non avevo mai avuto il piacere di leggere prima ma che mi ha irreversibilmente conquistata!
Lei è Rujada Atzori e il libro di cui parliamo oggi è “Una sorpresa te per te (in ogni tuo respiro)”.

 divisorio

una sorpresa per te_davanti (2)

TITOLO: Una sorpresa per te (in ogni tuo respiro)
AUTORE: Rujada Atzori
EDITORE Butterfly Edizioni
DATA PUBBLICAZIONE: 22 Marzo 2016
FORMATO: eBook
PAGINE: 160
PREZZO: € 2,99

SINOSSI

Cosa c’è di peggio che scoprire di aver chiesto la mano alla tua fidanzata storica completamente ubriaco?

Alessandro ha una vita sicura e ordinaria: un lavoro, una casa, degli amici fidati e una fidanzata con cui sta dai tempi della scuola.Tutto potrebbe andare a meraviglia, se non fosse che le ha chiesto di sposarlo da ubriaco e una volta sobrio non è poi così sicuro del suo amore e della loro relazione…
Giorgia ha 26 anni e una malattia incurabile: è sfigata cronica!
Ha un lavoro che non le concede un attimo di respiro, una gatta che attenta alla sua vita tutte le volte che può, un’amica che per mantenersi fa video erotici ed è single perché ha fatto una promessa. In paranoia per i suoi difetti fisici, perché non riesce a fare a meno della nutella, cerca di vivere come un maschio: andando di letto in letto con chi le piace, peccato che il destino non le permetta mai di consumare…
Tra battibecchi, equivoci e problemi di omonimia, complice un uovo gigante di cioccolato, i due si ritroveranno spesso sulla stessa strada.
Una sorpresa per te è un romanzo che saprà sorprenderti!

RECENSIONE
***ATTENZIONE, POSSIBILI SPOILER!***

“Una sorpresa per te è un romanzo che saprà sorprenderti!”.
La sinossi del romanzo ci lasciava così e devo dire che è una sacrosanta verità!
Nella storia di Giorgia e Alessandro non mancano assolutamente i colpi di scena ed è il caso di dirlo: anche i colpi di testa. :p

IMG_8996Giorgia è una ragazza di 26 anni che si dà da fare (anche nel combinare guai!), una che si rimbocca le maniche e la vita la affronta con grinta, sorridendo delle due sventure.
É più sfigata di chi scivola su una buccia di banana, di chi fa cadere le chiavi nel tombino, di chi si fa scivolare il cellulare dalle mani che cadrà proprio con lo spigolo, di chi pesta la cacca di un cane con i sandali… Devo continuare? 🙂

È al tempo stesso una che non ha paura di lavorare sodo pur di guadagnarsi la sua modesta indipendenza.
Vive da sola, o meglio, sola con la reincarnazione di Gianburrasca a quattro zampe: ad animare la sua vita casalinga è Tempesta, una gattona dal sedere prosperoso quanto la sua sfacciataggine.
Ad animare la sua vita sociale, invece, è Katia, la sua migliore amica, il suo lato folle.

Alessandro ha 28 anni, è un ragazzo per bene, un commercialista. Un IMG_8995genio dei i numeri che, come da manuale, con le emozioni é un gran pasticcione!
Conduce una vita mediamente regolare, ha un buon lavoro, un gruppo di quattro fantastici amici sempre pronti a dargli una pacca sulla spalla (o un calcio nel sedere!).
Ah, ultima ma non meno importante, ha una fidanzata, Giorgia anch’essa 😬, di cui è follemente innamorato e con la quale intende trascorrere il resto della sua vita… Forse.

 Come abbiamo avuto modo di leggere in altre storie, anche questa comincia con un incontro/scontro ma (sì c’è un ma!) questa volta lo scontro, che vedrà Giorgia ribaltare un intero vassoio addosso ad Alessandro per colpa di una mossa non proprio felina di quest’ultimo, precede un incontro vero e proprio.

Un incontro frutto di uno strano scherzo del destino che però si rivelerà subito molto interessante…

Un’altra receptionist si avvicina a me chiedendomi gentilmente i documenti, sorrido e le passo la mia carta d’identità. Con la coda dell’occhio vedo la ragazza accanto a me che tenta di sbirciare così mi volto sorridendo e allungo una mano: «Mi chiamo Alessandro, visto che t’interessa tanto.» Alza un sopracciglio. «Non m’interessa, in realtà. Buttavo l’occhio verso quell’opuscolo che è accanto a te, ma vedo che tu hai manie di protagonismo, Alessandro.» Calca di più sul mio nome ma non capisco dove voglia arrivare. Butto un occhio all’opuscolo accanto a me e parla della festa dell’otto marzo. Sorrido, lo prendo e glielo passo. «Magari la smetti di essere così acida.» Lei lo afferra e legge cambiando espressione. Alza lo sguardo e mi fulmina. «Se stai dicendo che devo fare più…» colpetti di tosse. «Be’, hai capito… ti sbagli di grosso! Perché io non ho bisogno di pagare uno di questi super-muscolo per fare del sano sesso!» «Non ne sono così convinto visto che stai cercando di convincermi, o di convincerti.» Mi punta un dito contro, riducendo gli occhi a due fessure, apre la bocca per ribattere poi ci ripensa, sbuffa, afferra la sua valigia, la chiave, saluta educatamente la receptionist che se la ride sotto i baffi e, mentre mi passa accanto, la sento sussurrare: «Idiota.» Poi con nonchalance entra nell’ascensore e, prima che si chiudano le porte, mi mostra il suo dito medio con grande soddisfazione. Che tipa!”

Ed eccoli qui i nostri due protagonisti, ospiti dello stesso hotel, per lo stesso periodo di tempo, “costretti” a consumare i pasti nello stesso ristorante convenzionato.

Nonostante l’inizio un po’ burrascoso Alessandro si trova desideroso di conoscere meglio quella buffa dispensatrice di insulti silenziosi e decide così di accomodarsi al tavolo a cui è seduta Giorgia e di cenare insieme a lei…
(Credetemi, se quelle sedie potessero parlare ve ne racconterebbero delle belle! :D)

Contro ogni aspettativa scopriranno di non detestarsi ma anzi, di provare una reciproca simpatia l’uno per l’altra. Un feeling inaspettato che li porterà a trascorrere insieme momenti delicati, una serata resa “buia e tempestosa” dai dolorosi pensieri che affollano la mente di Giorgia e dalle incessanti domande che si moltiplicano nella testa di Alessandro. Una serata che sembra solamente l’inizio di una nottata insonne ma che forse potrebbe rivelarsi una piacevole sorpresa…

«Scusa» sussurra. «Di solito non sono così musona!» «Sì, mi ricordo… hai un bellissimo dito medio. Spettacolare!» Ride ed è bella e io non dovrei pensare che è bella, anche se lo è. Perché poi succede che non riesco più a smettere di guardarla e pensare che mi piace quando ride? E cercherò di farla ridere sempre, solo per vedere la sua bocca allargarsi e i suoi occhi… ah, i suoi occhi! Scuoto la testa, come a scacciare un pensiero. Che cavolo mi prende? Vuoi vedere che c’è droga nell’aria?”

Una complicità inaspettata quella che si crea tra i due.
Una sinergia particolare, la voglia di scoprirsi che diventa costante, il sorriso che incespica reciprocamente sulle labbra quando si sfiorano.
Un rapporto nato per sbaglio che sta crescendo rapidamente, incontrollabile.

Che fare adesso?
Giorgia riuscirà a sconfiggere i fantasmi del passato?
Alessandro chiarirà i suoi dubbi?
Giorgia lascerà andare il suo dolore?
Alessandro sarà abbastanza coraggioso da ascoltare il suo cuore?
Basterà un cappuccino d’orzo ad unire due anime?

IMG_8989

Mi fermo qui e vi lascio sognare con (Giorgia)2 e Alessandro.
Vi basti sapere che vale la pena catapultarsi nel pandemonio di questi due folli personaggi!

La parola che meglio descrive questo romanzo è sorpresa, in tutte le sue declinazioni linguistiche.
Sorprendente è la pulizia dello stile di Rujada, la scorrevolezza del racconto, il linguaggio semplice ma estremamente efficace, l’intreccio tessuto a regola d’arte che rende avvincente la trama.
Sorpresa è come mi sono sentita dall’inizio alla fine della lettura. All’inizio per l’originalità del racconto e alla fine per la meravigliosa opinione che mi sono fatta di questa autrice.

Questo slideshow richiede JavaScript.

E’ il primo libro che leggo di Rujada Atzori è un messaggio mi è arrivato forte e chiaro: devo trovare il tempo di leggere tutti gli altri!

Una fantastica sorpresa, ecco cosa sei stata per me. Brava Rujada! 😊

Julie ❤️


Una Sorpresa Per Te
di Rujada Atzori

 

image

Presentazione di: ” Una sorpresa per te (in ogni tuo respiro)” di Rujada Atzori

Ciao Notters 🙂
Per rimanere in tema di “grandi ritorni” oggi vi segnaliamo l’autrice Rujada Atzori che torna con un nuovo romanzo: “Una sorpresa per te (in ogni tuo respiro)”! ❤

divisorio

una sorpresa per te_davanti (2)

TITOLO: Una sorpresa per te (in ogni tuo respiro)

AUTORE: Rujada Atzori
EDITORE Butterfly Edizioni
DATA PUBBLICAZIONE: 22 Marzo 2016
FORMATO: eBook
PAGINE: 160
PREZZO: € 2,99
LINK PER L’ACQUISTO: QUI

SINOSSI
Cosa c’è di peggio che scoprire di aver chiesto la mano alla tua fidanzata storica completamente ubriaco?

Alessandro ha una vita sicura e ordinaria: un lavoro, una casa, degli amici fidati e una fidanzata con cui sta dai tempi della scuola.Tutto potrebbe andare a meraviglia, se non fosse che le ha chiesto di sposarlo da ubriaco e una volta sobrio non è poi così sicuro del suo amore e della loro relazione…
Giorgia ha 26 anni e una malattia incurabile: è sfigata cronica!
Ha un lavoro che non le concede un attimo di respiro, una gatta che attenta alla sua vita tutte le volte che può, un’amica che per mantenersi fa video erotici ed è single perché ha fatto una promessa. In paranoia per i suoi difetti fisici, perché non riesce a fare a meno della nutella, cerca di vivere come un maschio: andando di letto in letto con chi le piace, peccato che il destino non le permetta mai di consumare…
Tra battibecchi, equivoci e problemi di omonimia, complice un uovo gigante di cioccolato, i due si ritroveranno spesso sulla stessa strada.
Una sorpresa per te è un romanzo che saprà sorprenderti!

C’è solo una cosa più dolce del cioccolato: l’amore… 

L’amore è la sorpresa che la vita ti fa, quando hai il cuore a pezzi e pensi di non innamorarti più. 

 
 I LETTORI NE DICONO…

“Un storia dolcissima e meravigliosa, scritta con uno stile brillante e ricco di humour che mi ha fatto ridere di gusto, un autentico antidoto contro i malumori e le giornate NO. Grazie Rujada, mi ha fatto provare delle emozioni fortissime.”

“È una storia frizzante, ironica scritta in modo molto dinamico che riesce a toccare anche argomenti delicati come il tradimento, il senso di colpa e di responsabilità verso le persone a cui si vuole bene o ci si sente legati, le scelte razionali e sentimentali in un modo talmente delicato da arrivare dritte al cuore.”

“Ho letto questa storia in poche ore, mi ha catturata dall’inizio alla fine. Un romanzo romantico ed ironico. Lo straconsiglio!”

 divisorio

Altri romanzi della Butterfly Edizioni:

– “Profumo d’amore a New York” di Antonella Maggio
– “Le tue mani mi parlano d’amore” di Angela Castiello
– “24 ore a Parigi per averti” di Vanessa Vescera
– “Al di là di te” di Argeta Brozi
– “Waiting room – l’attesa di un amore” di Bianca Rita Cataldi
– “Il mondo dopo te” di Laura Bellini
– “Il veleno nell’anima” di Mariana Fujerof
– “Il punto esatto di due anime” di Luigi Mancini
– “The Secret – una scommessa d’amore” di Rujada Atzori
– “Quando cala il buio” di Massimiliano Bellezza
– “Amarti è il mio destino” di Margaret Privitera
– “Impronte d’amore” di A.A.V.V.
– “Ho sposato uno struzzo” di Antonietta e Silvia Scarabelli
– “I colori che ho dentro” di Nadia Boccacci
– “La vendetta di Dio” di Cristian Rossi
– “Sabbie mobili – l’amore oltre le radici” di Rita Parisi
– “L’altra metà della mela” di Viviana Leo
– “Senza di te” di Teresa Di Gaetano
– “Ops! Che figura!” di A.A.V.V.
– “Acque – l’amore indissolubile” di Laura Clerici
– “Il tesoro della Vera Cruz” di Roberto Modolo
– “Il cuore aspro del sud” di Coralba Capuani
– “Manchi solo tu” di Antonella Maggio
– “L’amore nei tuoi occhi” di Rujada Atzori
– “Un qualunque respiro” di Emily Pigozzi
– “Questo nostro dolce Natale” di Antonella Maggio
– “Note d’amore” di Giovanni Novara
– “L’amore non si nega a nessuno” di Valentina Bazzani
– “Come vento ribelle” di Francesca Prandina
– “Anima dannata” di Massimiliano Bellezza
– “Sfida d’amore a San Valentino” di Antonella Maggio
– “Una sorpresa per te (in ogni mio respiro)” di Rujada Atzori

Buona lettura!
Naty&Julie ❤

Le Novità di Febbraio Butterfly Edizioni!

Buongiorno, un momento magico: vi segnaliamo le novità di Febbraio della Casa Editrice “Butterfly Edizioni”!

cropped-butterflyheader

divisoriountitled vb
TITOLO: Sfida d’amore a San Valentino
AUTORE: Antonella Maggio
EDITORE: Butterfly Edizioni
DATA PUBBLICAZIONE: 9 Febbraio 2016
PAGINE: 158
FORMATO: Ebook/Cartaceo
PREZZO: € 2,99/€ 9,90  (sarà in offerta i primi giorni di uscita in ebook a € 0,99)

 

 

SINOSSI

Quando la ragione ci urla di lasciar perdere, è il momento di dar ascolto solo al proprio cuore.

Nicole Leblanc è un’insegnante sottopagata di economia e la sua filosofia di vita è la razionalità. Dopo l’ennesima delusione amorosa e dopo aver mollato il suo fidanzato nerd, conviene con i suoi migliori amici che vivere senza sentimenti e aspettative sia la cosa più giusta e semplice da fare. Ethan Walsh, trasferitosi da poco a Montrèal per dimenticare il suo passato, lavora nel campo dell’informatica, è romantico come pochi e con un sorriso vero di chi ha rischiato di non avere più nessun motivo per essere felice. Lui le lancia una sfida: un gioco di seduzione a colpi di romanticismo per convincerla che non tutti gli uomini sono uguali. Nicole però non è disposta a cedere facilmente ai sentimenti, non si fida di nessuno ed è convinta che l’attrazione per Ethan si limiti solo al sesso. Ma l’amore è destinato a fare sempre scacco matto ai cuori…

Il suo sorriso sarebbe stato la sua rovina…

I sentimenti complicano le cose e rendono tutto più difficile, ma l’amore è una tentazione troppo forte…

 

untitled mk

 

TITOLO: L’amore nei tuoi occhi
AUTORE: Rujada Atzori
EDITORE: Butterfly Edizioni
DATA PUBBLICAZIONE: 16 Febbraio 2016
FORMATO: Ebook/Cartaceo
PREZZO: € 1,99/€ 9,90 (sarà in offerta in eBook i primi giorni d’uscita a €0,99)

 

 

SINOSSI

Claudio perde la vista a causa di un’incidente in macchina. Cristina arriva nella sua vita all’improvviso e manda all’aria le sue poche certezze. Scettica sulla sua cecità, decide di assecondare le richieste della sorella e lo va a trovare ogni giorno per non lasciarlo solo. Il loro rapporto è di odio profondo. Litigano, si prendono in giro, non si sopportano, fino a quando qualcosa muta drasticamente. Cristina si ritrova ad abbandonare il suo mondo fatto di materialismo. Imparerà a chiudere gli occhi e a vedere con il cuore, lascerà alle mani, al gusto, agli odori la capacità di sorprenderla e di farla rinascere. In un percorso di crescita personale ed emotiva si ritroverà a guardare la vita attraverso gli occhi dell’amore. Rujada Atzori ci mostra come i sentimenti possono mutare la vita, come sia facile osservare il mondo attraverso gli occhi ma quanto sia difficile farlo con il cuore. Un romanzo dalla prosa fluida e delicata per ricordarci che non esistono barriere di alcun genere quando due anime affini si incontrano.

divisorio
Alla prossima con le novità “Butterfly Edizioni”!

Naty&Julie ❤

Recensione di: “Un weekend per quattro” di Antonella Maggio&Rujada Atzori

Ciao Notters!
Oggi voglio parlarvi di un romanzo appena approdato negli store online: “Un weekend per quattro” scritto a quattro mani, da due care amiche di Notting Hill Books: Antonella Maggio e Rujada Atzori.
Cosa succede se due coppie di due libri si incontrano? Ma soprattutto, cosa capita se entrambe le coppie vincono un viaggio?  Venite con me! 😉

divisorio
wp-1452700464412.jpeg

TITOLO: Un weekend per quattro
AUTORE: Antonella Maggio – Rujada Atzori
EDITORE: Self-Publishing
DATA PUBBLICAZIONE: 15 Gennaio 2016
GENERE: Romanzo rosa/Ironico
FORMATO: Ebook/Cartaceo
PREZZO: € 0,99/ € 5,95
PAGINE: 238

 

SINOSSI

Un biglietto della lotteria per una coppia d’innamorati, il primo premio un weekend romantico… Ma cosa succede se per un errore del sistema i vincitori non sono due bensì quattro? Due coppie costrette a dividere l’unico premio mai vinto in tutta la loro vita. Alex ed Elisa, Vito e Camilla, non hanno nessuna intenzione di partire insieme e pretendono di trovare una soluzione. Costretti a scendere a compromessi pur di godersi il loro premio, le due coppie architettano macchinazioni per sabotare i loro rivali. Chi saranno i due vincitori?  E se per una volta nella vita non esistessero né vincitori né vinti? Riusciranno le due coppie a trovare un accordo? Tra schermagli divertenti e piani machiavellici nasce un romanzo frizzante che vede per la prima volta due coppie protagoniste di libri differenti fondersi in un’unica storia… tutto questo solo per colpa di un biglietto della lotteria.

RECENSIONE
 *** ATTENZIONE POSSIBILI SPOILER***

12471647_10208759118325340_4119284484123963222_o

Cosa succede se due autrici decidono di scrivere un romanzo a quattro mani? E cosa succede se a farne da protagonisti sono due coppie di romanzi diversi? Un weekend per quattro! Le autrici però ci avvisano che questo romanzo potrebbe causarci: ridarella, risata  esagerata, rumorosa e molesta ma molto terapeutica per tutti quei lettori che desiderano sfuggire per qualche ora dalla realtà e vivere una storia spensierata.

Elisa e Alex, neosposi (protagonisti di “Un cameriere solo mio: Nella mia vita (im)perfetta) e Camilla e Vito (di “Un’estate a Rimini per innamorarsi) si trovano casualmente alla stessa festa in un paese sperduto “La sagra del cetriolo e della fragola”.
Già qui capiamo che ci potrebbe essere una fregatura! 😉 Le due coppie acquistano un biglietto della lotteria del paese, ma ovviamente la sfortuna vuole che entrambe le coppie vincano questo favoloso weekend e qui iniziano i problemi. Un susseguirsi di scherzi, boicottaggio e di finte tregue vi faranno sbellicare dalle risate.
I caratteri esuberanti delle protagoniste, Elisa e Camilla, se ne combineranno di ogni (alcuni esempi: guttalax, bombe e strane polverine etc…) durante questo weekend nella città di Amsterdam.


Riuscirete a stare dalla parte di una di loro?
Ma soprattutto le due coppie riusciranno trovare un accordo?

Chiudo gli occhi cercando di mantenere la calma, anche perché il bar è pieno e ci stanno osservando tutti e appunto per questo devo fingere al meglio. Passando per la vittima sono sicura che tutti saranno dalla mia parte e anche quella vecchia racchia di Dondalina, o come diavolo si chiama, capirà che siamo noi la coppia vincente. 

«Siete stati voi, non è vero?» continua a scuotermi. Alex cerca di fermarla e, a quanto pare, anche il suo cagnolino, «Camilla, smettila! Non mi sembra il caso!»
Lei si blocca a quelle parole e si guarda intorno notando che tutti gli occhi dei presenti sono su di noi e soprattutto su di lei.
Appoggio un gomito sul bancone del bar e con una mano mi copro gli occhi.
Devo inventarmi qualcosa.
Alex si avvicina a me e mi accarezza i capelli in modo amorevole. «Ely… Ehi. Che hai? Non stai bene?».
Non rispondo. Sto ancora pensando cosa dire senza passare per una vipera velenosa, perché in questo momento l’unico pensiero che mi salta in mente è di avvicinarmi e tirarle tutti quei capelli biondi che si ritrova.
Finalmente un’idea geniale mi balza per la mente, anche se sto peccando. Dirò venti Ave Maria e venti Padre nostro e amen.
Dio capirà. Spero.

“Un weekend per quattro” è un romanzo frizzante, ironico e scorrevole.
Antonella Maggio e Rujada Atzori hanno creato un connubio perfetto! Assolutamente da avere nei nostri lettori digitali.  Clicca qui per averlo con te!

Naty ❤

picsart_01-08-12.48.14.jpg