Recensione di “L’Ombra della Cometa” di Giulia Anna Gallo

Ciao Notters!
In questa giornata di recensioni la nostra Serenella vi racconta le emozioni di un libro fantasy, “L’ombra della cometa” di Giulia Anna Gallo, edito da Dunwich Editori.

Venite a vedere cosa ne pensa! 😉

image
b19a5fe7-78c0-4b11-8518-fe2515dd3ce5

TITOLO: L’Ombra della Cometa
AUTRICE: Giulia Anna Gallo
EDITORE: Dunwich Edizioni
GENERE: Urban Fantasy
PAGINE: 175
PREZZO: € 2,99 (Gratis per Kindle Unlimited)

 

 

SINOSSI
Una terribile disgrazia ha colpito il branco mutaforma del quale fanno parte i fratelli Villa, costringendo i giovani lupi a dare la caccia al responsabile delle sciagure che continuano ad abbattersi sulla loro famiglia. Loris èsempre stato un ragazzo esuberante e dalla battuta pronta, ma la grave perdita subita fa vacillare le sue certezze. Mentre i problemi e le preoccupazioni lo tormentano, il destino decide di fargli incontrare la sua arest: compagna per la vita alla quale potrebbe decidere di legarsi indissolubilmente. Tra pericoli e insidie, proprio l’anima gemella di Loris potrebbe essere la chiave per svelare l’identità di un nemico che resta celato nell’ombra. Ma sarà più importante la vendetta o seguire il cuore?

RECENSIONE

Una sorpresa.
Questo libro, questa dolce chicca italiana del fantasy, è stato una piacevolissima sorpresa. Già dalle prime righe sono stata conquistata dai protagonisti e dall’ambientazione e, incuriosita e affascinata, l’ho letto poche sere.
Il primo punto a suo favore è stata appunto la scelta di ambientarlo in Piemonte, dove vivo anch’io.

“Il  territorio  del  branco  Cometa  si  trova  nella  parte  nord-occidentale  del  Piemonte,  appena  sotto  il  Parco  Nazionale  del  Gran Paradiso,  in  cui  spesso  sconfiniamo  per  una  battuta  di  caccia  o una  cerimonia  rituale  sotto  la  luna  piena.  Non  che  certe  sciocche  superstizioni  mortali  sull’influenza  delle  fasi  lunari  siano vere.  Le  leggende,  se  hanno  un  fondo  di  verità,  non  si  riferiscono  alla  mia  specie,  capace  di  cambiare  pelle  a  proprio  piacimento.  Solo  i  poppanti  si  trasformano  in  maniera  incontrollata, ma  per  colpa  degli  ormoni  in  subbuglio,  non  certo  di  un  inutile satellite.  Per  quanto  ne  sappia,  non  esiste  niente  di  simile  a  un lupo mannaro.  Anche  se  non si può  mai  dire  mai”.

Il secondo, invece, è legato ai protagonisti. Lupi, volpi, linci, orsi che, a loro piacimento, si trasformano in persone. Sì, perché, nel loro animo più profondo, sono più animali che persone.

Da una parte abbiamo tre fratelli appartenenti al branco dei lupi Cometa.
Diego, maschio alfa dal fisico imponente e dall’aria cupa, serio, riservato, indomabile e selvaggio. Inflessibile ma giusto. Con profonde cicatrici e oscuri segreti.
Loris, beta nato, dall’aria giocosa e rilassata, solare, disponibile ed eterno intermediario nelle scaramucce tra i due fratelli.
Gaia, la più giovane,  testarda e decisa, sempre pronta a lottare per ottenere quello che vuole, incapace di tacere le proprie idee, soprattutto quando ha un’opinione fuori dal coro.
Tre giovani lupi così diversi tra loro ma così affiatati, uniti nello spirito oltre che dal legame di sangue.
In quella che sembra una notte come le altre, Gaia scappa via nel bosco per rimarcare la propria indipendenza e i suoi fratelli la inseguono per farla ragionare. Solo che quella non è una notte come le altre, quella è la notte in cui la loro vita viene sconvolta. Il branco, che si era riunito in assemblea, viene sterminato in un incendio e i tre fratelli si ritrovano soli, minacciati da un misterioso nemico, osteggiati da alcuni gruppi rivali che vorrebbero rivendicare i loro territori per sé, e sulle macerie della loro vecchia casa decidono di dar vita a un nuovo branco, al loro branco.
È in questo delicato momento che fa la sua comparsa
Fiamma, una volpacchiotta sarcastica, con la battuimagesta sempre pronta, intelligente, riflessiva, testarda,
con una mani
a compulsiva di riordino ma dotata di un grande cuore.
Promessa a un arrogante maschio della sua razza, Fiamma trova in Loris una via di fuga, uno spiraglio di libertà.

“Sono qui per questo”.
“Per salvarmi?”
“Per salvarti, Cappuccetto Rosso”.
“Come mi hai chiamata?”
Le sorrido. “Cappuccetto Rosso” ripeto.
“E tu saresti il Lupo Cattivo?”.
“Direi piuttosto la Bella e la Bestia”.
“Quale delle due?”.
“Entrambe. L’hai mai vista una Bestia più bella di me?”. 

Un mix di dialoghi botta e risposta e descrizioni dettagliate rende la narrazione fluida e scorrevole.
Ogni singolo personaggio, anche quelli che fanno da cornice, che si incontrano per pochi istanti, prende immediatamente forma e ti sembra di conoscerlo da sempre e diventa un amico…o un nemico.
Wendingo, Chimere, il Mercante di segreti, la Veggente..
Ogni personaggio viene descritto in modo così impeccabile e dettagliato che…lo si potrebbe disegnare come se lo si avesse davanti!

Loris e Fiamma si guardano da lontano e sentono che qualcosa li lega, una sintonia immediata che non sanno spiegarsi.
E il romanticismo invade ogni cosa, poche righe ma, con in testa la canzone dei Modà (scusa ma forse non ti rendi conto che per me non esiste il mondo perché per prima esisti tu), mi sono immaginata la scena in ogni minimo dettaglio.
Due anime che si incontrano…e si riconoscono. Due anime gemelle divise che si ritrovano improvvisamente unite. Così diverse da essere complementari.

“Provo il forte impulso di toccarlo, di stabilire un contatto. Una necessità irrazionale ma intensa.  Anche lui deve essere mosso dallo stesso bisogno, perché posa timidamente la mano sulla mia. E cambia ogni cosa per sempre. Una sorta di corrente elettrica mi attraversa  il braccio e mi fa tremare testa e cuore, scuotendomi contemporaneamente  l’anima.  Un calore penetrante mi vibra sulla pelle nel punto in cui la sua vi si sovrappone.  Sobbalziamo entrambi e sento lo stupore dell’uno  confondersi con quello dell’altra.  Tutto a un tratto sono consapevole di lui a un livello più  profondo, connessa a un altro  essere vivente in modo mai sperimentato  prima.  Proprio qui, proprio ora”.

E da quel momento nulla è più lo stesso. I fratelli, assieme a Fiamma, si mettono in viaggio sulle tracce dell’assassino che ha sterminato il loro branco e la convivenza, agli inizi un poco difficile per le loro differenze, li porterà a valutare proprio quella loro differenza come una forza.
I due ragazzi imparano a conoscersi e ad approfondire quel loro legame voluto dal destino ma sentito, desiderato. Loris diventa più prudente e riflessivo, più maturo e meno scanzonato, mentre Fiamma impara a seguire di più il cuore e l’istinto, a essere più morbida e rilassata nei confronti della vita. Così diversi ma così complementari.

“Rinunciare a lei, in questo momento, non sembra un semplice sacrificio, ma un vero e proprio atto di autolesionismo”.

Le emozioni sono così vive, reali che le senti sulla pelle. E confesso che a un certo punto mi sono pure commossa per la dolcezza e l’intensità del momento, sempre con le parole della canzone dei Modà in mente (e questo particolare per me significa che sono entrata in perfetta sintonia con la storia).

Un racconto che scivola fluidamente tra creature mitologiche, leggende, miti e credenze millenarie. Personaggi che restano nel cuore, che incuriosiscono e da cui non vorresti separarti tanto presto.
Infatti, l’unica pecca che ho trovato è proprio questa: è finito troppo presto!!!!
Spero di ritrovare presto Loris, Fiamma, Diego, Gaia, la Veggente e chissà quanti altri personaggi incontreremo nei prossimi capitoli.

Lo consiglio? Senza ombra di dubbio!!! 🙂

Serenella.

wpid-picsart_1446468514859.jpg

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...