Recensione di: “Banali Momenti Speciali” di Silvia Maira

Buongiorno Notters!
Eccomi qui a raccontarvi un libro che mi è piaciuto tantissimo, che mi ha rapito il cuore…
Parlo di “Banali momenti speciali” di Silvia Maira.
Un libro semplice, genuino e vero che vale la pena leggere, ve lo assicuro!
Entrerà nel vostro cuore in punta di piedi, e poi farà rumore, molto rumore!
Seguitemi su, che aspettate? 😉

divisorio

banali

TITOLO: Banali momenti speciali
AUTRICE: Silvia Maira
GENERE: Narrativa
EDITORE: Genesis Publishing
DATA PUBBLICAZIONE: 03 agosto 2016
PAGINE: 312
FORMATO: ebook/cartaceo
PREZZO: 3,99€/11,60€

SINOSSI

I funerali di nonna Isadora riporteranno Isabella, quarantenne di origini siciliane, dopo vent’anni, nella terra natia. Il suo matrimonio con Sergio è in crisi. La nonna e i due figli sono gli unici affetti autentici della sua esistenza.
Sarà l’occasione per fare un viaggio a ritroso nel tempo, scavando nei propri ricordi di bambina e di adolescente, ritrovando le persone care che era stata costretta ad abbandonare. In questo percorso travagliato Isa dovrà affrontare una parte del suo passato che aveva cercato di dimenticare, per riappacificarsi prima di tutto con se stessa e risolvere gli enigmi della sua vita.
Un cammino intenso, nostalgico, dolcissimo e doloroso insieme, che porterà la protagonista ad interrogarsi sulla propria realtà, a dare risposte a quesiti che l’hanno tormentata per anni, a farle riscoprire quei banali momenti speciali che ha sempre desiderato.

RECENSIONE

Ci sono persone, nella vita di ognuno di noi, che sono come fari nella notte, che ci guidano, ci aiutano a rialzarci quando cadiamo, ci ascoltano senza mai giudicarci e ci insegnano che le piccole attenzioni sono il gesto più grande che possiamo fare per le persone che amiamo. Sono le nostre rocce, le nostre ancore, il nostro bastone. Sono quello che non vorremmo mai dimenticare del passato, quello che vorremmo vivere sempre nel presente, e la speranza nel futuro. Queste persone, sono tutto e di più. E per Isabella, nonna Isadora, era tutto questo. Isabella è una bellissima donna che vive i suoi anni destreggiandosi tra marito e figli, trascurando forse un po se stessa. Perché è questo quello che, inevitabilmente, succede quando dai senza mai chiedere nulla in cambio. Succede che tutto va bene, tutto è perfetto, tutto è come l’avevi sempre sognato, e poi un giorno non è più così. Poi un giorno inizi a vedere le cose con un altro occhio, con un occhio critico. Improvvisamente quello che fino a quel momento andava bene, ora non va più poi così tanto bene. Quello che sembrava perfetto, in realtà ha difetti difficili da sanare. Il sogno che ti sembrava di vivere, si trasforma pian piano in una prigione.

Isa  uscì in  giardino con  quelle ultime parole che le risuonavano in mente.
C’era ancora amore tra lei e Sergio? Era una domanda che si era posta spesso negli ultimi mesi. Non aveva trovato una risposta, ma una cosa la sapeva e ne era sicura. Non voleva più andare avanti in quel modo.

image-3Isa non è felice. Non lo è per come vanno le cose con suo marito, tutto preso dal suo lavoro che sembra sempre fare orecchie da mercante in famiglia.
Non si sente desiderata, considerata, voluta. E in più, la morte di sua nonna sembra essere proprio “la ciliegina sulla torta” in quel periodo. Una morte improvvisa, inaspettata, che ha spezzato il cuore della nostra Isa in milioni di pezzi. Una morte che la costringe a tornare in Sicilia, la sua terra, per affrontare i funerali del pilastro della sua vita, di chi non l’aveva abbandonata mai.
Ma la morte di sua nonna non rappresenta solo questo, perché la costringe ad affrontare il suo presente e anche il suo passato, rimasto in sospeso da troppo tempo.
Venti. Sono venti gli anni che hanno tenuto Isabella lontana dalla sua terra, dalla sua Sicilia. Sono venti gli anni che l’hanno separata dalla casa di nonna Isadora che, in ogni angolo, parla di un’Isabella felice e spensierata.
Sono venti gli anni che sono passati da quando trascorreva tutte le sue vacanze da nonna Isadora, facendo su e giù dalla spiaggia con sua cugina e i loro amici.
Sono venti gli anni passati senza più assaggiare la fantastica granita al limone che le preparava per merenda sua nonna, con accanto anche una fetta di torta appena sfornata.
E nel momento in cui Isa mette piede in quella casa, tutto improvvisamente riaffiora nella sua memoria, tutto è così vivido e nitido da sembrare che siano passati venti giorni, non venti anni. Una sensazione che sarà ancora più forte quando i suoi occhi incroceranno quelli di Damiano.

« Damiano! »  esclamò,  con il cuore che le batteva all’impazzata. Notò che o suoi capelli biondi e ricci adesso, appena un po’ brizzolati, li teneva raccolti, che o suoi occhi avevano sempre quel meraviglioso colore verde chiaro e che il suo volto era coperto da una leggere barba. Il viso era abbronzato e il dischi alto era in perfetta forma.  Damiano aveva un anno più di lei ed era ancora affascinante.
« Mi dispiace molto per tua nonna, sai quanto le ero affezionato anche io. »  Damiano la osservava, trovandola sempre bellissima come un tempo. C’era imbarazzo tra loro. Entrambi avrebbero voluto dirsi molte cose, ma era come se le parole di fossero congelate ad entrambi in gola.

Damiano, il suo amore da adolescente. imageQuell’amore che non è riuscita a viversi come avrebbe voluto perché glielo hanno strappato di mano. Quell’amore che le faceva battere il cuore, trepidare, vibrare, tremare, sognare. Un amore forse anche troppo grande da affrontare per due ragazzini come loro. Costretti a separarsi troppo presto da chi non voleva capire il loro amore e con un addio che ha mandato in frantumi una promessa, Isa e Damiano hanno trascorso vent’anni separati, facendosi entrambi una nuova vita. Una nuova vita che vede Isabella sposata con Sergio. Eppure il matrimonio di Isa non va più. Eppure Damiano l’attrae ancora come una calamita. Eppure Damiano è ancora bellissimo. Eppure Damiano la vuole ancora. Eppure, eppure, eppure…

Damiano pensò a quante volte insieme avevano osservato, ammirandoli, quei tramonti, seduti sulla spiaggia, abbracciati a scambiarsi baci dolci e intensi. Quei si ordì suscitarono in lui emozioni forti, quelle emozioni che una volta aveva vissuto insieme ad Isabella. La guardò di nuovo, lei non se ne accorse, era voltata ad osservare il mare. Non si sarebbe fatto scappare quella serata per poterle parlare, per capire, per guardarla di nuovo negli occhi dopo vent’anni. Un’occasione come quella non gli sarebbe capitata di nuovo, aveva aspettato tutto quel tempo e, diamine, non se la sarebbe fatta sfuggire per imbarazzo, timidezza o stupido orgoglio.

Cosa succederà tra questo triangolo?
Sergio capirà che sta perdendo Isa?
Il loro matrimonio resisterà o si distruggerà?image

“Banali momenti speciali” è un libro intenso, vivo, vero. È un libro che sparla e sprigiona amore. L’amore eterno tra nonna e nipote. L’amore infinita per i figli. L’amore che brucia al primo innamoramento. L’amore maturo e paziente di un matrimonio. E lo fa con eleganza, con cura, tanto che a volte avrei voluto essere piccola coma un moscerino, entrare nelle pagine del libro e abbracciare Isa per darle conforto o scuoterla e dirle “ehi, ci sei?!”. Questo libro è talmente reale da riportarmi indietro nel tempo a quando anche io ho perso la parte più importante di me, mio nonno.
Quindi grazie Silvia. Grazie per avermi fatto piangere con Isa. Grazie per avermi fatto ridere con lei. Grazie per avermi emozionata. Ma, soprattutto, grazie per avere fatto vivere anche a me “banali momenti speciali”.

Edna

Il mio giudizio:

IMG-20160606-WA0039

Annunci

Presentazioni di: “Lo scrigno di Sam” di Rossella Gallotti

Heila Notters! Il freddo, la pioggia, buio presto, il camino acceso e poi…? Manca qualcosa a tenerci in buona compagnia. Un buon libro! Noi Notters vi segnaliamo sempre moltissimi libri, soprattutto #madeinitaly e ovviamente anche oggi :p non mancano le scelte tra tanti bei titoli. Tra questi vi segnaliamo “Lo scrigno di Sam” di Rossella Gallotti.

divisorio

lo-scrigno-di-sam-copertina
TITOLO: Lo scrigno di Sam
AUTRICE: Rossella Gallotti
EDITORE: Self-Publishing (StreetLab)
DATA PUBBLICAZIONE:14 Ottobre 2016
GENERE: Romance
FORMATO: Ebook
PAGINE:373 (per amazon)
PREZZO: € 2,99
SINOSSI
Un nuovo inizio: è questo ciò che ci sarà ad Atlanta per Alessia, ragazza Newyorkese di origini italiane. Con l’aiuto dell’agente
federale Samuel Walker e della sua squadra, può finalmente lasciarsi alle spalle il passato doloroso e pericoloso a cui è sopravvissuta.
Impossibile però, sarà dimenticare gli occhi color ghiaccio di Sam, che le hanno conquistato il cuore, spezzandoglielo ora che deve dirgli addio. Una nuova identità ed una nuova avventura lavorativa, come costumista sul set della nuova serie televisiva Hackers, faranno da contorno alla travolgente storia d’amore con Derek Monroe, il bellissimo e talentuoso attore protagonista. Un amore che porta con sé dei segreti ed Alessia non è la sola ad averne.
La vita di Alessia sembra finalmente serena ma i problemi, come sempre son dietro l’angolo.
La popolarità di Derek in forte ascesa ne è l’esempio: foto rubate di una vacanza, diventano di dominio pubblico ed Alessia è esposta di nuovo al pericolo. Il terribile passato che credeva di poter dimenticare di nuovo la cerca e risponde al nome di Tyler Dawson.
Sam sta per tornare: le ha promesso che la proteggerà sempre e non intende venir meno a quella promessa. Il cuore di Alessia ora è diviso fra i due uomini più importanti della sua vita; come potrà gestire questi sentimenti? Riuscirà Derek ad accantonare la bruciante gelosia in favore della sicurezza di Alessia? Riuscirà Sam a confermare ancora una volta la sua reputazione di agente cinico e freddo come il ghiaccio o si lascerà distrarre da Alessia e dai profondi sentimenti che prova da sempre per lei?
Romanticismo, passione ed amore si mescolano a momenti di azione e colpi di scena inaspettati, il tutto raccontato dal punto di vista dei protagonisti stessi che mettono a nudo i loro sentimenti, il loro
dolore le loro paure ed i loro segreti sperando di poter sopravvivere ad un passato che non riguarderà più soltanto Alessia.
ESTRATTI
sam-e-alessia-breve-estratto-1(Alessia)
«Buongiorno Angelo mio» mormora Sam, posando un leggero bacio sulla mia fronte, mentre torno alla realtà e realizzo di essere sdraiata sul suo corpo nudo. Allora non l’ho sognato. E’ successo veramente. Sam è qui! La gioia dura un solo istante purtroppo.
Tremo fra le sue braccia all’idea che tra poco se ne dovrà andare e non lo rivedrò mai più. Mi stringe un po’ a se e mi scappa un singhiozzo. Lo sento sospirare.
«Sai Angelo» mormora con le labbra appoggiate alla mia nuca «penso spesso ai miei genitori, a come si sono amati per tutta la loro vita… beh» sospira «per la vita che gli è stata concessa e… ho sempre pensato che un giorno anch’io avrei trovato la persona giusta con cui costruire una famiglia tutta mia. Poi ho scelto di seguire le loro orme ed entrare nell’FBI. Essere uno dei migliori agenti, è un grande motivo di orgoglio per me e so che i miei genitori lo sarebbero altrettanto se potessero vedermi; ma questo ed il fatto di essere anche il nipote dell’attuale direttore, mi hanno dato una fama che, non è esattamente un dono. Sono un bersaglio Ale, ce l’ho disegnato sulla schiena. Ed è un richiamo per tutti quelli che ho sbattuto dentro, per tutte le operazioni e le organizzazioni illegali che ho fermato o smantellato, per tutti quelli a cui do la caccia o la darò. Saperlo non mi spaventa anzi mi tiene in vita perché so come muovermi, come vivere, come proteggermi. Ed è assurdo ma, una delle cose che più mi tengono al sicuro è proprio il fatto di non avere una famiglia. I miei genitori sono morti, non ho fratelli ne sorelle, non ho moglie ne figli, possono solo colpire me e ti assicuro che non è così facile ammazzarmi…»
Lo ascolto attentamente, non è da tutti i giorni sentire una confessione di Sam.
«La sto facendo lunga ripetendoti cose che già sai ma, quello che voglio dire…» mi dice spostandosi un po’ in modo da potermi guardare negli occhi «è che tu sei la persona giusta per me, quella che non esiterei a sposare anche in questo momento ma… poi il bersaglio sulla mia schiena passerebbe sulla tua e se avessimo dei figli sarebbe anche sulla loro ed io non posso neanche immaginare una cosa del genere. Preferisco rinunciare a te piuttosto che saperti in pericolo. Preferisco rinunciare ad avere figli piuttosto che rischiare che me li ammazzino solo perché ho servito il mio paese e fatto rispettare la legge.»
Mi avvicina a sé e mi posa un bacio leggero sulla fronte.
«Se ci fosse un modo di stare con te e di saperti al sicuro avrei già lasciato l’FBI ma, non c’è questo modo e non voglio essere egoista e stare con te facendoti rischiare la tua vita per me. Preferisco saperti, lontano ma al sicuro. So che la mia sofferenza è la tua Ale, anche tu stai rinunciando a vivere i miei stessi sentimenti e so perfettamente che se ti lasciassi la libertà di prenderla tu questa decisione, staresti al mio fianco senza il minimo dubbio. Ecco perché purtroppo devo decidere per entrambi. Questa è la cosa giusta da fare per tenerti in vita ed al sicuro. Morirei per te, lo sai, ma che io possa marcire all’inferno se dovessi metterti in pericolo a causa di ciò che provo per te»

samalessia-breve-estratto-2

(Sam)

…Le sue urla mi ridestano dal sonno. Nonostante il buio, so che è seduta in mezzo al letto con le mani sul volto e piange convulsamente.
Sono mesi che quando accendo la luce, vedo la stessa scena. Sono bravo ormai a riconoscere ogni minimo cambiamento in Alessia. E il primo è che, quando accendo la luce, mi si getta fra le braccia invece di aspettare passivamente che l’abbracci io come sempre. Un po’ sorpreso, lascio comunque correre, iniziando a cullarla dolcemente. Ha il mento sulla mia spalla e mi stringe forte. Sento le sue lacrime calde che me la bagnano e la stringo un po’ di più a me, continuando a cullarla ed aspettando che i singhiozzi recedano. Normalmente quando si calma il suo corpo diventa più pesante, segno che sta per riaddormentarsi, ma questa volta mi rendo conto che sta succedendo il contrario, come se invece si stesse svegliando. Le sue mani a un tratto iniziano ad accarezzarmi la schiena nuda e poco dopo le sue labbra entrano in contatto con la mia pelle. Mi blocco, impietrito e il mio cuore inizia a galoppare. Cerco di non dar peso alle sue calde labbra che mi stanno baciando la spalla, con più insistenza ora, cerco di non rabbrividire alle carezze delle sue unghie che delicate si muovono lungo la mia schiena, provando a respirare profondamente per calmare il mio cuore, per riuscire a trattenere l’eccitazione che già sento crescere. Si sposta lentamente verso il collo, assaggiando la mia pelle anche con la punta della lingua. Cazzo!
Il mio respiro si fa corto e veloce come il suo.
«Alessia,» sussurro dolcemente, cercando con tutta la delicatezza possibile di allontanarmi da lei. «Cosa c’è?» le chiedo teneramente.
«Ti voglio Sam!» risponde con una determinazione negli occhi che non le avevo più visto da non so nemmeno dire quanto.
«E’ tardi, dovresti dormire ora, per non affaticarti,» sussurro piano come si parla ad una bambina spaventata. Ma lo vedo nei suoi occhi, è tutto tranne che una bambina spaventata. Ho di fronte a me una donna, bellissima, sensuale, piena di passione, determinata a ottenere ciò che vuole. Ed io devo resistere? Non posso farlo.
«Ti voglio Sam! Sai cosa provo per te e l’unica cosa di cui sono stanca sono questi incubi che non mi fanno dormire e mi terrorizzano; voglio che tu mi stringa fra le tue braccia, voglio che tu mi protegga e che mi ami,» esclama con un tale fervore da annebbiarmi la mente.
«Tesoro, lo sai cosa provo per te e ti proteggerò sempre.»
«Ti prego Sam, non respingermi,» sussurra con le lacrime agli occhi.
La fisso, inerme. Con quelle parole fa cadere tutte le mie difese.
Respingerla? Nel modo in cui la desidero? E’ impossibile, riuscirci; è impossibile anche solo pensare di poterci provare.
«Non potrei mai respingerti. Non hai idea di quanto sia difficile starti accanto in questo modo,» le spiego con la voce spezzata.
«Lo so invece,» mi risponde, sciogliendo l’abbraccio e sedendosi a cavalcioni sulle mie gambe.
In silenzio, lentamente, senza lasciare il mio sguardo mi prende le mani nelle sue, le fa scorrere lungo le sue cosce morbide e le guida sui suoi fianchi, lasciando che le mie dita si portino dietro la stoffa della sua camicia da notte. Sono perduto. E’ nuda ora, seduta sulla mia erezione. E mi chiede di non respingerla.
Non ho scampo. Sente la mia eccitazione crescere e sospira; lentamente ci si strofina contro, chiudendo gli occhi e lasciando che le mie mani accarezzino quel perfetto e morbido corpo che si ritrova.
Quando riapre gli occhi, si avvicina alla ricerca delle mie labbra. Il suo bacio è il mio colpo di grazia. Sono così eccitato che potrei venire all’istante, la desidero così tanto che davvero credo di impazzire all’idea di non riuscire ad averla. Nel momento esatto in cui le nostre labbra si uniscono, capisco che sono fottuto; non posso tornare indietro e neanche lo voglio. Finalmente, dopo tanto tempo, Alessia questa notte è davvero mia.

jenderek-breve-estratto
(Jennifer)

«Ora come ti senti?» gli chiedo mentre con le dita spazzo delicatamente una lacrima, sfuggita al suo controllo.
«Bene. Non al meglio ma… bene. Sono tranquillo, nonostante tutto quello che stiamo passando»
Mi avvicino a lui e cerco le sue labbra. Sono calde e morbide e ricambiano il mio bacio con indecisione.
«Mi vuoi ancora?» sussurro allontanandomi appena per poterlo guardare negli occhi.
«Non ho mai smesso di volerti. Ti amo e passerei ogni minuto della mia vita fra le tue braccia tesoro mio. Potrebbe scomparire ogni cosa tranne te ed io sarei l’uomo più felice del mondo lo stesso. Sei tutto ciò di cui ho bisogno, sei tutto ciò che voglio. Non potrei mai smettere di volerti, non nel modo in cui ti amo».
«Fallo allora» sussurro mentre gli scosto delicatamente una ciocca dei suoi meravigliosi capelli dal viso «prendimi e fa l’amore con me per tutta la notte»
«Sei sicura? Con quello che ti è appena successo…»
Gli poso un dito sulle labbra per zittirlo. «Voglio passare la notte a far l’amore con te. Domani… » chissà cosa diavolo succederà «…domani, non so cosa potrà accadere ma non voglio sprecare questa notte con te. Ne ho già sprecate abbastanza. Amami Derek, nel modo che vuoi, dolce, brutale, non m’importa. Adoro tutto ciò che mi fai, quindi fallo e basta. Senza pensieri; solo emozioni»
Ci sorridiamo mentre calde lacrime bagnano le nostre guance ma sono lacrime positive; lacrime di gioia per l’emozione di esserci ritrovati. Mi avvicina dolcemente a sé e mi bacia. Un bacio lento, dolce, intenso e carico d’amore. Mentre le sue mani slacciano lentamente l’asciugamano che avvolge il mio corpo ed io mi lascio andare, sdraiandomi sul materasso e portandolo con me, i nostri cuori carichi di emozione trovano un ritmo comune e tornano a battere insieme.

jen-derek-breve-estratto-2(Derek)

Ha detto che è innamorata di me!
Ha detto che è innamorata di me!
Oddio! Stento a crederci. Il mio cuore potrebbe benissimo esplodere da un momento all’altro. Non credo di essermi mai sentito così felice in vita mia. L’euforia, la gioia, mi scorrono nelle vene.
Ansima nella mia bocca mentre la schiaccio contro la porta di casa. Non vorrei farle male ma il mio corpo agisce da solo in questo momento. Nella mia testa ci sono solo le sue parole, “Mi sono innamorata di te”, ripetute all’infinito. Le mie mani corrono su e giù lungo il suo meraviglioso corpo. Le sue invece sono sulle mie spalle e spingono per far scivolare via la giacca. Impaziente stacco le mie da lei per aiutarla. La giacca non ha ancora toccato il pavimento che le sue dita stanno già sbottonando la camicia. Veloci ed efficienti. Tira la stoffa per finire l’opera e poi le sue unghie sono sul mio petto. Oh Maledizione! La mia erezione protesta per la ristrettezza in cui si trova. Cerco sollievo strusciandomi contro il suo stomaco mentre stramaledico i bottoni dei polsini della camicia, che sto furiosamente cercando di aprire.
Quando sono a petto nudo la attiro verso di me e la faccio girare. Allarga i palmi contro la porta e si irrigidisce.
Vacci piano, idiota!
Porto le mani ai suoi capelli e con delicatezza sfilo una a una tutte le forcine che li tengono legati. Quando capisce che cosa sto facendo si rilassa, in attesa. Il suo respiro però è corto e veloce e vederla eccitata e che si fida di me è…  se possibile me lo fa diventare ancora più duro.
Quando ho liberato tutte le ciocche le sposto di lato e con calma inizio a distribuire leggeri baci sul suo collo. Inarca la schiena e spinge il suo meraviglioso sedere contro la mia erezione.
Non mi faccio certo pregare! Mi muovo contro di lei mentre le mie mani risalgono su un fianco, trovano la cerniera del vestito e la fanno scorrere verso il basso. Quando il vestito è intorno alle sue caviglie le lascio un po’ di spazio per liberare i piedi.
Indossa ancora i tacchi e brasiliane di pizzo, nere.
I capelli le scendono da un lato della schiena, soffici e il loro nero intenso fa brillare la crema della sua pelle perfetta.
«Vorrei che potessi vedere con i miei occhi ciò che sto guardando io in questo momento. Sei semplicemente meravigliosa,» le dico con la voce carica di eccitazione.
Ricomincio a mordicchiare e leccare la pelle del suo collo mentre le mie mani si allargano sul suo stomaco. La tiro leggermente indietro mentre io mi spingo ancora contro il suo corpo. Passo una mano sotto il collo e le faccio voltare la testa verso di me. Voglio le sue labbra mentre le mie mani si chiudono a coppa sul suo seno. È perfetto per loro. Inarca di nuovo la schiena e spinge contro la mia erezione e contro i miei palmi. Dio! Potrei venire anche subito. Anzi, ci sono pericolosamente vicino. Mi stacco dal suo corpo e la faccio voltare. Le areole rosa circondano capezzoli turgidi e duri come il nocciolo di una ciliegia; il seno è tondo incredibilmente sodo. Una visione stupenda! Sto pensando di assaggiarlo quando lei mi punta le mani sul petto e mi sbatte letteralmente contro il muro di fianco. E in un istante la sua bocca è sulla mia gola.
Wow! Non me l’aspettavo una reazione del genere da lei. Fino ad ora ha lasciato a me l’iniziativa ma non mi dispiace affatto che la prenda lei, per un po’. Le sue mani scendono lungo il mio corpo e così fa la sua bocca. Solo più lentamente perché bacia, mordicchia, lecca, succhia. Quando la sua mano si appoggia sul mio uccello e inizia ad accarezzarmelo da sopra la stoffa dei pantaloni, tutto il mio corpo si contrae. Oddio che bello!
Sta giocando. Sta facendo di me tutto quello che vuole. Non potrei desiderare altro.
Siccome la sento armeggiare con i bottoni dei pantaloni, inizio a sfilare le scarpe e quando ho i pantaloni intorno alle caviglie ci litigo finché non mi libero di loro.
E poi la sua mano si intrufola nei boxer e mi afferra l’uccello. È una scossa di piacere che mi attraversa tutto il corpo. Come inizia ad accarezzarlo sento che sono pericolosamente vicino a venire. Sto per fermarla quando lei toglie la mano, ma solo per calarmi i boxer. Dio che liberazione! Aspetta che mi liberi i piedi e poi inizia… ad abbassarsi!
Oh no! No! No!
Cioè, Oh sì, sì, sì!
Ma per quanta voglia abbia di possedere la sua bocca, so che non resisterei un solo secondo nelle mie attuali condizioni.
«Aspetta!» ansimo fermandola. Si blocca e punta i suoi grandi occhioni blu nei miei. Cristo! Ha uno sguardo così sexy!
Il mio uccello ha uno spasmo e so di essere vicinissimo. Ma non voglio venire così. Devo darmi una calmata assolutamente!
«Tu vuoi vedermi morto,» ansimo. Mi guarda e il suo sguardo è … confuso. Oddio!
«Piccola, mi stai facendo impazzire. Se quella tua boccuccia peccaminosa prova solo a sfiorarmi…» chiudo gli occhi e provo a scacciare l’immagine di lei in ginocchio davanti a me. Piantala cretino! Devi darti una calmata!
«Non voglio questo…» non ora almeno. Mi sorride maliziosa, mordendosi il labbro inferiore. Ah! Quanto è bella!
«Inoltre prima il pianerottolo e ora la porta, dici che ce la facciamo ad arrivare al letto?» le chiedo sorridendo. Scoppia a ridere. E il mio quasi orgasmo si allontana. Grazie a Dio.
Voglio prenderla sul suo letto. Lo voglio per lei. Sono sicuro che per lei sarebbe più bello così.
A me non frega un cazzo del dove. In questo momento sono puro istinto animale, il mio cervello si è volatilizzato. Sbatterla contro la porta mentre è aggrappata con le gambe ai miei fianchi andrebbe benissimo.
Mentre cerco di scacciare quell’immagine dalla mia testa, lei mi salta letteralmente in braccio, aggancia le gambe intorno alla mia vita e mi indica con un cenno del capo la direzione da seguire.
Appunto.
Il suo sorriso è radioso. Non credo di averla mai vista così felice. Allegra sì, ma felice? Mai. Prendo un respiro profondo mentre il petto mi si riempie di orgoglio. Ho aspettato mesi per questo momento: vederla felice per merito mio.

divisorio
Naty&Julie ❤

Presentazione di: “Amami oltre le paure” di Barbara Graneris

Ciao Notters!

Il 7 Novembre è ritornata Barbara Graneris con il suo nuovo libro, dal titolo: Amami oltre le paure. Seguiteci per leggere la trama 🙂

divisorio

amami-oltre-le-paure-1

TITOLO: Amami oltre le paure
AUTORE: Barbara Graneris
EDITORE: Self-Publishing
DATA PUBBLICAZIONE: 7 Novembre 2016
GENERE: Romance
FORMATO: Ebook
PREZZO: € 1,99

 

SINOSSI

Per tutti Bea è una ragazza divertente e solare. Gestisce il suo negozio di abbigliamento e finalmente sta per laurearsi. Tutto sembra andare a meraviglia, specie perché nessuno sospetta che lei indossi una maschera per coprire le cicatrici del suo passato.
Tutti tranne Lollo.
Lui è l’unico che tre anni prima è stato in grado di avvicinarsi al suo cuore e di scalfire la sua armatura. Ed è per questo che Bea è scappata dalla sue braccia. Aveva troppi segreti, troppe paure, per riuscire a lasciarsi andare.
Ma ora che Lollo è di nuovo in città, le loro strade sono destinate a incrociarsi ancora una volta, e Bea sarà costretta a fare i conti con i suoi sentimenti e con il passato, tornato all’improvviso a bussare alla sua porta.
“Perché l’amore è pericoloso, e se non fai attenzione rischia di spezzarti.”

ESTRATTI

“Non lo sanno che l’amore è pericoloso? Non sanno che le persone feriscono e che i cuori si spezzano, e che dal momento che accade dopo non si è più gli stessi?”

“Avevo promesso a me stessa che non lo avrei fatto più avvicinare ma è tutto inutile, non ci riesco. Lui rimane ancora l’unico in grado di far vibrare le corde del mio cuore.”

“Tutti siamo destinati a vincere. Ma è il modo in cui combattiamo a fare di noi dei vincitori.”

“I nostri corpi, le nostre anime, i nostri cuori, sono fatti per stare assieme. Sono nati per essere l’uno parte dell’altro e solo in questo modo possiamo sentirci completi. Ho bisogno del suo cuore per far sì che i miei battiti siano regolari.”

amami-oltre-le-paure-frase

divisorio

Che aspettate? Correte su Amazon! Amami oltre le paure vi sta aspettando 😉

Naty&Julie ❤

Presentazione di: “Rue de Belleville. Il destino avrà i tuoi occhi”

Ciao Notters! 🙂
Oggi vi presentiamo il nuovo romanzo di Daisy Raisi: “Rue de Belleville. Il  destino avrà i tuoi occhi”.
Seguiteci per saperne di più!

divisorio
ir
TITOLO: “Rue de Belleville (vol I°). Il destino avrà i tuoi occhi.”
AUTRICE: Daisy Raisi
EDITORE: Self-publishing
GENERE: Narrativa
PAGINE: 111 pagine
PREZZO: € 1,81
Link per l’acquisto: QUI

 

SINOSSI

“Rue de Belleville. Il destino avrà i tuoi occhi” , volume I, è un romanzo corale, ambientato nella Parigi odierna.

Ha un’anima molto femminile, basato com’è su storie d’amore, solidarietà e amicizia e sulle vicende di donne battagliere che sanno prendere in mano la propria vita, sia che vogliano rinascere dopo un lutto, sia che intendano concepire un figlio con l’aiuto della fecondazione artificiale, sia che desiderino raggiungere una loro affermazione in campo artistico, sia che scelgano di lottare dalla parte dei più emarginati.
Gli innumerevoli personaggi che ne costituiscono il nucleo centrale sono, per certi versi, dei sopravvissuti a lutti importanti e vicissitudini che li hanno profondamente  cambiati, temprandoli.
Sullo sfondo, il clima di tensione conseguente all’attentato al Bataclan, le tendopoli, la crisi economica che rende più difficile ma non impossibile la realizzazione di sogni e ambizioni e il quartiere variegato e multietnico degli artisti, Rue de Belleville, che ha dato i natali alla immortale Piaf. Ed è proprio a Rue de Belleville o nei suoi immediati dintorni  che i personaggi  di questo libro, in buona parte, vivono o transitano, passandosi fortuitamente accanto per poi intrecciare, arricchendole, le loro vite.

Sorge il dubbio che questi intrecci così ben riusciti non siano affatto casuali bensì frutto di un destino provvidenziale che trama per fare giustizia, riportando ove necessario il  seme della speranza.

“Rue de Belleville. Il  destino avrà i tuoi occhi”, vol.I, è un concentrato di amore e di amicizia, di lotta e di riscatto, di forza soprattutto femminile e di indomite ambizioni,  ricco di eventi e colpi di scena come solo la vita sa essere.

BIOGRAFIA DELL’AUTRICE

Sono da sempre una lettrice compulsiva e ho cominciato a scrivere all’età di otto anni.
Scrivevo di tutto: poesie, piccoli racconti, storie di vario genere.
Ho al mio attivo studi umanistici e collaborazioni con giornali (periodici, quotidiani), agenzie di informazione, canali web.
Crescendo, il mio amore per la scrittura non è diminuito e mi ha portato a partecipare con profitto a concorsi nazionali di poesia nonché a dedicarmi alla stesura di libri e racconti a sfondo sociale e alla narrativa di vario genere.
Attualmente, sotto nomi diversi, ho al mio attivo sei libri auto-pubblicati e una breve silloge di poesie, oltre a molti scritti inediti. Gli ultimi quattro, che ho pubblicato tramite Amazon.it, sono stati oggetto di un numero considerevole di downloads, nella loro fase di promozione gratuita, classificandosi ai primissimi posti della top ten del sito.
Il mio settimo libro, sequel di “Rue de Belleville. Il destino avrà i tuoi occhi” uscirà ai primi di dicembre.
Più di cinque anni fa, navigando nel web, mi sono imbattuta in un sito di selfpublishing, tramite il quale ho cominciato a recensire autori emergenti, dopodiché ho aperto un blog, dedicato ai nuovi autori e un canale tematico web che ha realizzato numerosissime puntate, riservate ai nuovi scrittori e alle loro opere.
Oltre a scrivere libri e recensioni e a intervistare e promuovere autori, mi occupo anche, con passione, della revisione dei loro libri.

divisorio

Buona lettura!
Naty&Julie ❤

Presentazione di: “La luce del destino” di Sara Fusco

Notters,

di nuovo insieme a voi per un’altra imperdibile segnalazione! Prendete il vostro Kindle e cercate Sara Fusco: La Luce del Destino. Primo volume della serie The light natur #1.

divisorio

LA LUCE DEL DESTINO

TITOLO: La Luce del Destino (The Light of Nature #1)
AUTRICE: Sara Fusco
EDITORE: Selfpublishing
DATA PUBBLICAZIONE: 28 settembre 2016
GENERE: Distopico/fantasy YA
FORMATO: Ebook
PAGINE: 185
PREZZO: 1,49

SINOSSI

Se il mondo andasse avanti grazie a una bugia e le persone che ami fossero diverse da come credevi?
Se non fossimo soli nell’Universo e la Natura avesse uno spirito? E se la vita fosse solo un agile burattinaio e tutto fosse già stato scritto?
Delia vorrebbe avere solo pensieri felici, mettere da parte la tristezza e non sentirsi diversa. Vorrebbe cercare di resistere all’ammaliante richiamo del Cielo, della Natura, e non lasciarsi coinvolgere da ciò che sogna durante la notte.
Nessuno osserva la bellezza della Terra, nessuno sogna, nessuno prova emozioni sincere: questo è un segreto e tale deve restare, glielo hanno insegnato fin da bambina. Ma, più il tempo passa, più delle visioni mettono in dubbio tutto quello che ha sempre creduto di conoscere.
A questo punto, fingere che la sua vita sia come quella di tutti gli altri è davvero difficile. Questa finzione, però, terminerà violentemente e inesorabilmente nell’attimo in cui Delia incontrerà un paio di occhi color della pece che sprigionano odio e potere.
I Suoi occhi. Gli occhi di William.
Lui le rivelerà la verità, metterà in discussione tutto ciò che la circonda e persino la sua provenienza. Le sconvolgerà la vita.
Delia sarà pronta ad affrontare il destino che l’attende?
William crede che lei sia la Prescelta, la persona che salverà l’Universo da una terribile minaccia.
È arrivato il momento di lottare, di giocare finalmente a carte scoperte: il tempo per le domande è finito, Delia ha tra le sue mani le sorti dell’umanità.
È arrivato il momento di riportare la Luce.

ESTRATTO

“Restò in disparte, al buio, a osservarla. Forse avrebbe dovuto provare compassione e voglia di consolarla, perché di lì a poco la sua vita sarebbe cambiata per sempre, ma tutto ciò che riusciva a provare era solo odio e un desiderio di vendetta così profondo da infiammargli le vene.
Non ci accettavano debolezze.
Non ci accettavano sconfitte.”

BOOKTRAILER

 

AUTORE: SARA FUSCO!

Sara Fusco ha scoperto da piccola, grazie alla madre, l’amore per la lettura, e considera i libri come veri amici e compagni di viaggio e d’avventura. La scrittura la fa sentire viva e libera di mettere da parte il mondo in cui viviamo per immergersi in un’altra realtà.Ha pubblicato “L’ultimo addio: il nostro infinito amore” con LibroMania il 5 gennaio 2016. “La Luce del Destino” è il suo secondo romanzo che ha preso Vita grazie all’amore per la Natura.

divisorio

Naty&Julie

Presentazione di: “Ho trovato te” di Valeria Montisanti

Heila Notters!

Vi segnaliamo un New Adult #madeinitaly di Valeria Montisanti: Ho trovato te. 

divisorio

cover-libro-ok

TITOLO: HO TROVATO TE
AUTORE: VALERIA MONTISANTI
EDITORE: SELF
PAGINE: 237
GENERE: NEW ADULT
PREZZO: € 0.99
FORMATO: EBOOK

SINOSSI

Sarah ha un passato doloroso ma non per questo rinuncia ai suoi sogni, alle sue ambizioni. Ha deciso di ricominciare partendo da se stessa e l’occasione si presenta quando viene accettata all’Università della Florida. Qui incrocia gli occhi malinconici di Tyler e sente una forte connessione con la sua anima. Sentirsi libera di provare emozioni è difficile per chi ha sofferto così tanto, ma, nonostante tutto,Sarah vuole lasciarsi trascinare da questa meravigliosa corrente. Ma quando finalmente sembra che tutto scorra nella maniera più bella e inaspettata, la ragazza scopre quanto il suo passato sia legato alla sofferenza di Tyler, e diventa inevitabile, per lei,  prendere una decisione estrema. Forse, però,  l’amore che li lega vale un gesto di profondo coraggio.

ESTRATTO

Tyler e’ tutto un altro
mondo che si apre davanti ai miei occhi , mostrandomi i colori , i profumi e la
tranquillità di un posto sereno che
mi merito di abitare. Non so cosa significhi per lui, ma e’ tutto troppo
importante per me, perciò lo accarezzo piano , passando il mio pollice sul suo
zigomo e gli sorrido.
Voglio rassicurarlo ,perché mi merito questo momento, mi merito un
milione di questi momenti. Adesso che so di poter avere il mio riscatto, il
controllo delle mie emozioni , ho
assolutamente bisogno di provarle.

AUTORE: VALERIA MONTISANTI!

Valeria Montisanti, classe 77. Vive a Palermo con marito, figlia e tre cagnolini monelli. Si occupa dell’apprendimento di bambini “speciali” e si innamora irrimediabilmente di ciascuno di loro. Lettrice irriducibile e scrittrice nel cuore, scrive da quando aveva otto anni. “Ho trovato te” è il suo romanzo d’esordio.

 

divisorio

Naty&Julie ❤

Presentazione di: “Un incontro sublime” di Celeste Degli Iblei

Notters, le novità non finiscono mai! Il 29 Novembre per la collana Senza sfumature della casa editrice Delos Digital è uscito il nuovo libro di Celeste Degli Iblei: Un incontro sublime. Seguiteci per scoprirne i dettagli 😉

divisorio
cover-senza-sfumature-96

 

TITOLO: Un incontro sublime – Serie Sublime
AUTORE: Celeste Degli Iblei
EDITORE: Delos Digital
DATA PUBBLICAZIONE: 29 Novembre 2016
GENERE: Rosa
FORMATO: Ebook
PREZZO: € 2,99
LINK DI ACQUISTO: Amazon

SINOSSI

Un’ingenua ragazza americana e un professore italiano, appassionato e misterioso. Due anime gemelle vittime di un desiderio indomabile. Un incontro sublime apre l’attesissima serie Sublime. E niente sarà più come prima…

Un viaggio al di là dell’oceano. Victoria Wood arriva in Italia con un gruppo di colleghi di Yale, vincitori del progetto interculturale che li vedrà ospiti del corso di letteratura italiana del temuto professor Manfredi Valentini. Un incontro che cambia tutto. Un’attrazione che travolge la vita di Victoria, rendendola vittima del fascino del misterioso Manfredi, che entra nella sua vita come un uragano, con la passionalità tipica dei maschi italiani. Un desiderio incontrollabile, impossibile da arginare. Sullo sfondo di una Roma indimenticabile, incantati dalla poesia italiana, “Un incontro sublime” dà inizio alla serie “Sublime”. – Che cosa sto diventando? – Mia. Stai diventando mia.

L’AUTORE

Celeste Degli Iblei, siciliana nell’anima, fa della scrittura la sua primaria forma espressiva. Innamorata del pianoforte, che ha accompagnato la sua vita per tanti anni di studio, ha trascorso l’adolescenza scrivendo lettere su commissione. Amante dei grandi classici e della poesia è stata selezionata per una delle antologie del Premio Molinello. Nasconde il suo romanticismo con l’ironia, con cui affronta la vita quotidiana. Ha collaborato con quotidiani e periodici nazionali. Profondamente convinta che solo l’amore esalti l’essere umano, ha iniziato la stesura della serie “Sublime” per tutti coloro che, stanchi di sognare, hanno perso fiducia nell’amore, nel destino e nella meraviglia del non sapere cosa potrebbe accadere domani.

BOOKTRAILER

PAGINA AUTORE

divisorio

Naty&Julie

La cena dell’inviato: Le ricette di cinque continenti assaggiate dal reporter più amato dagli italiani (I Take Away Vol. 5)

Ciao, Notters! Usciamo un po’ dai nostri canoni letterari, ma ci stiamo avvicinando alle feste natalizie, alle tavole addobbate, ai parenti… sì, anche quelli che non vedi dal natale passato! ( Ma si sa a Natale si diventa tutti più buoni 😀 ) Siete alla ricerca di novità culinarie, magari anche ricette sfiziose? Ecco. Toni Capuozzo ci racconta tutte le ricette che ha assaggiato nei suoi lunghi viaggi da reporter 🙂 Un racconto, con le ricette allegate edito Il Vento Antico Editore, disponibile da oggi I° Dicembre 2016. La cena di Capuozzo

divisorio

51kKiKspXZL._SY346_.jpgDal medio oriente al centro America, passando da Trieste, Napoli, Belgrado e Gerusalemme, sulla scia di profumi e sapori di terre lontane.
In giro per il mondo per una cena con il reporter più amato dagli italiani – ricette allegate

DOVESSI APPARECCHIARMI UN’ULTIMA CENA, LA ORGANIZZEREI COSÌ, FEDELE AL DISORDINE DELLA VITA, IRRISPETTOSA DEI CANONI E LEGATA A UNA REGOLA: I SAPORI, CON GLI ODORI, E SPECIE DEL CIBO, HANNO UNA FORZA CHE MANCA ALLE PAROLE, E PERFINO ALLE IMMAGINI, TI RIPORTANO CON PREPOTENZA INASPETTATA AL GIORNO I CUI ENTRASTI IN UN NEGOZIO, ALLA PRIMA VOLTA CHE ASSAGGIASTI QUALCOSA, AI VIAGGI E AI RITORNI A CASA, AL TRASCORRERE DELLE STAGIONI E DEGLI ANNI.

TONI CAPUOZZO

divisorio

Naty&Julie