Recensione di: “La sposa in fuga” di Antonella Maggio

Ciao Notters 🙂
Dopo aver letto Antonella Maggio in svariate vesti oggi è il momento di parlarvene sotto l’outfit Rizzoli nella collana YouFeel Reloaded.
I diritti del suo amatissimo “Un’estate a Rimini per innamorarsi” sono stati acquistati da Rizzoli ed eccoci qui a parlare insieme di “La sposa in fuga”.

divisorio

cover
TITOLO: La sposa in fuga
AUTORE: Antonella Maggio
EDITORE: Rizzoli
COLLANA: YouFeel
DATA PUBBLICAZIONE: 01 Luglio 2016
GENERE: Romance
PAGINE: 134
FORMATO: eBook
PREZZO: € 2,99

 


SINOSSI

Se scappi… ti sposo!

La Puglia è tremendamente bella con i suoi ulivi secolari, le spiagge suggestive e la buona cucina, ma può diventare troppo stretta per chi, come Vito e Camilla, ha deciso di lasciarsi definitivamente il passato alle spalle. Lui, dopo aver chiuso con la sua ex, deve fare i conti con un dolore che supera di gran lunga la classica fine di una relazione, e Rimini è il posto ideale dove ripartire da zero, magari come chef tra i fornelli del Sun Marina Sun. Lei, insofferente a una famiglia dalla mentalità antiquata e bigotta, abbandona tutti, compreso il futuro sposo sull’altare, e scappa via facendo l’autostop ancora con l’abito bianco addosso. Vito e Camilla, stessa automobile e stessa meta, due dolori diversi da metabolizzare e un’estate a Rimini per ricominciare.

MOOD: ROMANTICO – YOUFEEL RELOADED dà nuova vita ai migliori romanzi del self publishing italiano. Un universo di storie digital only da leggere dove vuoi, quando vuoi, scegliendo in base al tuo stato d’animo il mood che fa per te: Romantico, Ironico, Erotico ed Emozionante.

RECENSIONE
*** ATTENZIONE POSSIBILI SPOILER***

Ho sentito parlare di Vito e Camilla svariate volte, da tantissime persone e poi finalmente ho potuto leggere anche io delle loro avventure a Rimini, cittadina marittima che dista pochi chilometri da casa mia.
Vito e Camilla sono gli ultimi protagonisti di Antonella che incontro, nonostante siano tra i più grandi (cronologicamente parlando) e devo dire che se mettiamo sul piatto della bilancia la giovinezza di Antonella, la sua carriera ancora tutta in divenire ed il risultato finale, questa autrice lanciava, già qualche anno fa, segnali di un innegabile talento.

IMG_0974È maggio, siamo in Puglia e iniziamo questo viaggio in compagnia di Vito, giovane uomo di 34 anni che ha poco messo la parola fine alla sua relazione con Marianna, la sua storica fidanzata con dai tempi del liceo.
È esattamente il 01 maggio e Vito mangia chilometri in autostrada alla volta di Rimini dove lo aspetta il Sun Marina Sun, l’albergo in cui lavorerà come chef.
Chilometri che lo condurranno lontano dai suoi amici di sempre, Sandro e Simone, dal suo mare, dalle sue abitudini, dai suoi ricordi, dal suo dolore.
Piove a dirotto e Vito deve cercare un distributore per fare benzina alla sua Punto così decide di svoltare in direzione Alberobello per fare il pieno e perché no, magari salutare quei Trulli che aveva visto solo da ragazzo quando qualcosa attirò la sua attenzione…

Il ragazzo pensava ormai di aver visto tutto quello che ci fosse da vedere nella vita, ma evidentemente non era così. Vito, mai e poi mai, si sarebbe aspettato di trovare sotto la pioggia una donna vestita da sposa che faceva l’autostop sul ciglio della strada.”

Ecco: lei è Camilla, detta Milly.
IMG_0971Una ragazza giovane e bella, vestita da sposa e con ai piedi un paio di converse. Una ragazza che sta scappando dal sogno di tutte le coetanee del pianeta, con due occhi scaltri, attenti e profondi.
Una ragazza che non vuole vivere una vita che altri hanno scelto per lei preferendo lanciarsi nel vuoto verso una destinazione sconosciuta pronta ad affondare qualsiasi sfida le si prospetterà pur di essere libera.

Un misto di incredulità e curiosità fanno vacillare Vito quel tanto che basta a permettere a quella stravagante sposa di salire sulla sua auto e a convincerlo a proseguire il viaggio con lei in direzione Rimini.
Contro ogni aspettativa Vito nel corso di quel viaggio si scoprirà estremamente sereno, complice, divertito e affascinato dall’assurda vivacità di Milly e dal suo spirito giocoso, da quel sorriso che sembra stranamente sincero e dal suo senso di smarrimento che lo fanno sentire quasi responsabile di lei e di quello che potrebbe accaderle.
Le ore trascorrono veloci tra un battibecco e una risata, la Puglia è ormai lontana ed è arrivato il momento per Vito di scaricare Milly a destinazione prima di recarsi al Sun Marina Sun e di scoprire qualcosa in più su quello che diventerà il suo lavoro da lì ai prossimi, almeno, sei mesi.

Solo un problema sopraggiunge a questo piano: Milly non ha una destinazione, non sa dove andare, non conosce il paese né ha qualcuno da raggiungere ma Vito si è imposto di non mettersi più alcun tipo di remora o preoccupazione per le donne e non ha intenzione di venir meno ai suoi fioretti così presto e decide quindi di scaricare la ragazza in una delle vie centrali di Rimini e di proseguire su quella che sarebbe dovuta essere una tabella di marcia e ormai era idealmente un sacchetto di coriandoli colorati pronti ad essere sparpagliati chissà dove.

La mattina seguente Vito era pronto ad iniziare la sua nuova sfida, aveva già conosciuto il suo capo, il Signor Armando, la sua “espansiva”‘ed avvenente figlia dai lineamenti orientali e tutti i membri del suo staff quando, per l’ennesima volta, Milly riuscì a distrarlo da ciò che stava facendo. 

“«Milly? Cosa ci fai tu qui?» chiese Vito raggiungendo la ragazza […]
«Ciao…»
Milly sfoderò uno dei suoi sorrisi migliori, di quelli che avevano colpito Vito sin dal primo istante e che lui aveva temuto di dimenticare col passare del tempo. I sorrisi dopotutto fanno bene anche a chi li guarda, nutrono il cuore e inevitabilmente contagiano.
«Voi due vi conoscete?» chiese Midori dividendo la sua attenzione tra la giovane anonima ragazza che le stava di fronte e il nuovo affascinante acquisto di suo padre per l’hotel, che lei si sarebbe portata prontamente a letto.
«Sì!» risposero entrambi nello stesso preciso istante. Milly divenne rossa in viso e lo chinò appena per evitare che Vito la scoprisse, ma non fece in tempo. Il ragazzo sentì le proprie labbra contrarsi in un sorriso del quale Midori non fu per niente contenta.”

 Ed hanno inizio così le avventure di Vito e Camilla. Avventure dettate da brevi ed esplosivi attimi di IMG_0977entusiasmo spenti subito dopo da quella che sembra una incomprensibile razionalità di Vito.
Avventure fresche, divertenti, giovani alimentate dalla passione e da ciò che ne consegue, dalla follia, dalle risate, dai dubbi, dalle paure.
Le avventure di due ragazzi che si trovano vicini ed inaspettatamente complici; imprescindibilmente necessari l’uno all’altra.
Due ragazzi che scoprono di volersi contro ogni previsione e capiscono di amarsi quando ormai sembrava impossibile ed insensato.
Un milione di ostacoli, soprattutto frutto delle paure di Vito e dell’inesperienza di Camilla, renderanno tutto molto difficile fino a convincere la nostra dolce Milly a tornare a casa e a sposare colui che non ha mai amato e che non amerà mai che il destino ha scelto per lei. 

“A furia di avere sempre Milly tra i piedi, aveva sviluppato una qualche strana facoltà in grado di segnalargli quando lei fosse vicina o lontana e Vito, in quel momento, sentì Milly lontana, si stava allontanando da lui. La conferma la ebbe quando Marianna gli rispose senza mezzi termini che aveva avuto la sensazione che la ragazza fosse in procinto di partire.”

Cosa farà Vito? Riuscirà a distruggere i demoni del suo passato e riprendersi la sua dolce “bambina”?

Non vi svelo altro e lascio a voi il piacere di scoprire cosa succederà tra i nostri due adorabili protagonisti.
Ciò che posso dirvi, è che nonostante abbia fatto alcuni passi indietro nella barra temporale della carriera di questa brillante autrice italiana, non sono assolutamente rimasta delusa ma anzi, felicissima di riscoprirla in una veste che profuma di leggerezza e spontaneità.
E poi non so, sarà il sole, il mare, sarà che questo libro odora di estate ma Vito e Camilla mi hanno conquistata e che, il prossimo weekend anche io avrò una meta e sarà proprio Rimini.

#sempreecomunqueteamMaggio
Grazie Antonella❤️

 Julie.

Il mio giudizio:
IMG-20160606-WA0039

Annunci

Un pensiero su “Recensione di: “La sposa in fuga” di Antonella Maggio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...