Recensione di: “Kiss me… Baby” di Fabiana Andreozzi e Vanessa Vescera

Ciao Notters 🙂

Non ci crederete mai ma oggi, con questo splendido sole e la primavera ormai ufficialmente arrivata a scaldarci il viso con il tepore del sole che abbiamo atteso con ansia vi racconto un libro che racconta di un inverno speciale, di un “magico Natale” e di fiocchi di neve che fanno innamorare.

È “Kiss me… Baby” di Fabiana Andreozzi e Vanessa Vescera.

divisorio


TITOLO: Kiss me… Baby
AUTRICE: Fabiana Andreozzi e Vanessa Vescera
DATA PUBBLICAZIONE: 20 Dicembre 2015
EDITORE: Self-Publishing
GENERE: Romance
FORMATO: eBook/Cartaceo
PAGINE: 184
PREZZO: € 1,78/€ 6,02

 

SINOSSI 

Luna Silvestri ha solo un desiderio, che la sua esistenza cambi radicalmente. Non ama apparire, si nasconde sotto spessi occhiali da vista e dietro tomi di libri di letteratura. Non ha tempo per gli amici, per le feste e per i trucchi, è la secchiona della scuola e tutti la evitano come la peste tranne Simona, l’unica amica accomunata dalla stessa sorte.

Andrea Mattioli è l’esatto opposto di Luna, si conoscono dalle scuole elementari, non si sono mai scambiati parola se non per prendersi in giro. Eppure a volte una scommessa può trasformarsi in un gioco ben più pericoloso. Se il destino avesse deciso che è ora per i due opposti di attrarsi? Cosa succederebbe se sotto strati di superficialità si nascondesse un cuore d’amare? E se sotto milioni di insicurezze si celasse una donna forte che combatte per la sua libertà? La vita è una continua montagna russa, non si sa mai cosa si nasconde dietro l’angolo e, a volte, basterebbe semplicemente affacciarsi oltre e sbirciare ma, nella caoticità dei momenti, spesso si perde l’unico attimo rilevante, quello che cela la strada per la felicità. Un romanzo di speranza e crescita, una storia che ricorda che abbiamo tutti una vita complessa e, a volte, basta solo tendere una mano e sfiorarsi per capire che in fondo non siamo poi così diversi.

RECENSIONE
***ATTENZIONE, POSSIBILI SPOILER!*** 

Per l’ennesima volta rimango sorpresa da cosa possano regalare racconti semplici e puri come questo.
Rimango stupita dal tesoro del Self-Publishing e di ciò che le nostre autrici riescano a fare.

“Kiss me Baby” racconta la storia di un amore giovane e fresco, un amore che come spesso accade nasce per gioco, per sbaglio, per una scommessa… 

“«Lei!» esclama Luca indicandola con un cenno del capo. Un brivido mi percorre la schiena. La conosco dalle elementari, è sempre stata la bruttina della scuola, la secchiona che legge tomi disumani nel giro di ventiquattro ore, il brutto anatroccolo goffo che si aggira cercando di nascondersi tra la gente. È brutta, è imbranata, è un essere inutile se non per passarti il compito di matematica. Scrive storie, sdolcinate o drammatiche, che i professori amano riportare nelle rappresentazioni teatrali forse, nella sua testolina, spera di diventare anche una scrittrice. «Luna Silvestri?» domando osservandola in preda all’ansia. «Sì, perché no? Troppo difficile?» «Ma lo odia, non può vederlo» risponde Michele. «Lo manda a fanculo appena si avvicina» rincara la dose Stefano. La osservo pensieroso, inginocchiata a terra, le mani protese a raccogliere una penna che le è rotolata per l’ennesima volta via dalle mani. È uno scherzo della natura ma non riesco a frenare le parole: «sapete cosa vi dico? Non solo riesco a farmela ma quanto ci scommettete che prima diventa una figa da paura?» Michele, Stefano e Luca scoppiano a ridere. «Sì, le ci vuole un miracolo.» «Scommettiamo? E quando voi avrete una gran voglia di farvela io ve la sfilerò sotto il naso e le farò conoscere i piaceri della carne.»

È esattamente così che nasce la storia di Luna e Andrea, i due meravigliosi protagonisti di questa romantica storia d’amore.

Ora cercate di chiudere gli occhi e di immaginare i due poli opposti del pianeta, la prima e l’ultima lettera dell’alfabeto, il bianco e il nero, il sole e la luna. Ecco quando avrete immaginato tutto questo e mischiato queste variabili allora forse avrete un’idea di ciò che sono Luna e Andrea.
IMG_8887.JPGDa una parte abbiamo lei, Luna Silvestri, il brutto anatroccolo.Un viso pallido e magro nascosto da due grandi occhiali neri, i capelli non curati raccolti in una lunga coda disordinata, gli abiti scelti con un unico obiettivo: quello di nascondersi e sue immense gemme verdi appannate da un’incomprensibile apatia cancellata unicamente dai mondi che Luna scopre su carta, quelli scritti a parole, in bianco e nero, quelli che rappresentano le uniche realtà che la nostra protagonista è felice di affrontare.

…e dall’altra parte abbiamo lui, Andrea Mattioli, quello che non deve chiedeIMG_8889re mai.
Il ragazzo più ambito della scuola, quello più corteggiato, guardato e desiderato.
Quello che vanta incontri ravvicinati con le ragazze più belle della città e il cui standard fa concorrenza ai divi della TV che appaiono sulle riviste spaparanzati al sole con le bellezze del momento.
Andrea è uno di quei ragazzi che guardi da lontano e sospiri in silenzio interrogandoti su cosa abbiano quelle strafighe in più di te, perché nonostante anche tu sia gentilmente dotata di due gambe, due braccia, due occhi e due orecchie questo non basta ad essere degnata di uno sguardo.

Ecco, tutte vorrebbero essere guardate dal bel Mattioli, tutte tranne Luna che invece lo detesta, non sopporta neanche di averlo vicino perché solo sentire il suo profumo è sintomo di guai, di occhi attenti alla quale tentare di sfuggire.

Ma cosa succederà quando Andrea cederà ad una stupida e maschilista scommessa che vedrà coinvolta proprio la solitaria Luna?

Una scommessa difficile da vincere e con pochissimo tempo a disposizione: trasformare Luna Silvestri in un bellissimo cigno e renderla sua, la notte di Capodanno.

Beh, indubbiamente una faccenda complessa considerando il fatto che Luna non rivolge ad Andrea una parola che non sia un insulto o che non lo contenga tra una una sillaba e l’altra e che, oggettivamente, i due protagonisti non hanno assolutamente nulla in comune.

O almeno così credevano prima che Andrea cominciasse la sua battaglia senza esclusione di colpi, una battaglia che pensava di vincere facilmente e senza troppo impegno ma che si rivelerà molto più complicata di quanto avesse immaginato.

Come si dice però da cosa nasce cosa e da un insulto nascerà la curiosità, dal tono scontroso di Luna nascerà la voglia di vincere di Andrea, dal continuo rincorrersi nascerà la voglia di scoprirsi, dai dubbi il bisogno di verità, dal contatto sfiorato la voglia di aversi… Una voglia incontrollabile, inaspettata, incredibile.

Tremendamente forte, dannatamente vera.

“La stringo tra le braccia, incurante di tutto e tutti. È qui che la voglio, un piccolo batuffolo aggrappato al cuore. Io ci sono, rimugino nella mia mente e il mio cuore batte a ritmi impossibili. Luna ci poggia il viso sopra e mi imbarazzo al pensiero che possa sentirlo così forte, così intenso. TUM-TUM. Mi arriva nelle orecchie, risuona nella cassa toracica e mi spavento. Poi sento il suo. È sembrano note che mancano nella mia sinfonia. Si accordano insieme in un unico
TUM- TUM, TUM-TUM.
Siamo musica adesso, una composizione silenziosa, non abbiamo bisogno di tante parole.”

tumblr_n2hup7tDeN1t3fl3po1_500
Un sentimento puro, fresco, che lega i due protagonisti in maniera irrazionale nonostante quella maledetta scommessa che adesso rischia di rovinare tutto. Un sentimento che regala speranza e che non ammette errori.

Andrea si troverà coinvolto in una situazione che non poteva immaginare, in una realtà dalla quale non potrà sottrarsi.

Si troverà travolto nella realtà di Luna, quella realtà che piomberà su di lui come uno tsunami e che rappresenta la risposta a tantissime domande, la spiegazione ai suoi occhi tristi, la ragione dei suoi mancati sorrisi.
Sorrisi che Andrea riporterà alla luce, occhi ai quali regalerà una speranza, sogni che riuscirà a realizzare per lei, per la sua Luna; colei che senza saperlo, sta illuminando di una nuova luce la sua vita vuota.

“Kiss me… Baby” è questo. La storia di due compagni di scuola che si detestano, si evitano, si guardano quasi con disprezzo. Di due compagni di scuola che div0e93ee43-9b0e-4263-a7f8-468f87047daaentano inaspettatamente amici. Di due amici che si scoprono qualcosa di più e che contro ogni aspettativa si desiderano.
È la storia di un Natale con la “N maiuscola”, un Natale sincero, lontano dal consumismo e dalle apparenze, un Natale in cui ciò che conta sono i sentimenti, un Natale che rende “due cuori e una capanna” un’ambizione, un Natale che fa da cornice ad un sentimento giovane ma profondo, talmente profondo da essere fonte di forza nuova, di energia incontrastata e di voglia di cambiare le variabili di quell’equazione che sembrava irrisolvibile e invece acquista improvvisamente un senso.

È un libro scritto semplicemente bene, in maniera lineare e fresca.

Una storia che affronta temi importanti e difficili da trattare in modo naturale e positivo. Un romanzo che non ti fa sognare il principe azzurro ma che ti invita a guardarti dentro e a saper guardare ciò che ti circonda senza mai smettere, un racconto che regala speranza.

Una storia in cui perdersi, due protagonisti da amare, due autrici da seguire senza “se e senza ma”.

Julie ❤

 
Kiss me… Baby

picsart_01-08-01.48.46.jpg

Annunci

2 pensieri su “Recensione di: “Kiss me… Baby” di Fabiana Andreozzi e Vanessa Vescera

  1. stefania mognato ha detto:

    l’ho letto anch’io proprio in questi giorni e l’ho amato tantissimo un bellissimo racconto che mi ha regalato bellissime emozioni complimenti per la recensione davvero bellissima

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...