Recensione di: “Una sorella di troppo” di Flora A. Gallert

Ciao Notters 🙂

Torno qui, insieme a voi, per raccontarvi una nuova storia. Una storia che parla d’amore (e voi direte: qual è la novità?).
Beh la novità è che in questo breve romanzo è l’amore fraterno ad essere protagonista e, intorno a questo, un amore vero e “strampalato” ci farà sorridere… ❤

divisorio

14302524_347747802245841_38075877_n

TITOLO: Una sorella di troppo
AUTORE: Flora A. Gallert
EDITORE: Self-Publishing
DATA PUBBLICAZIONE: 31 Agosto 2016
GENERE: Romance
FORMATO: ebook
PAGINE: 53
PREZZO: € 0.99 (gratis per Kindle Unlimited)
LINK PER L’ACQUISTO: qui

 

SINOSSI

Due sorelle completamente diverse tra loro e un ragazzo che va bene per entrambe.
Ellie e Niky hanno pochi anni di differenza e due stili di vita completamente opposti.
Con disappunto di Niky, Ellie ottiene di continuo successi importanti nella vita, anche il giorno in cui Niky compie un piccolo passo avanti ed è pronta a dirlo raggiante ai genitori, ecco che viene sminuita per l’ennesima volta da sua sorella maggiore che, ovviamente, ha appena ottenuto una promozione più importante.
Ellie, invece, pensa che Niky non abbia niente di cui lamentarsi: fin da piccola ha sempre ricevuto più attenzioni e la sua strada è stata spianata dalle lotte dei figli che solo i primogeniti possono capire. E così arriva Chris: il ragazzo perfetto, che piace a entrambe e sembra proprio che nessuna delle due possa rinunciarci.
Ma chi la spunterà stavolta? Chi conquisterà il cuore del bellimbusto?
Un romanzo divertente e ironico, incentrato sulle vicende delle due protagoniste sempre in competizione tra loro, una storia d’amore che inizia in un modo un po’… particolare!

RECENSIONE
ATTENZIONE, POSSIBILI SPOILER!

Essere sorelle non deve essere facile.
Dico “non deve essere” perché nonostante abbia supplicato mia madre diverse volte di farmi una sorellina non l’ho mai avuta vinta.
Beh, con questa storia Flora mi ha letteralmente catapultata in quella vita che tante volte avevi immaginato regalandomene un assaggio abbastanza generoso! 😄

Ma adesso veniamo ai fatti.
Cosa succede in questa storia… Succede che c’è Ellie, la sorella maggiore; una donna di successo, determinata, ambiziosa e spigliata nelle relazioni, la classica business woman dalle inarrestabili risorse. E poi c’è Niky, il secondo (cronologicamente parlando) bocciolo di casa: una ragazza intelligente, simpatica, divertente, dinamica.
Una, la prima, è abituata a correre per la medaglia d’oro, l’altra invece, per quanto provi a correre veloce è destinata a guadagnare il secondo gradino del podio…

“Allora, novità, ragazze?!” esclamò il padre con la bocca piena di pancetta.
“Oh, sì!” cantilenarono Ellie e Niky in coro.
“Anche tu?” esclamarono di nuovo insieme, guardandosi di scatto.
A Niky andò di traverso un pezzo di pane e iniziò a tossire, sputacchiando tutt’intorno. Lo sguardo di Ellie lasciò trapelare il disgusto e quello di Niky fece lo stesso. Si fissarono in cagnesco per un momento, poi tutte e due si ricomposero in fretta.
Niky stiracchiò il viso in quello che doveva essere un sorriso ed Ellie sembrava che si fosse appena infilata una maschera sulla faccia, guardandosi intorno con aria serena.
“Ah, davvero, e quali sarebbero?” domandò la mamma come stesse chiedendo le previsioni del tempo. Aveva notato l’improvviso cambio di atmosfera.
Il padre, insensibile a queste cose, non si accorse di niente e guardò i suoi due boccioli con aria raggiante, esortandole a raccontare.invidia3
“Oh, be’, vedi…” iniziarono di nuovo Niky ed Ellie in coro.
Basta, o parli tu o parlo io,” sbottò Niky sbranando quello che rimaneva del pane.
“Come faccio a sapere che stai per parlare tu! Non lo faccio mica apposta!” esclamò Ellie con le guance infuocate.
“Inizia tu, Niky,” accordò la madre con un sorriso.
“Ti pareva,” borbottò sottovoce Ellie, guardando intensamente il tovagliolo a fiorellini.

Non è facile condividere con qualcuno ogni momento della vita… che sia per scelta, per dovere o per necessità. Non è semplice condividere la bambola preferita, i vestitini che avremmo giurato fossero solo per noi, le attenzioni quotidiane, amplificate poi nelle giornate di Festa quando, riuniti intorno ad una gigantesca tavola imbandita, decine di parenti venuti da chissà dove si schierano inevitabilmente dall’una o dall’altra parte.

Condividere non è mai facile, lo sappiamo, soprattutto se l’altra faccia della medaglia corrisponde nientepopodimeno che a tua sorella, sangue del tuo sangue, l’altra metà della mela.

Riuscite a immaginare in questo quadro di bene infinito e di eterna competizione che cosa succederà quando Ellie e Niky si contenderanno un ragazzo misterioso?
Beh se avete qualche perplessità è giusto dirvi che non dovete aspettare a lungo per soddisfare la vostra curiosità: Flora infatti ci regala un delizioso cortometraggio letterario delle assurde dinamiche che si scateneranno tra queste due “angeliche” sorelline. 😄

Anche in questo frangente, come volevasi dimostrare, Ellie e Niky, sono molto diverse; l’audacia di una fa a cazzotti con la spensieratezza dell’altra, proprio come la personalità da fèmme-fatale di Ellie rispetto alla naturalezza e alla spontaneità di Niky.

Un giorno, dopo l’ennesimo malumore dato dalla competizione tra le due, Ellie decide di andare a trovare la sorellina nel suo appartamento e così, per caso, si trovano complici nel raccontarsi reciprocamente di un misterioso ragazzo che sembra aver conquistato il loro cuore.

6a00d83451b0f069e201b8d19df3c3970c.gif
Un primo approccio completamente diverso.
Un primo appuntamento dal risultato opposto.
Sensazioni diverse.
Tutto sembra andare andare in due direzioni che sono più lontane del nord e del sud e dell’est e dell’ovest. Tutto tranne un particolare…


“Io intendevo lui,” disse, indicando di nuovo la panchina. Niky osservò più attentamente. In effetti, oltre al signore c’era qualcun altro. Stava in piedi di fianco a un bidone e parlava al telefono. Mentre chiacchierava, gesticolava in un modo particolare. 
Le ricordava qualcuno. Poi l’uomo si girò e Niky rimase di stucco. D’improvviso iniziò a sentire freddo nonostante l’aria fosse uguale a quella di prima. 
Era Chris. url
Il cuore le era saltato in gola, le budella sembrarono contorcersi. Era lui, lo stesso ragazzo che l’aveva baciata poche sere prima. Quel ragazzo era poi finito a letto con la sorella, oppure c’era già andato. 
Il cuore di Niky è a pezzi, si sente distrutta, tradita, illusa.
Ellie dal canto suo fatica ad accettare il fatto che sia proprio sua sorella la rivale in questa sfida; non ha intenzione di perdere ma neanche di ferire Niky.

Che cosa deciderà di fare la bellissima Ellie? Niky vorrà ancora frequentare Chris? Chi la spunterà adesso e con quali conseguenze?

“Una sorella di troppo” è una storia frizzante e divertente.
Si svolge velocemente ma senza fretta e questo è uno degli aspetti stilistici di Flora che preferisco.  Non è da tutti riuscire a raccontare una storia in maniera completa, ricca ed avvincente in pochissime pagine; Flora ci riesce magnificamente.
Una storia d’amore che, come vi dicevo all’inizio di questa recensione, racconta di un amore a tutto tondo e, proprio per questo, regala momenti di deliziosa spensieratezza.

Un libro che parla d’amore sì, ma che cela dietro ad una velata ironia, anche il racconto delle difficoltà dei rapporti fraterni, immensi ma altrettanto complessi.

Flora non ha spento in me il desiderio che avevo da bambina ma anzi, con questo romanzo mi ha regalato un po’ di quella quotidianità che ho tanto desiderato. ❤

Julie 🙂

Il mio giudizio:

IMG_0096
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...