Recensione di: “Il silenzio del peccato” di Linda Bertasi

Ciao Notters,
eccomi con la seconda recensione del lunedì! Dopo avervi parlato di un romanzo rosa, ora passo ad un romanzo storico: “Il silenzio del peccato” di Linda Bertasi, edito Delos Digital della collana senza sfumature.

Se l’epoca dei Tudor vi affascina, questo capolavoro di Linda fa per voi! 😉

divisorio

image

TITOLO: Il silenzio del peccato
AUTORE: Linda Bertasi
EDITORE: Delos Digital
DATA PUBBLICAZIONE: 29 Ottobre 2015
GENERE: Storico/Erotico (Senza Sfumature)
PREZZO: € 2,99

 

 

SINOSSI

Essex 1522. Jane Rivers ha solo sedici anni quando incontra Charles Brandon, il duca di Suffolk. Una tempesta fortuita li costringerà a ripararsi in un capanno tra i boschi e la passione li travolgerà.
Ma Jane è una serva e Charles un duca, non c’è spazio per l’amore.
I genitori della ragazza, per nascondere l’onta, la costringeranno a un matrimonio riparatore con il promettente avvocato e amico di famiglia Richard Howard. Per Jane una nuova vita si profila all’orizzonte e una tenuta opulenta in cui trascorrerla. Ma cosa nasconde questa villa e perché un gentiluomo dovrebbe scegliere di dare scandalo e sposare una contadina? Cosa si cela dietro gli incubi che da anni tormentano Jane e che riaffioreranno non appena varcata la soglia di Manor House?
Nell’Inghilterra di Enrico VIII tra seduzioni e inganni, una storia di passione e omertà che affonda le sue radici nel silenzio.

RECENSIONE

Ci troviamo nella prima metà dell’500, in un Inghilterra governata da Enrico VIII dove adulteri e tradimenti contornavano quell’epoca rammentata nel romanzo storico di Linda Bertasi, una lettura breve ma molto intensa, veloce e scorrevole. L’autrice spiega molto bene l’arco temporale di storia che ambienta il romanzo dalla regina Caterina d’Aragona alle vicende dell’amante e successore Anna Bolena fino alla sua decapitazione.

image

Jane è una giovane contadina che vive nell’ Essex, ama addentrarsi nei boschi per sfuggire da incubi che la perseguono dall’infanzia, a cui non riesce a darsi una spiegazione. Durante una delle sue “fughe” si imbatte in un nobile cavaliere da cui rimane irrimediabilmente sedotta e dona lui il suo candore.

Il nobile cavaliere, che scopriamo poi essere il duca di Sufflock, è Charles Brandon, nonché amico del Re, sposato ma con al seguito molte amanti (chi conosce bene questo periodo storico rammenta i fatti diimage adulterio che si consumavano a corte).
Jane è affascinata da quest’uomo ma sa bene che per lui è solo un ossessione e che lei è sarà sempre e solo una povera contadina; i loro rapporti infatti si consumeranno soltanto due volte e, una terza, dopo sette anni.

Jane viene promessa sposa a Richard Howard, facoltoso avvocato londinese; all’inizio la nostra protagonista è un po’ scettica, non riesce a capire come un uomo nobile possa sposare una donna senza nessun titolo nobiliare, nessuna dote e senza nessuna famiglia facoltosa alle spalle… eppure accadrà: Jane cambierà radicalmente vita e metterà al mondo dei figli con il nobile marito. Durante il racconto del matrimonio di Jane e Richiard viene narrata, in parallelo, la storia della regina Caterina, che però non riuscì a mettere al mondo un erede maschio, infatti, come sappiamo, l’erede al trono sarà Maria I.

image

Presto ricompariranno gli incubi di Jane e non tarderà ad arrivare la cruda scoperta di non essere la figlia dell’uomo che l’ha sempre maltrattata, ma bensì la figlia dell’amante di sua madre Catlyn; da qui la spiegazione del suo matrimonio, dettato dal vero amore, e dei suoi incubi, che la perseguitano sin da bambina.

Nonostante sia un romanzo della collana “senza sfumature”, l’autrice riserva ai lettori una grande dose di romanticismo.
Penso che non sia semplice scrivere un romanzo storico ma Linda mi ha davvero colpita; avrei voluto veramente che la storia continuasse per altre 10, 100, 1000 pagine… mi è piaciuta davvero tantissimo!

Naty ❤

wpid-picsart_1446468514859.jpgwpid-picsart_1446469013285.jpg

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...