Presentazione di: “Pertanto accuso” di Michele Caccamo

Buongiorno Notters,

oggi vi presentiamo una storia vera, fatti realmente accaduti che toccheranno le corde di tutti i lettori. Un libro che a Novembre 2016 diventerà anche un’opera teatrale, in tour per l’Italia. Questo è: Pertanto accuso” di Michele Caccamo.

divisorioMichele Caccamo

 

TITOLO: Pertanto accuso
AUTORE: Michele Caccamo
EDITORE: David and Matthaus
DATA PUBBLICAZIONE: 16 Maggio 2016
GENERE: Narrativa
FORMATO: Cartaceo
PREZZO: €12,90

SINOSSI

David and Matthaus presenta l’uscita ufficiale di Pertanto accuso, il romanzo verità di Michele Caccamo, atto di accusa di un uomo innocente incarcerato in un sud Italia che soffoca l’onestà fra le sue spire.

 

A causa di una calunnia mossa da un suo ex dipendente, l’autore nel 2013 finisce in carcere, vittima della ‘ndrangheta e della malagiustizia che non si fa scrupoli nel trattare un innocente come il peggiore dei criminali. Ma in cella, tra le brutture che un tale luogo racchiude, Michele Caccamo trova conforto nella penna, che fortunatamente non gli viene sottratta nel saccheggio a cui è sottoposto prima di entrare nel suo inferno. Sulla carta esterna dolori, grida, immagina le storie, misere e mai a lieto fine, dei compagni di sventura. “Farò della mia innocenza una pubblica ragione” scrive dal carcere ai suoi cari, e mantiene la promessa in queste pagine che racchiudono parole profondamente poetiche, ma anche foriere di una grande verità. Dalla quotidianità della prigione, dai volti, dalle squallide pareti, dal pavimento che i derelitti misurano avanti e indietro come in una aratura, ecco fiorire la sublimità di questa prosa poetica, che sarà anche spettacolo teatrale a partire da novembre 2016, per il quale Michele Caccamo, oltre all’adattamento elaborato con Paolo Vanacore, ha scritto i testi delle canzoni, musicate da: Bungaro, Maurizio Fabrizio, Alberto Fortis, Goran Kuzminac e Piero Pintucci. È appoggiato e seguito da numerosi artisti di rilievo, con cui ha stretto importanti e proficue collaborazioni, come Dario Vergassola e Sergio Staino. Grazie all’articolo 530 comma 1, del codice di procedura penale, è stata confermata la sua innocenza con formula piena per non aver commesso il fatto.

AUTORE

Michele Caccamo è poeta, drammaturgo e scrittore. È pubblicato e tradotto all’estero e conosciuto nel mondo arabo come “il poeta della fratellanza” per la sua attenzione all’integrazione e il suo impegno letterario nell’incontro tra popoli e religioni. Firma per un magazine on line estero articoli di critica musicale. È anche autore di testi di canzoni. Ha pubblicato nel 2015 con David and Matthaus il romanzo La profezia delle triglie scritto con Luisella Pescatori. Pertanto accuso è la sua diciottesima pubblicazione.

SITO WEB AUTORE: http://www.michelecaccamo.com/

DI COSA PARLA?

La bellezza di questo lavoro sta nella sua verità. Il termine, in questo caso, ha una doppia valenza. Sì, perché Pertanto accuso racconta ciò che davvero interessa al pubblico: una storia vera. Quando ci si trova di fronte a fatti realmente accaduti, l’empatia, la curiosità e l’attenzione di chi legge raggiungono i massimi livelli auspicati in letteratura, perché soddisfatte e catturate come nessun altro libro saprebbe fare. In secondo luogo, in questo caso specifico, l’autore racconta proprio la sua verità: a causa di un’accusa falsa mossa da un suo ex dipendente, infatti, Michele Caccamo, nel 2013, finisce in carcere, vittima della ‘ndrangheta e della malagiustizia che non si fa scrupoli nel trattare un innocente come il peggiore dei criminali. Ma in prigione, tra le brutture che un tale luogo racchiude, trova conforto nella penna, che fortunatamente non gli viene sottratta nel saccheggio a cui è sottoposto prima di entrare nel suo inferno. Cosa scriveva dalla sua cella? “Farò della mia innocenza una pubblica ragione”. E Pertanto accuso mantiene quella promessa. Un libro che non racconta la tua storia, ma che grazie alla sua autenticità ti trascina nell’esistenza di un altro, reale, concreta, vissuta, causa di tormenti reali, concreti, vissuti. Una condivisione di fatti accaduti solo ieri, ancora vividi e impressi nella mente di chi scrive. Un’esperienza vera dalla quale, forse, vale la pena imparare qualcosa.  Pertanto accuso, inoltre, diventerà un opera teatrale in tour per l’Italia a partire da novembre 2016.

divisorio

Naty&Julie

Presentazione di: “Tutto l’amore che meriti” di Valeria Leone|Anteprima!

Ciao Notters!

A giugno esce il secondo volume della serie Falling Stars di Valeria Leone. Volume autoconclusivo, leggibile autonomamente dal primo: Tutto l’amore che meriti.

divisorio

copertina

 

 

TITOLO: Tutto l’amore che meriti
AUTORE: Valeria Leone
EDITORE: Self-Publishing
DATA PUBBLICAZIONE: Giugno 2016
GENERE: Contemporary Romance

 

 

SINOSSI

Sono trascorsi alcuni anni dagli eventi che hanno sconvolto le loro vite. Cosa ne è stato di Sara, Marcello, Cassandra, Mario, Beatrice, i ragazzi di “Come una stella cadente”?  Non tutte le stelle sono destinate a cadere.

“Meriti tutto l’amore del mondo”, questo continuano a ripeterle tutti. Ma Sara non ci ha mai creduto. Lei è la figlia sbagliata, la sorella sbagliata, una virgola alla fine di una frase che dovrebbe terminare con il punto. Non si è mai sentita voluta e amata fino in fondo e ciò le impedisce di lasciarsi andare ai sentimenti. Per questo si butta con naturalezza nella storia senza coinvolgimenti con il bellissimo e carismatico Sergio: lusso, divertimento e, soprattutto, zero impegno. Sergio, spregiudicato manager di successo, la catapulta in un mondo patinato e lei si lascia trasportare da un’attrazione fisica innegabile. Marcello ha vagabondato per anni in giro per l’Europa, tra Londra e i quartieri degli squatter parigini, dedicandosi esclusivamente alla sua arte e a cercare se stesso. L’incontro con Sara e una nottata trascorsa insieme per le strade di Perugia sovvertiranno tutte le sue convinzioni donandogli una nuova ispirazione e il coraggio di credere nel suo talento. Dopo quella notte anche per Sara nulla sarà come prima, ma come fare per ritrovare Marcello che sembra sparito nel nulla? Ci penserà il destino a rimetterlo sulla sua strada, ma una serie di malintesi li allontanerà nuovamente. Mentre la carriera artistica di Marcello decolla, portandolo nella lontana New York, Sara decide di bastare a se stessa e di condurre una vita tranquilla lontana dai pericoli dell’amore. Ma non sarà così semplice. Un volo per New York, una incredibile scoperta, il serrato e spregiudicato corteggiamento di Sergio, una serie di equivoci e di scelte sbagliate: tutto congiura per confondere Sara e trascinarla in un vortice che la strapperà dalla sua vita noiosa e abitudinaria. Riuscirà Sergio a convincerla che non c’è niente di male a lasciarsi andare alla leggerezza? O sarà invece il misterioso, impulsivo e introverso Marcello a strapparla dalle sue paure e ad abbattere il muro che ha costruito attorno al suo cuore? Tra borghi antichi, serate glamour, viaggi in barca, bagni nel mare di Positano, antichi casali, amici affettuosi e stravaganti e voli improvvisi a New York, Sara capirà che in fondo anche lei ha il diritto di prendersi tutto l’amore che merita.

AUTORE

Valeria Leone vive a Benevento in una casa in campagna con il marito e il suo bimbo di tre anni. Le sue mani sono frequentemente sporche di terra e di inchiostro, spesso contemporaneamente! Inguaribile romantica, le piace scrivere d’amore e vivere d’amore. Giornalista da dieci anni, ha lavorato come corrispondente e capo redattore di quotidiani e periodici campani e come copywriter in un’agenzia di comunicazione. Oggi è direttore reasponsabile del periodico patinato TEMA Magazine, rivista di approfondimento per la valorizzazione territoriale distribuita sul territorio campano che si occupa di cultura, arte, eventi e tendenze.

13226932_10209412691218855_5382424744988724582_ndivisorio

A noi ha davvero incuriosite, non vediamo l’ora sia Giugno! E voi?

Naty&Julie

Presentazione di: “MaledettaMente” di Adriana Pitacco

 

Ciao Notters 🙂
Quello che vi presentiamo oggi è un libro indubbiamente impegnativo, un libro importante, profondo, intimo.
Un libro che non è adatto a tutti ma sicuramente l’ideale per chi ha voglia di perdersi in uno di quei viaggi che segnano l’anima.

divisorio

1.jpg

TITOLO : MaledettaMente
AUTORE : Adriana Pitacco
EDITORE: Lettere Animate
DATA DI PUBBLICAZIONE: 9 settembre 2015
GENERE: Psicologico
FORMATO: eBook
PAGINE: 122
PREZZO: € 2,49 (Gratis su Kindle Unlimited)

SINOSSI

Sandra è ormai giunta alla fine dei suoi giorni, lo sa.
Il cancro la sta bramosamente sradicando dalla vita.
L’unico desiderio che le rimane è quello di raccontare all’eterna compagna che la sta attendendo, la morte, il racconto di Sergio, l’unico uomo che riuscì ad amare, in grado di farle raggiungere le piramidi dell’esistenza. Comprendendo la sua rapida fine si trasforma in un’abile narratrice pronta a cimentarsi nell’arte del racconto, mentre la morte in trepida attesa l’ ascolta.
L’affresco della memoria prende forma dal momento in cui Sergio, brillante psichiatra in carriera,decide di lasciare l’Italia per accettare un incarico nell’ospedale psichiatrico di Losanna.
Sergio intuisce sin da subito che da quel momento avrebbe dovuto scontrarsi con una rigida e degenerata impostazione della psichiatria, secondo la quale il compito prioritario del medico consiste nel contenere e annullare il paziente, nell’abolire qualsiasi suo desiderio. Folgorato dall’urlo lacerante di uomini e donne, Sergio percepisce il crescendo del loro dolore mentre la loro lontana quotidianità sta sprofondando in una voragine senza respiro.

Con l’avanzar dei giorni però egli riesce a confutare ogni idea di questa fuorviante e idolatrata psichiatria, sicuro di poter ottenere migliori risultati tramite il dialogo con i pazienti, non vedendoli come semplici numeri o come inguaribili malati da schedare e sedare, avvertendo il disperato richiamo del loro atavico istinto di sopravvivenza.
E’ convinto, così facendo, di avvicinarsi al fulcro dell’esistenza umana.
S’inoltra nell’inquieta vegetazione dei loro pensieri, nei loro ricordi chiusi in un profondo oblio, nei loro isterici movimenti, in quel pianto fagocitato dalla tortura di qualche elettroshock d’ultima generazione.
Il giovane medico abolisce le violente terapie mettendo in discussione le usuali pratiche psichiatriche.
Come uccelli migratori, gli ospiti del reparto migrano sulla rotta del cambiamento per ritrovare la perduta libertà.

LA SCHEDA DEL LIBRO

TRAMA: E’ una voce narrante solitaria quella che decide di raccontare all’eterna compagna che la sta attendendo, la morte, il racconto di Sergio l’unico uomo che riuscì ad amare in grado di farle scoprire le piramidi dell’esistenza.
E’ la voce di Sandra, malata terminale di cancro, che trasforma gli ultimi giorni che le rimangono da vivere in un fertile racconto che la condurrà al profondo compimento della sua esistenza.
In un’anonima stanza d’ospedale, dopo le inutili visite di amici logorati dall’implacabile scorrere del tempo, prende forma l’affresco della memoria dal momento in cui Sergio, brillante medico psichiatra, decide di lasciare l’Italia per un importante incarico nella prestigiosa clinica di Losanna. Sergio intuisce sin da subito che da quel momento avrebbe dovuto scontrarsi con una degenerata impostazione della psichiatria secondo la quale il compito prioritario del medico consiste nel contenere e annullare il paziente, nell’abolire qualsiasi suo desiderio.
Folgorato dall’urlo lacerante di uomini e donne Sergio percepisce il crescendo del loro dolore mentre la loro lontana quotidianità sta sprofondando in una voragine senza respiro.
Con l’avanzare dei giorni il giovane psichiatra riesce a confutare ogni idea di questa forviante e idolatrata psichiatria sicuro di poter riportare uomini e donne, finora abbandonati con le loro sofferenze, a una ritrovata vita quotidiana.
Non più quindi una psichiatria del controllo sulla delirante Giovanna, sulla bulimica Margherita, su Charlotte attanagliata dal morso della coscienza per un forte desiderio di incesto, ma un profondo dialogo per comprendere le loro storie, la loro necessità impellente di riprendere le parole per troppo tempo soffocate.
S’inoltra quindi nell’inquieta vegetazione dei loro pensieri, nei loro ricordi chiusi in un profondo oblio, nei loro isterici movimenti, in quel pianto fagocitato dalla tortura di qualche elettroshock d’ultima generazione, mettendo così in discussione le usuali e violente pratiche psichiatriche.
Solo quando Sandra giunge alla fine del racconto comprende di aver scoperto il fulcro dell’esistenza umana ed è attraverso la sua coraggiosa voce narrante che saluta la vita con un profondo richiamo al valore inestimabile della diversità e alla straordinaria forza della libertà.

GENERE: è un romanzo che in vari tratti può essere definito “psicologico” per la forte connotazione emotiva che emerge nei vari quadri-racconti.
L’intento narrativo è quello di condurre il lettore, attraverso il vissuto dei vari personaggi, al mondo disincantato della follia.

STILE: la narrazione si sviluppa attraverso la tecnica del montaggio parallelo inframezzata da un mosaico di quadri- racconti connotati da un particolare gusto per la descrizione, per l’introspezione psicologica e da una viva e intima teatralità delle scene e dei loro protagonisti.

AMBIENTE: il racconto attraverso il montaggio parallelo e la tecnica del flash back si svolge in un’anonima stanza di degenza riservata ad ospitare gli ultimi giorni di Sandra, malata terminale di cancro, e nella clinica psichiatrica di Losanna.

TEMPO: l’intento narrativo è quello di condurre il lettore, attraverso il vissuto dei vari personaggi, al mondo disincantato della follia. Il tempo narrato in “Maledettamente” può essere definito come un tempo interiore vissuto da ogni singolo personaggio e quindi il “tempo della coscienza”.
Per quanto riguarda la datazione l’autrice non fornisce alcuna precisazione perché le vicende narrate, pur prendendo spunto da alcune pratiche in uso, sono frutto della sua immaginazione.

PERSONAGGI:  il personaggio che funge da voce narrante è Sandra.
Questa donna, sebbene il cancro la sta bramosamente sradicando dalla vita, decide nei pochi giorni che le rimangono di non lasciarsi andare apaticamente alle sorti del destino, ma di rendere omaggio alla vita con una sincera e impietosa testimonianza d’amore e di libertà.
Il carattere di Sandra viene evidenziato attraverso le sue riflessioni.
E’ un personaggio, una voce narrante, che si libra dalle pareti di un’anonima stanza d’ospedale e che guida il lettore a conoscere le vicende di un giovane psichiatra intento a sfidare una violenta psichiatria.
Dalle situazioni narrate il lettore può dedurre l’età anagrafica di Sandra.
L’autrice focalizza la descrizione fisica di Sandra puntando su alcuni elementi descrittivi che evidenziano la sua malattia.
Altro personaggio su cui si snoda il romanzo è Sergio, brillante medico psichiatra, che accetta un incarico alla prestigiosa clinica psichiatrica di Losanna.
Arrivato nella clinica questo giovane medico si scontrerà con determinazione contro gli abusi perpetuati da una degenerata psichiatria, denunciando i soprusi e le violenze messe in atto dalle usuali pratiche psichiatriche.
Attraverso il dialogo con i pazienti, non vedendoli come malati da schedare e da sedare, egli rivendica il diritto di ogni paziente di essere aiutato a superare la sua crisi esistenziale e di essere guidato a recuperare la sua vita quotidiana.
Il tratto che contraddistingue Sergio è la forte empatia che stabilisce con i suoi pazienti. Risaltano nel tessuto narrativo i dialoghi tra Sergio e gli ospiti della clinica; dialoghi che evidenziano l’importanza della diversità come diritto inalienabile di ogni individuo e valore inestimabile per la società.
Gli ospiti della clinica vengono presentati dall’autrice utilizzando una forte connotazione descrittiva; nell’intreccio narrativo emergono scene dal forte spessore emotivo.
L’aspetto fisico e l’abbigliamento aggiungono particolari alle caratteristiche dei personaggi.

RAPPORTO PERSONAGGIO E AUTORE: Si percepisce nel romanzo un intimo rapporto tra l’autrice e i personaggi.fotoAdriana Pitacco.jpg
L’autrice ha infatti vissuto in prima persona alcuni fatti che l’hanno portata a denunciarli utilizzando la narrazione. La caratteristica che accomuna i personaggi è il desiderio ancestrale di conquistare la libertà.


TEMI TRATTATI
: l’affermazione della diversità come valore, la straordinaria forza della liberà e un forte rifiuto per ogni abuso e costrizione


DOVE ACQUISTARLO:

 

I LETTORI NE DICONO…

“C’è una scrittrice tra noi alla quale non bastano le trame. Una donna che racconta un genere di storia dove non conta tanto cosa succede, quanto l’analisi emotiva , drammatica e profonda dei percorsi umani.”

“Un romanzo spiazzante , un sofisticato ed essenziale racconto d’amore e di denuncia.Dalla sua miniera segreta la scrittrice ha estratto questo diamante, sono sicura che nasconde altri tesori”

divisorio
Non ci resta che augurarvi un’attenta, illuminante e profonda lettura.

Naty&Julie ❤