Presentazione di: “L’anello di Beatrice” di Chiara Cipolla

Buongiorno, Notters,

vi presentiamo il nuovo romance di Chiara Cipolla, in finale al concorso Il Mio esordio 2016 il seguito. Ora vi mostriamo: L’anello di Beatrice.

divisorio

cover1
TITOLO: L’anello di Beatrice
AUTRICE: Chiara Cipolla
EDITORE: self-Publishing
DATA PUBBLICAZIONE: 30 Maggio 2016
GENERE: Romance
FORMATO: Ebook/Cartaceo
PAGINE: 367
PREZZO: 0.99€ (Kindle), 13.00€ (cartaceo)
SINOSSI

Emma, ventisette anni, supplente di matematica, delusa dagli uomini, accetta a malincuore l’ennesimo appuntamento al buio organizzato dagli amici. E’ così che conosce l’affascinante ed eclettico Edward, professore di Storia Antica all’Università di Oxford, in Italia per lavoro.  Non potrebbero essere più diversi: lei sogna il grande amore, quello che legge nei romanzi rosa; lui cerca solo avventure occasionali. Lei è carina, solare e sempre disponibile ad aiutare tutti. Lui è bellissimo, schivo e spesso allergico alle relazioni umane. Eppure l’attrazione che li lega è talmente forte, che li coinvolge fin dal primo incontro, e la passione li travolgerà come un treno in corsa. Ma quando tutto sembra ormai scritto, le ferite e i legami del passato di Edward si insinuano tra lui ed Emma e rischiano di spezzare quel rapporto unico che hanno creato insieme.

ESTRATTO

teaser-primo-bacioLui si avvicinò e fece il classico gesto da film di togliersi la giacca, ma io rifiutai, allora si avvicinò ulteriormente… “Ti scaldo io” mi disse aprendo la giacca e invitandomi ad infilare le braccia sotto la stoffa. Io non me lo lasciai ripetere due volte e ne approfittai rintanandomi al calduccio del suo torace e lui mi strinse forte a sé, richiudendo le sue braccia dietro la mia schiena. Io respiravo a pieni polmoni come se stessi ricaricando le batterie, gli occhi chiusi, la guancia che sfiorava la sua camicia aperta sul collo. Edward con una mano aperta premeva tutta la mia schiena trattenendomi a sé e con l’altra mi accarezzava la testa, poi la staccò, invitandomi a guardarlo.  Gli occhi negli occhi. Uno sconfinato e accogliente oceano azzurro mi invitava a tuffarmi dentro le sue acque cristalline. Si chinò verso di me mentre io socchiudevo le palpebre. Il nostro primo bacio, dolce, tenero. Lungo. Mi pareva che non finisse mai. Dopo un po’ cercai di divincolarmi da lui, per riprendere fiato, anche solo per guardarlo, per capire a cosa stesse pensando, ma la sua mano continuava a premere la mia testa contro la sua e allora mi abbandonai a lui e gli gettai le braccia al collo, stringendolo più che potevo.

***  ***  ***

Cavoli stavolta Mister X era notevole: bello da morire, alto, forse troppo per me (ma perché diavolo non mi ero messa dei tacchi vertiginosi? Forse perché non li avevo), magro,

teaser-primo-incontromascella squadrata e poi quei capelli, castano scuro, lunghi sette o otto centimetri, leggermente ondulati, che mi fecero stranamente venire la voglia di infilarci dentro le dita della mano e… per un attimo mi ritrovai a pensare a noi due mentre facevamo… ebbi una vampata di calore alle guance. Abbassai immediatamente lo sguardo temendo che lui potesse percepire i miei torbidi pensieri e mentre tentavo di riprendermi da quel flash erotico causato dall’astinenza ripetuta, rialzai di nuovo il viso e venni avvolta dal profumo inebriante che usciva dalla sua camicia bianca il cui ultimo bottone era slacciato esattamente davanti al mio naso. Era un misto tra un buon profumo di marca, non D&G quelli li conoscevo tutti grazie a Gianluca, e l’appretto che si usa per stirare le camicie. Decisi di salire con lo sguardo per non collassare e mi persi nei suoi grandi occhi azzurri, penetranti, espressivi che continuavano a fissarmi. Dio se era bello.

***  ***  ***

teaser-attesaMi mancava già il suo sorriso, l’espressione del suo volto, il suo profumo. Col tempo lo avrei dimenticato. Per il volto avrei guardato le centinaia di foto che gli avevo fatto, ma la voce, l’odore, il calore del suo abbraccio, li avrei dimenticati. Mi tornò alla mente quel suo modo di imprimere dolcezza ad ogni gesto, ad ogni carezza, ad ogni suo sguardo; il suo modo di pensare camminando su e giù per la stanza, il luccichio negli occhi quando voleva fare l’amore, la fronte che si corrucciava e le ciglia che si ispessivano quando era arrabbiato e tentava di controllare i nervi, il suo meraviglioso sorriso che mi aveva conquistata, tutto avrei dimenticato. E quando fischiettava ascoltando Beethoven, stonando come un cane, e quando mi annoiava con le sue spiegazioni linguistiche e storiche su una semplice lapide etrusca. Mi mancava già tutto di lui, eppure il nostro letto era ancora caldo.

AUTORE: CHIARA CIPOLLA!

teaser-poesia-pavoneNata da papà siciliano e mamma ferrarese, emigrati in Svizzera alla fine degli anni cinquanta, con parenti sparsi nel mondo, Chiara Cipolla è sempre stata circondata da culture ed interessi diversi. Nata a Bologna, la “dotta” sede della più antica Università del mondo, è laureata in Scienze Statistiche Economiche. Vive con il marito e le due figlie a Bologna, dove lavora presso lo studio di un noto commercialista. Il romanzo “L’anello di Beatrice” parte prima e parte seconda è la sua prima pubblicazione.

divisorio

Naty&Julie 🙂

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...