Presentazione di: “Non merito il tuo amore” di Samantha L’Ile”

 

Ciao Notters,
eccoci qui con la prima presentazione della giornata, si tratta di un libro molto recente ma già molto apprezzato sul web: è il primo romanzo di Samantha L’Ile e si intitola “Non merito il tuo amore”. ❤

divisorio

3a5621cf-b40c-404c-94ba-2df934e8044c

TITOLO: Non merito il tuo amore
AUTRICE: Samantha L’Ile
EDITORE: Self-Publoshing
DATA PUBBLICAZIONE: Dicembre 2015
FORMATO: eBook/Cartaceo
GENERE: Romance
PAGINE: 235
PREZZO: € 2,99/ € 9,36

 

SINOSSI

Camilla è una donna piena di cicatrici interiori causate da un passato tragico, ma finge una parvenza di serenità per il bene dei suoi genitori. Per accontentarli, accetta di partire per una lunga vacanza in un paesino di montagna dove i pettegolezzi sono all’ordine del giorno e chiunque riceve presto un soprannome.
In una baita isolata alloggia un misterioso forestiero, ustionato dalla scarica di un fulmine, che in paese chiamano “Il Fulminato”. Camilla lo incontra lungo un sentiero dove, spaventata da un branco di lupi e dall’aspetto minaccioso dell’uomo, cade a precipizio. Lui la soccorre e Camilla capisce che Stefano, così si chiama il suo salvatore, non è affatto pericoloso ma un uomo ferito, dall’animo gentile. Attratti l’uno verso l’altra, iniziano a frequentarsi scatenando allo stesso tempo i pettegolezzi in paese e una passione incontenibile.
Una storia intensa e drammaticamente romantica che mette a nudo due anime ferite, certe di non meritare l’amore che li ha sopraffatti eppure incapaci di resistervi.

Camilla

ESTRATTO

Era così assorta nel passato da non accorgersi immediatamente dei rumori provenienti dalla curva successiva. Le braccia si muovevano da sole e i bastoni affondavano nel terreno a un ritmo serrato mentre il respiro diventava affannato, ma non voleva fermarsi. Quando Camilla terminò la curva e iniziò il tornante successivo, era troppo tardi per scappare. Tre lupi occupavano il sentiero a pochi metri di distanza. Erano enormi e avevano i denti scoperti in un ringhio che le fece venire la pelle d’oca mentre una scossa di adrenalina le attraversava il corpo dalla testa ai piedi. Per un secondo Camilla si distrasse a osservare la pelle e i peli ritti sulle braccia mentre le ginocchia le tremavano per la potenza di quell’emozione. Provare qualcosa, persino paura, era un’esperienza che aveva quasi dimenticato.

Indietreggiò di colpo, spostandosi sul lato esterno del sentiero mentre le belve la fissarono come qualcosa di buono da mangiare. In quell’istante fu certa che sarebbe andata così e non la stupì affatto l’ironia della sorte, aveva sfidato il destino cercando un luogo di pace e armonia quando non meritava altro che dolore e, nel caso specifico, essere sbranata da un branco di bestie selvagge. Le risuonarono nella mente le parole di sua madre: “meriti un po’ di serenità figlia mia, nonostante tutto, tu la meriti.” Il fato non era d’accordo e Camilla sapeva di non meritare niente.

Infine lo vide. Era alto e incedeva minaccioso mentre scendeva lungo il sentiero guardando in basso, il cappello calcato sugli occhi. Muoveva i piedi affondandoli con rabbia nel terreno, come un generale in marcia sul campo di battaglia e vestito di verde militare sembrava davvero il comandante di un esercito. Lui non l’aveva ancora notata, ma Camilla sapeva chi aveva di fronte. Era il Fulminato.

Le tornarono alla mente i pettegolezzi che aveva sentito e la testa si riempì di parole allarmanti: pazzo, pericoloso, bestia. I battiti cardiaci aumentarono la loro corsa tanto che li sentiva rimbombare nelle orecchie e le sembrò che il cuore le potesse schizzare fuori dal petto. In passato Camilla aveva sperato di risvegliarsi dal sonno dei sensi in cui era caduta, ma si era immaginata una lenta rinascita, come un fragile germoglio che sbuca nelle neve e cresce piano. Invece era vittima di un bombardamento sensoriale terrificante che la stava gettando nel panico. A peggiorare la crisi, i lupi ringhiarono di nuovo emettendo un verso agghiacciante e l’uomo alzò lo sguardo. Due occhi di ghiaccio fissarono ostili quelli di Camilla che d’istinto spostò il piede indietro di un passo e di un altro ancora. Poi non sentì più la terra sotto allo scarpone, solo il nulla, mentre precipitava e un urlo di terrore lacerava l’aria, ma non era stata Camilla a gridare. Era stato lui. Il Fulminato.

fulminato

CHI E’ SAMANTHA L’ILE?

Samantha L’Ile vive in provincia di Varese con il marito e i figli. Laureata in Ingegneria Informatica, lavora in ambito amministrativo con i numeri ma sono le parole la sua vera passione. Lettrice compulsiva da sempre, ha pubblicato i romanzi “Coppia di Cuori” e “Cuori Coraggiosi”, contemporanei autoconclusivi, e “Le Vicende degli Island”, una serie young adult di genere paranormale.
L’indirizzo del suo blog è: sammylile.blogspot.it


I LETTORI NE DICONO…

“…chiunque merita di essere amato e di avere un’altra occasione…
consigliatissimo!!!!”

“Tanti risvolti psicologici, coincidenze e similitudini tra i personaggi coinvolti. Da leggere!”

“Un romanzo intimista ed emotivo, scritto con grande classe!”

divisorio

Non abbiamo resistito oltre, lo stiamo scaricando… Fate lo stesso! 🙂

Julie&Naty ❤

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...