Recensione di: “Il volto dell’attesa” di Roberta Volpi

Buongiorno Notters,

Le letture non mancano mai, per fortuna! Evadere e vestirsi di abiti diversi ogni volta, che si apre un libro. Dal più divertente al più complesso. Questa settimana mi sono imbattuta in una lettura fantastica: ho vissuto il sogno di Alison. Protagonista di “Il volto dell’attesa” di Roberta Volpi. Un romanzo surreale, che trasporta in un’altra dimensione per poi fondersi con la realtà. Un genere che in Italia non è ancora molto conosciuto, o più probabilmente non rispetta i soliti cliché. Ma ora seguitemi attraverso i sogni lucidi di Alison! 🙂

divisorio510CULH5tyL__SX312_BO1,204,203,200_ - Copia

 

TITOLO: Il volto dell’attesa
AUTORE: Roberta Volpi
EDITORE: Self-Publishing
DATA PUBBLICAZIONE: Ottobre 2015
GENERE: Romance Surreale
FORMATO: Ebook/ Cartaceo
PREZZO: € 0,99/ € 7,80

SINOSSI

Un sogno ricorrente, una panchina nel centro di Seattle, un uomo che conosce cose che non dovrebbe sapere.
Il volto dell’attesa è un romanzo surreale (filone letterario paranormale).
E se attraverso il sogno si potesse scorgere l’origine di tutte le cose? E se il sogno non fosse altro che l’accesso segreto a una dimensione fatta di illusioni in grado di mettere in dubbio tutto ciò che consideriamo realtà? E se nell’altra dimensione ti attendesse la verità? Ti attendesse il vero amore.
Alison è una ragazza riservata e disillusa che col tempo si è abituata a fronteggiare con scetticismo ogni realtà rifiutando a se stessa l’ipotesi di poter rivivere un solo breve attimo di felicità assoluta per non fallire, ogni volta, nel tentativo di tenerla con sé. Legata a questa visione distorta di ciò che la circonda non si accorge di perdersi ogni giorno un po’, ignorando ciò che la vita a un certo punto deciderà di mostrarle: una via d’uscita, che si presenterà a lei come sogno lucido ricorrente. Riuscirà Alison, cercando riparo in un amore del passato, ad accettare l’oscurità fino in fondo per scoprirvi la luce, rischiando di accorgersi di quanto, non sempre, alla luce stessa, le cose si vedano più chiaramente?
Il volto dell’attesa vuole essere un momento di lettura in cui gli animi restino sospesi in attesa di una risposta che smetta di far male al cuore in un finale sorprendente; un momento senza la pretesa di raccontare ogni cosa perché dire troppo sarebbe superfluo. Proprio per questo, Il volto dell’attesa è un romanzo surreale in cui solo alla fine tutto sarà mostrato e nulla sarà più detto, poiché quel che viene mostrato e non si dice è determinante quanto ciò che viene detto senza essere mostrato, affinché il lettore possa sentirsi parte della narrazione ed essere guidato in un’oscurità che precede un bagliore che, a seconda della direzione che prenderà il suo passo sulla soglia, potrà aprirsi in inondante luce o in avvolgente tenebra.

RECENSIONE

Sogno Lucido o esperienza onirica, dove si prende coscienza di ciò che si sta sognando: si è consapevoli, di vivere nel nostro sogno. Si è interamente padroni di manipolare il nostro viaggio nell’altra dimensione, fantastica, durante la fase REM. Svegliandosi e ricordandosi in che mondo fantastico ci si è trovati. Un mondo completamente inventato, dalla nostra mente. Ma la parte più interessante è che aiuta a vivere in armonia con la nostra vita reale. Ed è ciò che succede ad Alison…

 

Alison ha una vita apparentemente perfetta. Ha lasciato un ragazzo che l’ama profondamente, tutto il mondo di Larrie ruota intorno ad Alison. Riservata, scettica tanto che difficilmente: coglie l’attimo. Preferisce vivere in una routine, che in un attimo di vera felicità. Tutto cambia dopo l’incontro con la veggente del Luna Park e questo scatena inconsciamente in Alison, una nuova realtà.

Non  devi  temere,  so  cosa  c’è  nel  tuo  cuore.  Ti  senti smarrita,  la  tua  casa  è  diventata  troppo  grande.  Ma non  sei  sola,  devi  essere  forte  e  non  abbatterti,  non soccombere  mai.  Siamo  tutti  nello  stesso  luogo, siamo  tutti  su  piani  diversi.  Ora  ti  sembra impossibile,  ma  quando  il  tuo  posto  nel  mondo  ti verrà  mostrato,  tu  non  tornare  indietro.  C’è un’alternativa a tutto questo  ma  dovrai riconoscerla,  ed  è  più  vicina  di  quanto  pensi,  lasciati trasportare  dall’energia.  Accadrà  prima  di  quanto credi.

Il cambiamento…

Quando chiude gli occhi ogni sera, e sogna la solita panchina; testimone dei suoi pensieri, nel parco di Pioneer Square, Seattle. instaquote-02-05-2016-13-37-43

Nei suoi sogni ad aspettarla su quella panchina c’è Ryan, il ragazzo dei suoi sogni… Perfetto per lei. Ogni volta che lei si addormenta, prende vita la sua fase onirica e lui è lì ad aspettarla. Nel buio della notte tra i suoi sogni è diventato il suo confidente, ma anche la sua salvezza. Alison è travolta dall’emozioni che controllano i suoi sogni. Si sveglia cosciente di aver vissuto una vita parallela. Questo la manda in confusione, è contro ad ogni cosa che lei ha sempre creduto. Ma questi sogni sono anche una sorta di cura per Alison: piano piano le stava sfuggendo la sua vita. La luce che trova nei sogni è la porta del suo cuore, tanto che si riavvicina a Larrie, il ragazzo che l’ha sempre amata. Però questo riavvicinamento, dissolve Ryan nei suoi sogni: è sparito. Ma realtà e fantasia di Alison, sono la stessa cosa? I suoi sogni, sono frutto del suo inconscio? Non vi svelo altro, tutto è da scartare pagina per pagina.

instaquote-02-05-2016-13-44-16

“Il volto dell’attesa” è un libro coinvolgente, descrittivo in modo impeccabile, immerge il lettore portandolo a leggerlo a d’un fiato. Perché non si riesce a stare in attesa, si vuole arrivare alla conclusione a scoprire cosa realmente sta succedendo ad Alison. Il filo surreale che regna in tutto il romanzo, fa soffermare il lettore al punto di rivelare gli aspetti intimi dell’animo umano. Ora io vado a perdermi tra i miei sogni lucidi! Ah… ma voi però non perdetevi la bellissima penna di Roberta Volpi.

 

Naty

image

 

Annunci

Un pensiero su “Recensione di: “Il volto dell’attesa” di Roberta Volpi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...