Presentazione di: “Invarianze di scala” di Rabolas

Carissimi, tutti abbiamo il nostro genere letterario preferito, ma le poesie dove le mettiamo? Quindi abbiamo deciso di uscire un po’ dai nostri schemi e dar spazio a questa forma d’arte indiscussa. “Invarianze di scala” di Rabolas.

divisorio612KOkAT8FL__SX311_BO1,204,203,200_

TITOLO: Invarianze di scala
AUTORE: Rabolas
EDITORE: Self Publishing
DATA PUBBLICAZIONE: 7 Dicembre 2015
GENERE: Raccolta di Poesie
FORMATO: Ebook
PREZZO: € 0,99

 

 

 

SINOSSI

Invarianze di scala è una raccolta di 33 poesie. Se mettessi in fila una dietro l’altra le parole che le compongono, cercando un filo narrativo, avrei due brevi racconti da farvi leggere. Il primo sarebbe un racconto di città, luci e ombre, gioia e solitudine, persone, situazioni e ovviamente di emozioni. Il secondo sarebbe un racconto un poco più intimistico fatto di natura, sensazioni, di pensieri.
Ma se volete leggere queste poesie così come sono, semplicemente, senza farci troppa filosofia, allora eccovi quello che passa per la testa di un poeta senza schemi tra le vie di una città, guardandosi attorno, cercando di scrollarsi di dosso la polvere di ogni giorno, e di capire questo misterioso mondo.
Se volete leggere, così per curiosità, spero di agganciare la vostra attenzione per qualche momento, per avere toccato dei sentimenti comuni.

CHI E’ RABOLAS?

Mi chiamo Rabolas, Rabo per gli amici, e sono uno scrittore e un poeta indie. Vivo a Torino.
Cosa posso dire di me stesso? Che sono interessato a tutto ciò che riguarda libri, poesia, letteratura… and life and times, come si dice oltre Manica.

Il mio primo libro auto-pubblicato è la raccolta poetica Invarianze di scala. E’ una raccolta di 33 poesie in cui ho cercato di catturare le emozioni immerse nella quoditidanità, cavalcando la mia idea di poesia di guardarmi  attorno con occhi nuovi per mischiare le parole.

 
TRATTA DALLA RACCOLTA
Riflessioni 
Frantumi di specchio seminati  per strada lungo la notte.  Alberi altissimi dai rami scarni sotto i miei piedi corrono nuvole. E come un fiore che si apre la notte  un ritaglio di cielo in un raggio di sole:  uno schizzo di luce si scioglie per strada  si trasforma in un’ombra, uno sprazzo  d’altrove. E io, che sono solo un riflesso  in questo nulla d’autore, un altro  me stesso. Un’immagine obliqua. Un sassolino gettato tra pozzanghere  sparse e circolari orizzonti.
divisorio
Se volete immergervi nei 33 racconti di Rabolas cliccate qui!
Naty&Julie
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...